Sabato 20 Aprile 2019 | 12:13

NEWS DALLA SEZIONE

Sgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
Fishing for Litter
Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

 
Trasporti
Pendolari, in Puglia arriva la riforma: più bus dove servono

Pendolari, in Puglia arriva la riforma: più bus dove servono

 
Il caso
Neonato morto dopo parto in casa a Bari: indaga la Procura

Giallo a Bari, neonato morto dopo parto in casa: indaga la Procura

 
La scomparsa
Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

 
L'indiscrezione
Efe Murat, il mercantile arenato lascia il porto di Bari

Efe Murat, il mercantile arenato lascia il porto di Bari

 
Nel Barese
Locorotondo, abbandonati 5 cuccioli sulla strada per il canile: salvati

Locorotondo, abbandonati 5 cuccioli sulla strada per il canile: salvati

 
I festeggiamenti
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Verso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
BariSgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
MateraTradizioni culinaria
Pasqua animalista? No grazie, i lucani non rinunciano ad agnelli e capretti

Pasqua animalista? No grazie, i lucani non rinunciano ad agnelli e capretti

 
TarantoL’edificio è in piazza Ebalia
Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

 
FoggiaContratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 
BrindisiTurismo
«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

 

La storia

Niente più carri a Carnevale: oggi Gino restaura presepi

Gino Cantatore è un artigiano di Molfetta che si è reinventato e tiene corsi gratuiti per i giovani

Niente più carri a Carnevale: oggi Gino restaura presepi

A Molfetta si passa dal Carnevale al Natale. Scomparsa la tradizionale sfilata di carri allegorici, gli artigiani si dedicano alla costruzione e restauro dei presepi.
Da anni in città la tradizione legata al Carnevale pare completamente estinta. Anche quest’anno non vi saranno sfilate di carri allegorici. Tuttavia l’arte della cartapesta esiste ancora grazie a una genuina tipologia di artigianato vivo, originale e fruttuoso.
Gino Cantatore, classe 1975, uno degli ultimi maestri cartapestai che Molfetta può vantare, dopo diverse partecipazioni a manifestazioni carnevalesche di altre città, ha deciso da qualche anno di dedicarsi a un altro tipo di artigianato, quello legato alla costruzione, assemblaggio e restauro di presepi.


«Sebbene siamo ancora all'inizio del periodo in cui in casa si allestisce il presepe - ha commentato Cantatore -, per noi artigiani l'attività è già quasi conclusa in quanto tutti coloro che avevano chiesto un restauro si sono rivolti a me già da alcune settimane. Parallelamente tutti i presepi che avevo ideato e costruito sono andati letteralmente a ruba», ammette.
Lo stile utilizzato da Cantatore non si ispira a quello dei presepi napoletani nè a quello di altri luoghi ma assume caratteristiche tipiche del territorio, a partire dai materiali utilizzati.
«Tutti i presepi, che creo dal nulla - ha proseguito -, sono costruiti con materiali di risulta, spesso riciclati, che riprendono a vivere per una nobile causa. La semplicità rappresenta una caratteristica dei miei presepi, ovvero l’elemento unico che riesce a renderlo tipico, come desidero io».


L’ultima sfilata di carri allegorici a Molfetta si tenne nel 2012: da allora nessuna delle amministrazioni comunali che si sono succedute ha ripreso una tradizione antica. «Il passaggio dal Carnevale al Natale - ha proseguito l’artigiano - per me non rappresenta affatto un ripiego, in quanto mi ha permesso di riprendere un’attività molto sentita a Molfetta, tanto che è difficile trovare un molfettese non interessato ai presepi. Non nascondo però tutto il mio risentimento per il fatto che in questa città si è deciso di non puntare su un momento tipico e tradizionale come il Carnevale».
Un lavoro, quello di Cantatore, che non si limita soltanto a creare e restaurare ma si avvia sempre di più verso la formazione e l’insegnamento di un’arte che non deve perdersi. «È da tempo - ha concluso - che organizzo presso la mia bottega, gratuitamente, dei corsi per l'apprendimento dell'arte».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400