Lunedì 17 Giugno 2019 | 15:11

NEWS DALLA SEZIONE

La città che cambia
A Bari vecchia arriva la 'Casa dell'acqua': installazione in piazza Chiurlia

A Bari vecchia arriva la 'Casa dell'acqua': installazione in piazza Chiurlia

 
Il processo
Escort, Berlusconi imputato a Bari: la difesa vieta foto e video durante udienza

Escort, Berlusconi imputato a Bari: la difesa vieta riprese

 
Lotta alla droga
Casamassima, aveva trasformato la casa in un 'bazar dello spaccio': arrestato 44enne

Casamassima, aveva trasformato la casa in un 'bazar dello spaccio': arrestato 44enne

 
La legge
Polemica su ddl omofobia: Bari Pride rifiuta il patrocinio della Regione Puglia

Polemica su ddl omofobia: Bari Pride rifiuta il patrocinio della Regione Puglia

 
Sulla ex provinciale 54
Bari, auto finisce contro il guard rail: un morto

Bari, auto finisce contro il guardrail: un morto

 
Tra Bari e Acquaviva
Bari, assalto armato a furgone portavalori sul'A14: rapinatori in fuga con 100mila euro

Bari, assalto armato a portavalori sull'A14: in fuga con 100mila euro

 
Mafia
Bari, assolto in appello Dino Telegrafo: «Non ha ucciso Pinuccio ù drogat»

Bari, assolto in appello Dino Telegrafo: «Non ha ucciso Pinuccio ù drogat»

 
L'operazione
Santeramo, tentata estorsione a imprenditore di azienda agroalimentare: 5 arresti

Santeramo, tentata estorsione a imprenditore di azienda agroalimentare: 3 arresti

 
Incidente stradale
Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave + VIDEO +

Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa città che cambia
A Bari vecchia arriva la 'Casa dell'acqua': installazione in piazza Chiurlia

A Bari vecchia arriva la 'Casa dell'acqua': installazione in piazza Chiurlia

 
TarantoLotta alla droga
Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

 
FoggiaIl caso
Grano a Foggia, De Bonis scrive a Mattarella: «Presto commissione unica»

Grano a Foggia, De Bonis scrive a Mattarella: «Presto commissione unica»

 
PotenzaRegione Basilicata
Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

 
MateraSanità lucana
Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

 
LecceIl macabro ritrovamento
San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

 
BrindisiL'incidente
Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimbo in ospedale

Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimba in ospedale

 
BatL'incidente
Trani, sedicenne precipitato da Villa Comunale: è mistero sulle cause

Trani, sedicenne precipitato da Villa Comunale: è mistero sulle cause

 

i più letti

Il caso a febbraio 2017

Abbandonò neonata tra scogli a Monopoli, mamma condannata a 14 anni

La piccola fu trovata tre giorni dopo l'abbandono: la 24enne di Castellana Grotte l'aveva lasciata il 12 febbraio a Cala Monaci

recinto a monopoli

Il gup del Tribunale di Bari, Giovanni Abbattista, ha condannato alla pena di 14 anni di reclusione la 24enne di Castellana Grotte Lidia Rubino, imputata per l’omicidio volontario pluriaggravato della figlia neonata per averla abbandonata tra gli scogli di una spiaggia di Monopoli, 'Cala Monaci', dopo averla partorita. Il giudice, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, ha escluso l’aggravante dei futili motivi e ha concesso una ulteriore attenuante per aver riconosciuto il parziale vizio di mente. La neonata fu abbandonata all’alba del 12 febbraio e ritrovata sul bagnasciuga da una coppia di turisti tre giorni dopo, il 15 febbraio 2017. La ragazza, assistita dall’avvocato Nicola Miccolis, dopo circa quattro mesi di detenzione in carcere, dal 29 marzo al 18 luglio dello scorso anno, è attualmente agli arresti domiciliari presso una comunità terapeutica. Nel corso di un incidente probatorio, su richiesta della difesa, è stata sottoposta ad una perizia psichiatrica che ne ha stabilito la semi-infermità mentale.

Al tempo del fatto, stando agli accertamenti psichiatrici e tossicologici, aveva un tasso alcolemico oltre la norma e - secondo la perizia psichiatrica - stava vivendo un «momento dissociativo». Stando alla perizia medico-legale, la bimba, ribattezzata «Chiaraluna», nata sana al termine della gravidanza, sarebbe morta nel giro di alcune ore anche a causa del freddo e dell’acqua del mare. Le indagini sulla vicenda sono state coordinate dal pm di Bari Giuseppe Dentamaro e delegate agli agenti del Commissariato di Monopoli. Inizialmente era indagato per concorso nell’omicidio il compagno della ragazza, la cui posizione è stata poi archiviata.

«Lidia, ancora oggi, è molto scossa e provata dall’accaduto. E’ profondamente pentita». A parlare è l'avvocato della 24enne di Castellana Grotte, condannata oggi a 14 anni di reclusione per l’omicidio volontario di suo figlia, partorita e abbandonata sugli scogli di Monopoli (Bari).
«È evidente che al momento dei fatti ci sia stato un black out, - ha detto il legale - qualcosa che si è verificato e che ha inficiato le capacità cognitive e volitive della ragazza. Lidia, ormai da molti mesi, è agli arresti domiciliari in una comunità terapeutica in cui sta affrontando un importante percorso di recupero». «Quello che i processi penali non possono fare è restituire la vita alle vittime, - ha continuato Miccolis - ma quello che dal processo si pretende è una accurata e attenta valutazione di quanto accaduto e delle ragioni che l'hanno determinato. Agli operatori del diritto è richiesto proprio questo, la lucidità e la capacità di non farsi trasportare dai sentimenti e dalle emozioni. Emozioni forti che ormai da tempo travolgono Lidia». «La sentenza di oggi chiude la prima fase di questo processo. Attendo di conoscere le motivazioni della sentenza, - ha concluso il difensore - ma è certo che ricorreremo in appello».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE