Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 01:16

NEWS DALLA SEZIONE

Il consiglio e il «buco» di 11 milioni
Bari, la Cassa prestanza infiamma il Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi

Bari, bagarre sulla Cassa prestanza in Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi. Decaro ai sindacati: dite la verità

 
Cinema
Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

 
L'iniziativa
Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

 
Per il pm è stato riorganizzato il partito fascista
Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari

Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari VD

 
Gruppo gestiva il porto
Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

 
In un camion
Bari, polizia sequestra 200kg di carne mal conservata

Bari, polizia sequestra 200kg di carne mal conservata

 
Il caso
Bari, bimbo morto per polmonite in ospedale: disposta l'autopsia

Bari, bimbo morto per polmonite in ospedale: disposta l'autopsia 
«Ministro Grillo invii ispettori»

 
La mobilitazione
Puglia, gli agricoltori con i gilet arancioni protestano contro Emiliano

Puglia, gli agricoltori con i gilet arancioni protestano contro Emiliano

 
MAFIA
Bari, guerra tra clan per conquistare Madonnella: 13 pregiudicati in carcere

Bari, guerra tra clan per conquistare Madonnella: 13 pregiudicati in carcere

 
Bullismo
Bari, «Minacciato e picchiato a 11 anni dal branco nei bagni della scuola»

Bari, «Minacciato e picchiato a 11 anni nei bagni della scuola»

 
A Japigia
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 

L'udienza preliminare

Clan al Porto di Bari, ammesse parti civili
Ministero, Autorità, e Coop Ariete

Ammesse dal gup nel procedimento a carico di 37 persona

porto di Bari

Con la costituzione delle parti civili, ADSP MAM (Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale), Ministero dell’Interno, Agenzia delle Entrate, Cooperativa Ariete e Associazione Antiracket Puglia, è cominciata l’udienza preliminare nei confronti di 37 persone, presunte affiliate al clan Capriati di Bari e di un funzionario dell’agenzia delle entrate, tutti accusati a vario titolo di associazione mafiosa, traffico e spaccio di droga, aggravati dal metodo mafioso e dall’uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate, furti, truffa e induzione indebita a dare o promettere utilità.

Stando alle indagini della Dda di Bari, coordinate dal pm Isabella Ginefra, che nei mesi scorsi ha chiesto il rinvio a giudizio degli imputati, il clan aveva assunto di fatto il controllo del servizio di assistenza e viabilità all’interno del porto di Bari attraverso alcuni dipendenti pregiudicati  (la cooperativa che gestisce quei servizi ha ereditato il dal precedente gestore la Multisrervizi portuale) licenziati dalla Ariete dopo essere venuta a conoscenza dei fatti il giorno del blitz.

Gli inquirenti hanno accertato anche che il gruppo criminale avrebbe obbligato i commercianti del mercato di Santa Scolastica e gli ambulanti della festa patronale di San Nicola del 2015 ad acquistare merce da fornitori amici utilizzando la forza di intimidazione del «brand Capriati», oltre ad occuparsi delle attività tipiche della criminalità organizzata: traffico di armi e droga, furti e rapine.

Secondo la Dda ai vertici del gruppo mafioso c'erano i fratelli Filippo e Pietro Capriati, nipoti dello storico capo clan Tonino. Tre degli undici imputati hanno chiesto di essere processati con il rito abbreviato. Si tornerà in aula, dinanzi al gup Antonella Cafagna, il prossimo 26 novembre per eventuali ulteriori richieste di riti alternativi con un calendario di udienze già fissato fino a gennaio 2019.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400