Lunedì 25 Marzo 2019 | 20:47

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
Vandali all'opera
Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

 
La storia
Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale Ragone

 
Il riscatto
Valenzano, la coop «Semi di Vita» si prende i terreni tolti alla mafia

Valenzano, la coop «Semi di Vita» si prende i terreni tolti alla mafia

 
polizia postale in allerta
Dietro le mail si nascondono estorsioni sessuali: utenti baresi ricattati

Dietro le mail si nascondono estorsioni sessuali: utenti baresi ricattati

 
L’esodo dei camici bianchi
Bari, in pensione 100 medici all’anno e con la quota 100 aumentano

Bari, in pensione 100 medici all’anno e con la quota 100 aumentano

 
Per i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
I fatti nel 2015
Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

 
Ladro sfortunato
Sammichele di Bari: tenta furto in casa, arriva proprietario

Sammichele di Bari: tenta furto in casa, arriva proprietario

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Operazione della Gds

Grumo, crac da 3,1 al frantoio: sequestrati beni, nei guai padre e figlio

Michele Locorriere e il figlio avrebbero sottratti beni dall'azienda fallita

Finanza

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Bari hanno sottoposto a sequestro preventivo somme di denaro depositate su conti correnti bancari, un capannone industriale adibito ad opificio con annessa fabbricati ad uso uffici/abitazione ed un vigneto di 70 mila metri quadri riconducibili al “Frantoio Oleario Locorriere Michele” impresa individuale con sede in Binetto, operante nella produzione olearia e commercializzazione di prodotti agricoli, dichiarata fallita in data 30.05.2016.

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal gip del Tribunale di Bari su richiesta della Procura della Repubblica al termine di accertamenti delegati ai finanzieri del Gruppo Tutela mercato capitali, articolazione interna al Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Bari, specializzata nel contrasto agli illeciti finanziari, societari e fallimentari.

Le indagini, sviluppate attraverso riscontri contabili, indagini bancarie ed testimonianze, hanno permesso di far luce sulle "attività" del titolare dell’azienda, Michele Locorriere che, con la complicità del figlio Lorenzo, a sua volta legale rappresentante di una società operante nel medesimo settore - entrambi sono stati denunciati per bancarotta fraudolenta per circa 3,1 milioni di euro - avrebbe depauperato il patrimonio e le risorse finanziarie dell’impresa in fallimento sottraendo illecitamente dalle casse di quest’ultima beni sui quali avrebbero potuto rivalersi i creditori.

Oltre al sequestro dell’immobile e del terreno - affidato all’amministratore e custode nominato dall’autorità giudiziaria - nonché del denaro rinvenuto sui conti correnti bancari, i finanzieri hanno notificato ai due indagati l’informazione di garanzia emessa dalla Procura della Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400