Domenica 20 Gennaio 2019 | 09:33

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

La storia

Niente più carri a Carnevale: oggi Gino restaura presepi

Gino Cantatore è un artigiano di Molfetta che si è reinventato e tiene corsi gratuiti per i giovani

Niente più carri a Carnevale: oggi Gino restaura presepi

A Molfetta si passa dal Carnevale al Natale. Scomparsa la tradizionale sfilata di carri allegorici, gli artigiani si dedicano alla costruzione e restauro dei presepi.
Da anni in città la tradizione legata al Carnevale pare completamente estinta. Anche quest’anno non vi saranno sfilate di carri allegorici. Tuttavia l’arte della cartapesta esiste ancora grazie a una genuina tipologia di artigianato vivo, originale e fruttuoso.
Gino Cantatore, classe 1975, uno degli ultimi maestri cartapestai che Molfetta può vantare, dopo diverse partecipazioni a manifestazioni carnevalesche di altre città, ha deciso da qualche anno di dedicarsi a un altro tipo di artigianato, quello legato alla costruzione, assemblaggio e restauro di presepi.


«Sebbene siamo ancora all'inizio del periodo in cui in casa si allestisce il presepe - ha commentato Cantatore -, per noi artigiani l'attività è già quasi conclusa in quanto tutti coloro che avevano chiesto un restauro si sono rivolti a me già da alcune settimane. Parallelamente tutti i presepi che avevo ideato e costruito sono andati letteralmente a ruba», ammette.
Lo stile utilizzato da Cantatore non si ispira a quello dei presepi napoletani nè a quello di altri luoghi ma assume caratteristiche tipiche del territorio, a partire dai materiali utilizzati.
«Tutti i presepi, che creo dal nulla - ha proseguito -, sono costruiti con materiali di risulta, spesso riciclati, che riprendono a vivere per una nobile causa. La semplicità rappresenta una caratteristica dei miei presepi, ovvero l’elemento unico che riesce a renderlo tipico, come desidero io».


L’ultima sfilata di carri allegorici a Molfetta si tenne nel 2012: da allora nessuna delle amministrazioni comunali che si sono succedute ha ripreso una tradizione antica. «Il passaggio dal Carnevale al Natale - ha proseguito l’artigiano - per me non rappresenta affatto un ripiego, in quanto mi ha permesso di riprendere un’attività molto sentita a Molfetta, tanto che è difficile trovare un molfettese non interessato ai presepi. Non nascondo però tutto il mio risentimento per il fatto che in questa città si è deciso di non puntare su un momento tipico e tradizionale come il Carnevale».
Un lavoro, quello di Cantatore, che non si limita soltanto a creare e restaurare ma si avvia sempre di più verso la formazione e l’insegnamento di un’arte che non deve perdersi. «È da tempo - ha concluso - che organizzo presso la mia bottega, gratuitamente, dei corsi per l'apprendimento dell'arte».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400