Domenica 20 Gennaio 2019 | 09:30

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

5 sparatorie nell'estate 2015

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

In una fu uccisa per errore una passante, Anna Rosa Tarantino

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

Spararono contro l’appartamento sbagliato, con l’obiettivo di colpire un affiliato di un clan rivale, e un proiettile si conficcò nello schienale della sedia dove era seduto un ignaro condomino, rimasto illeso. È la prima delle 5 sparatorie, risalenti all’estate 2015, che diedero inizio a Bitonto alla guerra tra gruppi criminali per il controllo delle piazze di spaccio in città, durata più di 2 anni e confluita nei quattro agguati del 30 dicembre 2017: in uno dei quali fu uccisa per errore una passante, l’anziana Anna Rosa Tarantino. Il gup del Tribunale di Bari, Giovanni Abbattista, nei giorni scorsi ha condannato, riconoscendo per tutti l'aggravante mafiosa, 7 persone a pene comprese tra i 10 anni e 2 mesi e i 3 anni e 2 mesi di reclusione per le cinque sparatorie avvenute tra luglio e ottobre 2015 in cui, in un botta e risposta fatto di pestaggi con mazze da baseball e colpi di mitragliette esplosi in mezzo alla folla di un luna park durante la festa patronale, rimasero ferite almeno quattro persone.

La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. Stando alle indagini della Dda di Bari, coordinate dal pm Marco D’Agostino, il 29 luglio 2015 un gruppo di affiliati al clan Conte sparò contro la casa di un rivale, colpendo per errore l'appartamento al piano più basso del palazzo. Uno dei proiettili si conficcò in una sedia e, solo per fatalità - spiegano gli inquirenti - l’uomo che vi era seduto rimase illeso. Seguirono, quello stesso giorno e poi il successivo 17 agosto, le risposte a quell'agguato, con il tentato omicidio del boss Domenico Conte. Il 18 agosto arrivò la risposta a questi due agguati, con il ferimento di due persone, e dopo due mesi, il 18 ottobre, la gambizzazione dei sicari del clan Conte, avvenuta nel luna park affollato di gente per la sagra dei SS. Medici Cosma e Damiano.


In particolare il gup ha condannato il pregiudicato Giuseppe Antuofermo alla pena di 10 anni e 2 mesi, Vittorio Christian Scaringella e Alessandro D’Elia a 3 anni e 2 mesi, Vito Antonio Tarullo a 4 anni e 6 mesi (tutti presunti affiliati al clan Conte), i rivali Salvatore Di Cataldo e Nicola Lorusso a 10 anni, Giuseppe Rocco Cassano a 9 anni e 4 mesi di reclusione. La svolta nelle indagini su questi cinque agguati è arrivata dopo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Tarullo, che nel marzo 2018 rivelò anche i nomi dei responsabili dell’omicidio della signora Tarantino, ordinato dal boss Conte. Per i fatti del dicembre 2017 il processo con rito abbreviato inizierà nell’aula bunker di Bitonto il prossimo 19 dicembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400