Martedì 04 Agosto 2020 | 19:36

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Bari, mons. D'Urso lascia presidenza Consulta nazionale antiusura

Bari, mons. D'Urso lascia presidenza Consulta nazionale antiusura

 
Il caso
Allarme bomba alla stazione della Ferrotramviaria a Bari: treni fermi anche per le Fal

Bari, falso allarme bomba alla Ferrotramviaria: trovato borsone con abiti. Riparte circolazione ferroviaria

 
IL VERTICE
Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

 
Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato: arrestato 32enne

Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato: arrestato 32enne

 
L'INAUGURAZIONE
La pineta San Francesco a Bari brilla grazie a 300 nuove luci

La pineta San Francesco a Bari brilla grazie a 300 nuove luci

 
sanità
Asl Bari acquista 2,1 milioni di dosi vaccino antinfluenzale

Asl Bari acquista 2,1 milioni di dosi vaccino antinfluenzale

 
in largo san sabino
Crolla solaio scuola Corridoni a Bari Vecchia: paura ma nessun ferito

Crolla intonaco scuola Corridoni a Bari Vecchia: paura ma nessun ferito

 
SERVIZI
Bari, truffe agli anziani: c'è il telefono amico

Bari, truffe agli anziani: c'è il telefono amico

 
al miulli
Acquaviva delle Fonti, paziente con tumore epatico curato con chirurgia robotica

Acquaviva delle Fonti, paziente con tumore al fegato curato con chirurgia robotica

 
I CONSIGLI
Bari, super caldo: picchi di 43 gradi dal mattino

Bari, super caldo: picchi di 43 gradi dal mattino

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIn Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
BariLa decisione
Bari, mons. D'Urso lascia presidenza Consulta nazionale antiusura

Bari, mons. D'Urso lascia presidenza Consulta nazionale antiusura

 
TarantoLa richiesta
Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi»

Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi». Aziende lamentano ritardi nei pagamenti

 
MateraLa novità
Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

 
LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

lavoro a bari

Per l'ex Om, la partita si stringe a quattro

Presso la Regione Puglia gli incontri con chi ha manifestato interesse alla reindustrializzazione e salvare i 170 operai dell’ex Om senza lavoro dal 2011 e senza redditi di sostegno da gennaio

vertenza Om carrelli

BARI - Tre istituzioni, quattro investitori. Un «tavolo» per non spingere nel baratro i 170 operai dell’ex Om già terremotati perché senza lavoro dal 2011 e senza redditi di sostegno da gennaio. Oggi, il presidente del Comitato monitoraggio Sepac (Sistema economico produttivo aree di crisi) della Regione, Leo Caroli, il sindaco di Modugno, Nicola Magrone, e il sindaco di Bari, Antonio Decaro, incontrano i primi due dei quattro rappresentanti di società che hanno manifestato un interesse a impiantare nello stabilimento di viale delle Ortensie un processo produttivo sulle ceneri dei carrelli elevatori.

Stamani sono attesi in Regione il rappresentante di «I&S» (Ingegneria & Servizi) Tommaso Catalano, e il rappresentante della newco «Selektica», Benedetto Fanelli . Incontri separati. Così pure quelli in programma tra venerdì e lunedì con i rappresentanti di altre due compagini societarie attive nel settore dell’automotive: una è la «Nextone», l’altra è composta da imprenditori piemontesi. Entrambi i grupi di investitori sarebbero decisi a rivitalizzare il progetto della minicar elettrica.

Mettiamolo subito in chiaro: la partita ex Om era e rimane incerta. E lo sarà ancora fino all’estate. Perché il gong suonerà a fine luglio, quando il giudice della Sezione fallimentare del Tribuale di Torino, Vittoria Nosengo, celebrerà l’udienza con i creditori della «Tua Industries», società fallita senza aver ricollocato, come promesso, nemmeno uno dei 170 operai che fino al 2011 erano dietro le linee di montaggio di carrelli elevatori.

La procedura fallimentare è l’ultima spiaggia d’approdo per cercare di rimettere in piedi una reindustrializzazione che mantenga più o meno invariato il perimetro occupazionale dei 170. Dopo di che, tutto potrà ancora succedere, ma le condizioni delle trattative cambierebbero e soprattutto ogni operaio dovrà trattare per sé, fuori da un’orbita che per ora continua a coinvolgere Regione e Comuni in un ruolo di intermediazione non marginale. E proprio questo ruolo mantiene ancora socchiusa la porta di una partita che si stringe e che si gioca a quattro.

Leo Caroli non ha mai fermato le bocce anche per provare a rimarginare una ferita aperta con il default di «Tua» e del progetto minicar elettrica al quale Caroli stesso e il governatore Michele Emiliano hanno cecamente creduto, tanto da celebrarne, alla Fiera del Levante dello scorso anno, i fasti benedicendo un prototipo presentato senza motore e in un evento mordi e fuggi. Ma è acqua passata.

