Mercoledì 27 Marzo 2019 | 03:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

 
LecceLa sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Scandali continui ma il Palazzo del calcio non fa pulizia

di Gaetano Campione
Scandali continui ma il Palazzo del calcio non fa pulizia
di Gaetano Campione

Come ogni fantasma che si rispetti, con disarmante puntualità, ritorna ad aleggiare sul Belpaese lo spettro del calcioscommesse. E che si tratti di giustizia ordinaria o sportiva poco importa. Perché il risultato è sempre lo stesso. Non cambia mai. Come i personaggi coinvolti: la gente sconta le squalifiche e si ripresenta in campo.

Certo, il tutto è ineccepibile sotto il profilo formale. Ma questa formalità dimostra, allo stesso tempo, l'incapacità del sistema calcio di voler veramente voltare pagina. Ci sono motivi di immagine, di opportunità, di moralità, di buon senso che dovrebbero consigliare l'adozione di una riforma profonda con provvedimenti più drastici. Forse, la parola giusta è: definitivi. Insomma, non basta pagare il debito con la Giustizia. A volte potrebbe risultare addirittura troppo comodo ammettere le proprie responsabilità e patteggiare, una soluzione che evita guai peggiori. I personaggi da additare sono gli eroi buoni, non gli eroi negativi.

Prendete uno come Andrea Masiello. Domenica scorsa ha iniziato la seconda vita da calciatore con la maglia dell'Atalanta. In serie A. La vergogna, il fango, il derby venduto Bari-Lecce, i soldi? Tutto finito nel dimenticatoio, cancellato sulla lavagna. In Germania hanno radiato i «cattivi». In Italia l'esilio calcistico di Masiello è durato 1120 giorni: «Il cambiamento dal punto di vista umano - dicono gli addetti ai lavori - è sottolineato da costante impegno con la comunità Don Milani». L'ex capitano del Bari porta i pasti ai poveri. Alzi la mano il tifoso che si è commosso.

Stefano Mauri. Sei mesi di squalifica per «omessa denuncia» ed eccolo indossare di nuovo la maglia e la fascia da capitano della Lazio. E ancora, Sergio Pellissier del Chievo. Guarda caso, capitano anche lui. Stesso incarico ricoperto nell'Atalanta da Cristiano Doni.

Ma come? Il capitano è o non è un simbolo? Non deve rappresentare la squadra nello stile, nella determinazione, nella personalità? Non è l'esempio vivente da imitare?

Chiacchiere. La verità è una. Il sistema calcio non ha nessuna volontà di fare pulizia al suo interno. Chiude volentieri gli occhi. Altrimenti i condannati non avrebbero più spazio per strette di mano, comparsate in tv, proclami e commenti.

La credibilità del sistema è minata dai furbetti del quartierino e dagli immancabili spregiudicati. Se le responsabilità delle persone coinvolte dovessero essere confermate, le pene da comminare dovranno essere esemplari. Il futuro è degli onesti. Torniamo al primato dal calcio giocato correttamente. Altrimenti la cultura del sospetto avrà vinto: credete ancora ad una squadra che rimonta tre gol e vince all’ultimo minuto? Noi, lo confessiamo, qualche dubbio iniziamo ad averlo. Soprattutto se il sistema dimostrerà ancora di aver paura a fare pulizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400