Lunedì 15 Ottobre 2018 | 21:12

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

veleni e lavoro

«Amianto nell’ex Ansaldo
Inquinamento ambientale»

Ecco la nuova ipotesi di reato del fascicolo bis sullo stabilimento di Gioia

 «Amianto nell’ex Ansaldo Inquinamento ambientale»

di Giovanni Longo

L’inchiesta bis sull’amianto nell’ex stabilimento Ansaldo di Gioia del Colle prende quota. Adesso la Procura di Bari indaga per inquinamento ambientale. Perché il sospetto è che ancora oggi, nello stabilimento in cui si producevano caldaie, siano ancora nascoste lastre di amianto, sotterrate da chissà quanto e che, se sbriciolate, rappresenterebbero un grave pericolo per la salute dei lavoratori. Nel fascicolo aperto dal procuratore aggiunto Roberto Rossi non ci sono ancora iscrizioni nel registro degli indagati. Il magistrato inquirente, che coordina le indagini della sezione di polizia giudiziaria dei Carabinieri, ha disposto l’inibizione di un’area ben delimitata. Affidate anche due consulenze tecniche a due esperti che, stando ad alcune indiscrezioni, sembrerebbero confermare il sospetto.

Mentre è in corso il dibattimento su una decina di morti sospette, ex operai dello stabilimento (complice il caos giustizia a Bari per via del nervo scoperto chiamato edilizia giudiziaria, anche questo processo ha subito uno stop), la Procura raddoppia accendo un nuovo faro sullo stabilimento di Gioia. Il nuovo fascicolo è stato avviato a seguito delle dichiarazioni di un ex operaio sentito come testimone nel procedimento principale. In aula, infatti, l’uomo, persona offesa nel nuovo procedimento, assistito dagli avvocati Emanuela Sborgia e Giacomo Barbara, ha descritto il luogo in cui nel 2013, cioè dopo che erano state effettuate bonifiche parziali sui forni, dice di avere visto con i suoi occhi una lastra di amianto. Rispondendo alle domande dei giudici aveva descritto le dimensioni («era di sei metri lunga per circa 300-400 millimetri di larghezza»). E quando gli hanno chiesto dove fosse posizionata con esattezza, prima ha tentennato, temendo che qualcuno potesse alterare lo stato dei luoghi. Poi, quando il giudice gli ha ricordato che era suo dovere rispondere e dire la verità, l’ex operaio della Termo Sud poi Ansaldo Caldaie che ha contratto una malattia professionale, parte civile e teste chiave, si è attenuto all’indicazione.

L’udienza ha offerto lo spunto investigativo che ha portato la Procura a disporre nuovi accertamenti. Al punto che adesso, s’indaga per inquinamento ambientale, norma disciplinata dall’articolo 452 bis del codice penale che punisce con la reclusione da due a sei anni e con la multa da euro 10.000 a euro 100.000 «chiunque cagiona una compromissione o un deterioramento significativi e misurabili delle acque o dell’aria, o di porzioni estese o significative del suolo o del sottosuolo».

Insomma, Ansaldo, inchiesta bis che si aggiunge al processo in corso su una decina di morti sospette e su tre persone che si sarebbero gravemente ammalate a causa dell’amianto killer nello stabilimento specializzato nella produzione di generatori di vapore e centro di ricerca combustione dove oggi lavorano 300 persone. Sul banco degli imputati ci sono 11 persone accusate di concorso in disastro e omicidio colposo. Si tratta, più nel dettaglio, degli ex legali rappresentanti dell’azienda, di ex responsabili della fabbrica e di ex medici addetti all’azienda. Fibre insidiose potrebbero essersi insinuate nell’organismo degli operai anche molti anni prima della contrazione delle patologie, perché non sarebbero state osservate le prescrizioni, dall’abbigliamento agli impianti, all’areazione, per prevenire le malattie. Per oltre un quarto di secolo, dal 1970 al 1996, un «notevole numero di lavoratori» sarebbe stato esposto in modo «significativo» e «qualificato» a «materiale contenenti amianto sia a fibre di amianto contenute in materiali, dispositivi e strumenti adoperati nelle lavorazioni che si svolgevano nello stabilimento». Queste le accuse nel processo madre.

Mentre è in corso il dibattimento davanti al giudice monocratico del Tribunale di Bari, la Procura accelera su un altro fronte. Il sospetto è che ancora oggi in fabbrica ci sia amianto, nonostante le bonifiche parziali succedute nel tempo. Il super testimone, più nel dettaglio, ha fatto riferimento al materiale sospetto utilizzato come protezione dei forni sui quali lavorava. Non appena avuta conoscenza delle dichiarazioni rese in aula, il procuratore aggiunto Rossi ha avviato i nuovi accertamenti. E adesso l’inchiesta prende corpo con una ipotesi di reato ben definita: inquinamento ambientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, trasloca i mobili in stradaindividuato e multato al Libertà

Bari, trasloca i mobili in strada
individuato e multato al Libertà

 
Comune di Bari - Palazzo di Città

Nuovo sindaco Bari, fumata nera del centrodestra: decisione passa a Roma

 
Palagiustizia Bari, nuovo sopralluogo in sede ex Telecom

Palagiustizia Bari, nuovo sopralluogo in sede ex Telecom

 
Bari, una casa per i senzatetto, la Caritas: «Noi ci siamo»

Bari, una casa per i senzatetto, la Caritas: «Noi ci siamo»

 
Bari, gli chiedono l'ora, poi lo pestano e lo rapinano per strada: arrestati due minori

Bari, gli chiedono l'ora, poi lo pestano e lo rapinano: arrestati due minori

 
Inchiesta su Torre Quetta: «Via l’assessore Palone»

Inchiesta su Torre Quetta
«Via l’assessore Palone»

 
Da vittime a carnefici: ecco gli imprenditori collusi con i clan di Bari

Bari, imprenditori collusi con clan Parisi per avere sub appalti nei cantieri

 
Sporcaccioni a Bari, in media 30 multe al giorno

Sporcaccioni a Bari, in media 30 multe al giorno

 

GDM.TV

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 
Bari, troppi tagli a scuola: ecco il raduno degli studenti in sciopero

Bari, troppi tagli a scuola?
E gli studenti scioperano

 
Le acque rosse vicino le salineSequestro choc a Margherita di Savoia

Le acque rosse vicino le saline
Sequestro choc a Margherita di Savoia

 
Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni contrastanti

Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni diverse. «Agenti circondati»

 
Intitolazione caserma a Marzulli, Decaro: «Lui era davvero un galantuomo»

Squillo di tromba e commozione
per la caserma dedicata a Marzulli

 

PHOTONEWS