Oggi Caroli, con la sponda di Magrone e Decaro, vuole costruire un percorso di certezze il cui risultato sia un protocollo d’intesa: la Regione cofinanzia l’eventuale piano di investimento contribuendo alla formazione utile per riqualificare gli operai, il Comune di Modugno mette a disposizione in comodato gratuito lo stabilimento dismesso di viale delle Ortensie e col comune di Bari s’impegna a facilitare eventuali percorsi autorizzativi qualora fossero necessari per riavviare le produzioni. Tutto questo in cambio di cosa? Della certezza che per i 170 ci sia un futuro di lavoro stabile.

Il presidente del comitato Sepac è ottimista: «Ci sono quattro manifestazioni d’ interesse, concrete e credibili. Di ognuno, abbiamo bisogno di conoscere il progetto industriale nel merito e nel dettaglio, il piano di investimento che lo supporta per accertarne la solidità e il piano occupazionale che garantisca l’assunzione di tutti gli operai e la stabilità lavorativa. Siamo alla stretta finale, da queste quattro manifestazioni d’interesse scaturirà il progetto definitivo di reindustrialeizzazione. Ma deve essere chiaro che per Regione Puglia rimane prioritaria la messa in sicurezza dei lavoratori e cioè l’apertura della cassa integrazione che consenta loro di recuperare reddito, contributi e serenità».

Recuperare reddito, già. Tradotto significa appunto non perdere l’anno di cassa integrazione (cig) che scade nel 2018. Ma per non perdere questa misura di sostegno significa che i 170, ora «sospesi», debbano essere assunti da qualche azienda disposta a prelevare la fallita «Tua Industries». In sostanza, ci vorrebbe un’offerta economica concreta con un versamento cospicuo superiore almeno al pagamento dei Tfr dei 170 dopo l’anno di cig. Trecentomila euro, non cifre astronomiche. Solo dopo il curatore fallimentare potrebbe far scattare la cassa integrazione e perfezionare la cessione di Tua Industries al nuovo acquirente che nel frattempo ha versato soldi liquidi e dato garanzie (piano industriale e finanziario).

Epperò nonostante la proroga del bando di vendita all’asta, non è stata presentata nessuna offerta ritenuta congrua. Anche quella di 31mila euro di Nextone è stata giudicata sotto soglia.

Il giudice Vittoria Nosengo, poi, si è espessa definitivamente anche su un canale parallelo all’asta che «I&S» aveva tentato di aprire depositando la proposta concordataria di assumere i 170, pagare i creditori di «Tua», ma entro i 120 giorni successivi al passaggio in giudicato dell’udienza di omolagazione del concordato. Nosengo ha bocciato.

«I&S» ora batte un altro sentiero lontano dalle stanze della sezione fallimentare del tribunale di Torino e che si traduce in una proposta messa sul tavolo questa mattina: assunzione di tutti 170 (contattati direttamente), assegno mensile per tutta la durata della riqualificazione del personale in mancanza di cassa integrazione, in cambio della cessazione a titolo gratuito del capannone. Proposta sulla carta allettante, ma che lascia aperti alcuni interrogativi. «I&S» ha dichiarato di intermediare per la «Global electrification project» (Gep), network di imprese con capitali nordamericani interessate a impiantare in Puglia una produzione di minicentrali per l’energia elettrica destinate a un mercato internazionale. Ma se dice di avere una liquidità così forte da fare subito 170 assunzioni e pagare gli arretrati (sei mesi di mancato assegno di cig), come mai allora «I&S» non ha presentato né un’offerta economica d’acquisto in sede di asta fallimentare né ha mai accompagnato la proposta concordataria di garanzie economiche?

L’impressione è che dietro il progetto «I&S» ci siano davvero investitori interessati a Bari, ma che abbiano intenzioni di scucire i contantanti solo dopo aver avuto la certezza dello stabilimento, senza il quale prenderebbero altre destinazione (Turchia?). E comunque investirebbero sì, ma non subito. Da qui la mossa di Catalano («I&S») di giocare su più tavoli e con più proposte pur di mantenere aperta la trattiva in attesa che i paperoni americani diano l’ossigeno economico promesso.

Anche l’altra proposta, quella di «Selektica», ha nodi da sciogliere. Dietro la newco ci sono tre imprenditori, due dei quali sono baresi: Antonio Leone della Carton Pack di Rutigliano e Giuseppe Angelo Dalena della Dalena ecologia di Barletta. Il progetto è quello di impiantare nell’ex Om una fabbrica di trasformazione di rifiuti di plastica in prodotti riutilizzabili per l’imballaggio. Anche Selektica però non ha presentato mai un’offerta economica. Ma a quanto pare non sarebbe un problema di liquidità. I nodi sono altri: disponibilità ad assumere solo una parte dei 170 (80/90), e soprattutto via libera alle autorizzazioni. Oggi sapremo di più del primo round della partita a quattro. Ammesso che si presentino tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie