Venerdì 22 Marzo 2019 | 21:06

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
Tragedia sfiorata
Scuolabus in fiamme a Milano, tra i carabinieri eroi anche un barese

Scuolabus in fiamme a Milano, tra i carabinieri eroi anche il barese Francesco Citarella

 
Elezioni in vista
Bari, sabato 23 marzo Di Rella inaugura il comitato

Bari, sabato 23 marzo Di Rella inaugura il comitato

 
L'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
L'operazione oro nero
Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

 
Musica
Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

 
I numeri
Scuolabus a Bari, gps su tutti i mezzi: studenti più sicuri

Scuolabus a Bari, gps su tutti i mezzi: studenti più sicuri

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
Il caso
Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

La tragedia

Bari, 20enne morì contro un pilone: genitori citano Comune e Anas

Il ragazzo, di Modugno, stava andando al lavoro. Familiari scrivono a Decaro

Bari, 20enne morì su complanare pericolosa: genitori citano Comune e Anas

Una lettera al sindaco di Bari per chiedere che il Comune risponda ad una richiesta di risarcimento danni per la morte di un 20enne, deceduto quattro anni fa in un incidente stradale, ma soprattutto per ottenere che quel tratto di strada sia finalmente messo in sicurezza, è stata inviata nelle scorse settimane dal padre della vittima ad Antonio Decaro. Daniele Bonante, 20enne di Modugno, morì il 15 aprile 2014 schiantandosi con l’auto contro un pilone allo svincolo per Poggiofranco sulla complanare Sud della tangenziale di Bari.

Il procedimento penale si è concluso anni fa con l'archiviazione ma la famiglia ha citato dinanzi al Tribunale civile l’Anas, ritenendo l'ente responsabile delle «condizioni di sicurezza inesistenti» del pilone incriminato, privo di qualsiasi forma di protezione, come ad esempio il guardrail di cui sono invece provvisti i piloni che si trovano poche decine di metri più avanti sulla stessa complanare.

Nel procedimento civile, avviato nell’ottobre 2016, l’Anas ha coinvolto il Comune di Bari, perché «all’epoca dei fatti - sostiene Anas - il pilastro contro il quale ha impattato il conducente era parte di un cavalcavia progettato, realizzato e gestito dall’Amministrazione Comunale di Bari, facente parte dell’Asse Nord-Sud».

Alcuni mesi fa, a due anni dall’inizio del processo, la famiglia ha avanzato una proposta di transazione alla quale Anas ha quasi immediatamente risposto. Il Comune, invece, dopo più di sei mesi e nonostante ripetuti solleciti, non ha ancora risposto. La prossima udienza si terrà il 18 ottobre ma nel frattempo il padre de ragazzo deceduto ha invitato una lettera al sindaco Decaro per «squarciare quel velo di dolorosa indifferenza, inaspettatamente calato su di una tragedia che ha travolto me e la mia famiglia, sconvolgendo le nostre vite».

«L'idea che, se fosse stato installato un guardrail a protezione, come per tutti gli altri piloni che sorreggono il ponte di via Tatarella, anche per quello contro cui impattò la 206 di mio figlio, Daniele avrebbe potuto salvarsi, non mi abbandona, giorno e notte» continua il padre del ragazzo, chiedendo al sindaco che «non faccia orecchio da mercante alle richieste che un genitore che ha perduto il figlio rivolge, ancora una volta, fiducioso delle Istituzioni» e dia «una risposta, qualunque essa sia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400