Domenica 18 Novembre 2018 | 10:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Dal libro possibile alle piazze impossibili

Dal libro possibile alle piazze impossibili

 
La riflessione
La navigazione a vista di una coppia in crisi

La navigazione a vista di una coppia in crisi

 
L'analisi
Se nel mondo delle «bufale» Vasco Rossi canta la verità

Se nel mondo delle «bufale» Vasco Rossi canta la verità

 
Il punto
Polignano, la nota stonata dell'incanto: da domani senza i 5 euro il centro è fortezza inaccessibile

Polignano, la nota stonata dell'incanto: da domani senza i 5 euro il centro è fortezza inaccessibile

 
L'analisi
Forza donne del Sud, una piazza anche per voi

Forza donne del Sud, una piazza anche per voi

 
La riflessione
Scoprire l’America nell’azione repressiva

Scoprire l’America nell’azione repressiva

 
L'analisi
Importare sistemi giuridici non modelli politici

Importare sistemi giuridici non modelli politici

 
La riflessione
Basilicata in surplace voto di rinvio in rinvio

Basilicata in surplace voto di rinvio in rinvio

 
L'analisi
Informazione assediata democrazia a rischio

Informazione assediata democrazia a rischio

 
La riflessione
Ricreare il senso comunitario della terapia

Ricreare il senso comunitario della terapia

 
L'analisi
Il salvagente in rosa per Europa e società aperta

Il salvagente in rosa per Europa e società aperta

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Quando la tv povera di idee
si affida ai baci (anche saffici)

Illary Blasi

«Ma poi cos’è un bacio? Un giuramento fatto poco più da presso, un più preciso patto, una confessione che sigillar si vuole, un apostrofo rosa messo tra le parole "T’amo". Un segreto detto sulla bocca, un istante d’infinito che ha il fruscio d’un’ape tra le piante, un mezzo di potersi respirare un po’ il cuore e assaporarsi l’anima a fior di labbra...». Edmond Rostand lo pitta così nei panni di Cyrano de Bergerac e qualcuno nella tv italiana, in questi giorni, deve aver pensato che sia una buona idea per gli ascolti mettersi a limonare come se non ci fosse un domani.

L’ultima è stata Filippa Lagerbäck che si è «vendicata» con Fabio Fazio di quello che Ilary Blasi ha stampato in bocca a Daniele Bossari - compagno della di lei Filippa - la sera della finale del Grande Fratello Vip (che già a scriverlo ti si accappona la pelle...). La moglie di Francesco Totti sta piuttosto infoiata, visto che di recente si è pomiciata in favore di telecamera prima Belen, poi Alfonso Signorini (con tanto di tapiro), infine, sfruttando la rfiunione dei combattenti e reduci «gieffini famosi», persino Silvia Toffanin. Fazio è recidivo, ma quello con la Litizzetto fu roba da ridere, mentre a Zelig ricordano ancora la sfida Michelle Huntziker-Paola Cortellesi e fece epoca Benigni all’assalto di Raffaella Carrà prima e persino di Pippo Baudo poi.

Sia chiaro, roba patetica in confronto alle celeberrime e torride limonate, French Kiss, di Madonna, decenni fa con Naomi Campbell (che resta una signora limonata) e poi Britney Spears in un fiammeggiar di lingue che ancor oggi ha un suo perché. Più recentemente folgorò il rapper Drake, che la stava omaggiando, con una spennellata che - dicono le cronache - misteriosamente lui non sembrò troppo gradire.

Nessuno ha il coraggio di giocare con la «materia» sesso come fa la signora Ciccone. Quelli che girano sugli schermi televisivi italiani sembrano taroccati, fuochi d’artificio che fanno pouff e mai boom, lei maneggia il tritolo come fosse la massa dei panzerotti da trombare (Madonna, che ormai va e viene dalla Puglia come neanche nel natìo Michigan, ben comprenderà la raffinatezza stilistica). Un bacio sulla bocca ha un suo perché, banalizzarlo come stanno facendo in troppi sembra solo la fine delle buone idee televisive. E del buongusto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400