Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 16:15

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Per Filippo Capriati

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Chiesti anche 28 anni di reclusione per il nipote del boss della città vecchia

porto di Bari

La Procura di Bari ha chiesto la condanna a 28 anni di reclusione per Filippo Capriati, nipote del boss della città vecchia Antonio, ritenuto a capo dell’organizzazione mafiosa che negli ultimi anni avrebbe assunto di fatto il controllo del servizio di assistenza e viabilità all’interno del porto di Bari, oltre a commettere estorsioni ai commercianti, furti, rapine e trafficare in armi e droga.
Per altri 24 imputati a processo con rito abbreviato davanti al gup del Tribunale di Bari Antonella Cafagna, il pm Fabio Buquicchio aveva chiesto già alla scorsa udienza altrettante condanne a pene comprese tra i 26 anni e i 16 mesi di reclusione per i reati, a vario titolo contestati, di associazione mafiosa, traffico e spaccio di droga, aggravati dal metodo mafioso e dall’uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate, furti, truffa e induzione indebita a dare o promettere utilità. Durante la contestuale udienza preliminare, la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio degli altri 13 imputati che non hanno scelto l’abbreviato.


Nel procedimento sono costituiti parti civili l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, Ministero dell’Interno, Agenzia delle Entrate, Cooperativa Ariete e Associazione Antiracket Puglia. L’Autorità Portuale ha quantificato in un milione di euro il danno all’immagine subito e la cooperativa Ariete ha chiesto complessivamente 150mila euro di risarcimento danni. Le discussioni delle difese cominceranno nella prossima udienza del 18 gennaio e la sentenza è prevista a marzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400