Sabato 20 Aprile 2019 | 12:12

NEWS DALLA SEZIONE

Sgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
Fishing for Litter
Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

 
Trasporti
Pendolari, in Puglia arriva la riforma: più bus dove servono

Pendolari, in Puglia arriva la riforma: più bus dove servono

 
Il caso
Neonato morto dopo parto in casa a Bari: indaga la Procura

Giallo a Bari, neonato morto dopo parto in casa: indaga la Procura

 
La scomparsa
Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

 
L'indiscrezione
Efe Murat, il mercantile arenato lascia il porto di Bari

Efe Murat, il mercantile arenato lascia il porto di Bari

 
Nel Barese
Locorotondo, abbandonati 5 cuccioli sulla strada per il canile: salvati

Locorotondo, abbandonati 5 cuccioli sulla strada per il canile: salvati

 
I festeggiamenti
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Verso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
BariSgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
MateraTradizioni culinaria
Pasqua animalista? No grazie, i lucani non rinunciano ad agnelli e capretti

Pasqua animalista? No grazie, i lucani non rinunciano ad agnelli e capretti

 
TarantoL’edificio è in piazza Ebalia
Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

 
FoggiaContratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 
BrindisiTurismo
«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

 

5 sparatorie nell'estate 2015

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

In una fu uccisa per errore una passante, Anna Rosa Tarantino

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

Spararono contro l’appartamento sbagliato, con l’obiettivo di colpire un affiliato di un clan rivale, e un proiettile si conficcò nello schienale della sedia dove era seduto un ignaro condomino, rimasto illeso. È la prima delle 5 sparatorie, risalenti all’estate 2015, che diedero inizio a Bitonto alla guerra tra gruppi criminali per il controllo delle piazze di spaccio in città, durata più di 2 anni e confluita nei quattro agguati del 30 dicembre 2017: in uno dei quali fu uccisa per errore una passante, l’anziana Anna Rosa Tarantino. Il gup del Tribunale di Bari, Giovanni Abbattista, nei giorni scorsi ha condannato, riconoscendo per tutti l'aggravante mafiosa, 7 persone a pene comprese tra i 10 anni e 2 mesi e i 3 anni e 2 mesi di reclusione per le cinque sparatorie avvenute tra luglio e ottobre 2015 in cui, in un botta e risposta fatto di pestaggi con mazze da baseball e colpi di mitragliette esplosi in mezzo alla folla di un luna park durante la festa patronale, rimasero ferite almeno quattro persone.

La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. Stando alle indagini della Dda di Bari, coordinate dal pm Marco D’Agostino, il 29 luglio 2015 un gruppo di affiliati al clan Conte sparò contro la casa di un rivale, colpendo per errore l'appartamento al piano più basso del palazzo. Uno dei proiettili si conficcò in una sedia e, solo per fatalità - spiegano gli inquirenti - l’uomo che vi era seduto rimase illeso. Seguirono, quello stesso giorno e poi il successivo 17 agosto, le risposte a quell'agguato, con il tentato omicidio del boss Domenico Conte. Il 18 agosto arrivò la risposta a questi due agguati, con il ferimento di due persone, e dopo due mesi, il 18 ottobre, la gambizzazione dei sicari del clan Conte, avvenuta nel luna park affollato di gente per la sagra dei SS. Medici Cosma e Damiano.


In particolare il gup ha condannato il pregiudicato Giuseppe Antuofermo alla pena di 10 anni e 2 mesi, Vittorio Christian Scaringella e Alessandro D’Elia a 3 anni e 2 mesi, Vito Antonio Tarullo a 4 anni e 6 mesi (tutti presunti affiliati al clan Conte), i rivali Salvatore Di Cataldo e Nicola Lorusso a 10 anni, Giuseppe Rocco Cassano a 9 anni e 4 mesi di reclusione. La svolta nelle indagini su questi cinque agguati è arrivata dopo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Tarullo, che nel marzo 2018 rivelò anche i nomi dei responsabili dell’omicidio della signora Tarantino, ordinato dal boss Conte. Per i fatti del dicembre 2017 il processo con rito abbreviato inizierà nell’aula bunker di Bitonto il prossimo 19 dicembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400