Venerdì 23 Agosto 2019 | 02:19

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoInquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

Il fantasioso catalogo
delle promesse elettorali

tris

La giornata di ieri ha chiarito - nei limiti di una campagna elettorale all’italiana - la situazione politica. I fuochi dell’ellisse erano posizionati ad Arcore, dove si è svolto il vertice del centrodestra, e a Roma dove invece si è tenuta la prima assemblea di Leu, i Liberi e uguali nati per partenogenesi dal Pd. Concentriamoci su questi, lasciando per un attimo sullo sfondo gli altri attori: il Pd e i 5Stelle.
Ad Arcore l’incontro fra il padrone di casa Berlusconi con Salvini e la Meloni si apriva in un clima non proprio disteso. Da qualche ora circolavano due simboli, quello di Forza Italia e quello della Lega, arricchiti l’uno dalla scritta «Presidente Berlusconi» e l’altro da «Salvini premier». I due loghi fotografavano la rivalità profonda che permane nel centrodestra, tenuta a freno per evidenti ragioni elettoralistiche.

Riuscirà a reggere fino al 4 marzo una coalizione che parte già con una divisione sulla premiership così marcata? E quanto il risultato elettorale, per esempio in caso di schiacciante affermazione della Lega, inciderà sul futuro della «squadra»?
Su un punto sembra che vi sia un accordo più stabile: l’abolizione della riforma previdenziale, la cosiddetta «legge Fornero». La qual cosa, se sarà davvero realizzata e senza prendere adeguate misure alternative, rischia di far saltare i conti pubblici. I numeri del nostro sistema pensionistico sono impietosi. Già non è stato possibile evitare un «semplice» adeguamento dell’età della quiescenza alla maggiore aspettativa di vita. Immaginarsi se risulterà fattibile cancellare l’intero sistema costruito dal governo Monti per salvare l’Italia dal default.

Ma ieri - a conferma di quanto scriveva il direttore De Tomaso su queste colonne - circolava più di una proposta indifferente ai vincoli dell’economia. Pietro Grasso, il candidato premier indicato dal neonato Leu, dopo aver censurato la proposta renziana di voler abolire il canone Rai, ha affermato con convinzione che dalla sua formazione sarebbero arrivate solo «proposte concrete a differenza delle irrealizzabili favole degli altri partiti». Bravo. Sano proposito in tempi di comunicazione a tutto spiano e di promesse à gogo. Solo che subito dopo, l’ancòra presidente del Senato si è avventurato in un annuncio carico di attrattiva, ma che desta qualche perplessità circa la concreta attuazione: l’abolizione delle tasse universitarie. E ha spiegato anche come fare: «I figli dei ricchi che vanno nelle università private devono pagare le università anche per i figli dei poveri e ho detto che si carica non sulla fiscalità generale, ma sottraendo un decimo di quello che il ministero dell’Ambiente paga per tutte i sussidi a quelle aziende che inquinano il nostro Paese».

Detta così l’idea, ancorché con un suo fascino potente, sembra confusa. Primo perché un candidato premier parla di «ricchi» con la stessa consapevolezza di un avventore del bar. Quando si è ricchi? Come si certifica la ricchezza? L’attuale sistema si fonda sul cosiddetto Isee (Indicatore della situazione economica equivalente) ma basta evadere un po’ per rientrare nei suoi parametri e risultare un poveraccio. Al contrario, è sufficiente un inevadibile reddito da lavoro dipendente da 70mila euro lordi l’anno per risultare fuori Isee e dunque «ricchi».
L’altro cespite dichiarato da Grasso dovrebbe provenire dai «sussidi a tutte quelle aziende che inquinano»: quali sono? Se inquinano non sono già oggi fuori legge? Magari la seconda carica dello Stato, nonché ex alto magistrato, ha il dovere di denunciarle alle autorità, senza aspettare campagne e programmi elettorali.
Però resta il fascino dell’università per i poveri pagata dai ricchi, che sa tanto di sinistra, un po’ retro, ma di sinistra. Proprio quella di cui ha lamentato la scomparsa la presidente Boldrini, anche lei all’assemblea di Leu. Ma siamo sicuri che sinistra oggi voglia dire proprio questo?
Nel frattempo prepariamoci a reggere l’urto di altre fantastiche e fantasiose promesse elettorali. Già oggi potrebbe esserci la replica di Pd e 5Stelle. Dopo il taglio del canone Rai, le pensioni minime a 1.000 euro, il reddito di cittadinanza, l’eliminazione del bollo auto, la cancellazione della legge Fornero, l’Università senza tasse, chissà che altro ci sarà prospettato fino al 4 marzo. Ci sono quasi due mesi: c’è tempo per sognare. Ma forse scarseggia il tempo per scrivere un programma serio di governo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie