Sabato 13 Agosto 2022 | 14:52

In Puglia e Basilicata

La «Rendella»

Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

In arrivo libri a caratteri maxi

20 Marzo 2019

Eustachio Cazzorla

A grandi lettere. In arrivo i libri per gli ipovedenti nella biblioteca Prospero Rendella. La «piazza del sapere» abbatte le barriere della cultura e diventa inclusiva verso le fasce più deboli.
Il progetto nasce da una proposta dell’assessora comunale alla Cultura Rosanna Perricci. L’ha portata in giunta qualche giorno fa e ha ottenuto il «sì» dell’esecutivo con a capo il sindaco Angelo Annese.
Così la biblioteca diretta da Valeria Dell’Anna adesso ha avere aderito al progetto «Leggere facile, leggere tutti» finanziato dal Mibact e realizzato dalla Biblioteca italiana ipovedenti onlus (Bii). Si tratta una biblioteca specifica per gli ipovedenti per gli anziani affetti da disturbi della vista legati all’età, per persone con minorazioni visive non classificabili legalmente.
La Biblioteca civica Prospero Rendella ospiterà nei propri locali i libri a grandi caratteri per chi purtroppo ha una capacità visiva molto indebolita, al limite della cecità. L’ipovedente infatti è chi ha un campo visivo limitato da fatti traumatici, a seguito di malattie o fin dalla nascita. Ma ipovedenti possono essere anche anziani con la vista indebolita dall’età.


In questo modo, i libri messi a disposizione dalla Bii onlus offriranno, gratuitamente, un’opportunità di accedere a materiale editoriale catalogato nello specifico per persone ipovedenti e più in generale per persone con la vista indebolita.
Alterazioni della vista o ridotte capacità visive da un lato e la facilità di accedere a libri specifici per non escludere nessuno dalla cultura. Per sentirsi come i cosiddetti «normodotati», per leggere quindi in completa autonomia.
L’obiettivo dichiarato è quello di facilitare e favorire l’accesso all’istruzione, all’informazione, alla cultura, alla lettura in genere, a una categoria di individui sempre più ampia.
Il servizio di lettura facilitata messo a disposizione dalla Biblioteca italiana per ipovedenti onlus mira a diffondere l’abitudine alla lettura in una fascia d’utenza particolarmente debole rispetto ad altre, tutelata da leggi specifiche che risalgono al 2001. Per combattere, con i caratteri cubitali formato maxi, le minorazioni visive non classificabili legalmente. Un’utenza, questa, ad alto rischio di emarginazione nell’ambito della circolazione delle informazioni e della cultura, intesa, quest’ultima, come sapere teorico-pratico.
Di qui l’apertura della biblioteca di Monopoli anche a queste fasce particolarmente deboli della popolazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725