Martedì 26 Marzo 2019 | 00:55

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Melfi, la nuova alba sotto Marchionne

di Massimo Brancati
Melfi, la nuova alba sotto Marchionne
di Massimo Brancati

Saranno in trecento, tutti giovani e forti. Così li vuole Fiat Chrysler Automobiles (Fca): diplomati, under 30, carichi di entusiasmo e animati da spirito di sacrificio. Bando a quelli che guardano l'orario, a chi spende energie più per i diritti che per i doveri. “Vade retro” aspirante sindacalista, peggio se della specie Fiom - scomparsa dai radar dell'ex Lingotto dopo la mancata firma sul contratto aziendale - Farneticante, Intransigente, Ottusa e Miscredente. Ci sarà da lavorare. E tanto. Magari dedicandosi alla catena di montaggio anche durante qualche week-end e di notte.

Domani trecento operai entreranno per la prima volta nello stabilimento Fca di San Nicola di Melfi (Potenza), facendo da apripista ai mille nuovi lavoratori che la casa automobilistica assumerà, con contratto a tempo determinato, grazie al successo sul mercato delle due auto prodotte proprio in Basilicata, la Jeep Renegade e la 500X. La platea di chi ambisce a vestire la tuta blu è sconfinata, dal momento che non sono previsti steccati geografici (i lucani non hanno la priorità rispetto a candidati di altre regioni) e la carenza di opportunità occupazionali è tale che anche solo tre mesi di impiego (e di reddito) costituiscono una manna dal cielo.

Come sono lontani i 21 giorni della rivolta del 2004, i tempi della lotta operaia sui turni, sulle condizioni di lavoro, sull'allineamento degli stipendi rispetto agli altri stabilimenti del gruppo. Laddove ribollivano, fino a poco tempo fa, rivendicazioni di operai avviluppati nei contrasti con il “padrone”, oggi campeggia un clima di ritrovato entusiasmo sulla cenere di un lungo periodo di cassa integrazione e di prospettive funeree. I balletti e i sorrisi su Youtube dei dipendenti Sata, a cui va la paternità mediatica del tormentone “Happy”, hanno esorcizzato la paura spalancando le porte all'ottimismo. Prima forzato, ora spontaneo. I lavoratori non saranno al massimo della felicità, come canta Pharrell Williams, ma l'apertura di uno spiraglio di futuro sul solco tracciato dal nuovo corso Fiat è un'iniezione di fiducia per chi già lavora in fabbrica e per chi ambisce ad entrarci.

L'attuale scenario è profondamente cambiato rispetto a dieci anni fa, ma paradossalmente stiamo assistendo ad un ritorno al passato: l'annuncio sulle assunzioni ha messo in moto un meccanismo che ha il sapore del deja vu, con centinaia di giovani - come negli anni '90, quando aprì lo stabilimento Sata a Melfi – pronti a candidarsi per un lavoro nella casa-madre o nell'indotto. Lunghe file davanti alle agenzie interinali in una riedizione dell'assalto all'”astronave” dell'Avvocato, atterrata sulla piana di San Nicola con un carico di speranza per il Sud del Sud. Oggi come allora, nella terra del familismo amorale teorizzato da Edward C. Banfield (Bloomfield, 1916 – Vermont, 1999), aleggia lo spettro della raccomandazione, del clientelismo, con il curriculum vitae dei candidati da leggere in controluce per scorgere la filigrana del padrino politico. La corsa allo sponsor pare sia già in atto, così come il tentativo, spesso goffo, di salire sul carro di Marchionne da parte di amministratori pubblici e affini. In tutto questo pullulare di commenti, dichiarazioni, dati sulle assunzioni future, proiezioni sull'indotto e teorie sulle possibili entrature c'è il rischio di mandare fuori giri il motore delle aspettative. Che sono già alte, alimentate dalle dichiarazioni del manager italo-canadese: “Le 1.000 persone porteremo nette a Melfi si trascineranno un numero moltiplicatore da sette a dieci di altri posti di lavoro. Quindi parliamo di un numero elevato di famiglie e di persone che ne beneficeranno”. Discorso che non riguarda solo la Basilicata – dove il tasso di disoccupazione ha raggiunto quota 16,6 per cento per un totale di 36mila senza lavoro - ma anche i territori confinanti, a partire dalla Capitanata, uno dei principali bacini di operai all'alba lucana della Fiat.

Un'alba che si ripete. Era il 21 ottobre del 1989 quando, in una villa della collina torinese, Cesare Romiti e Gianni Agnelli parlarono del progetto dello stabilimento lucano che si concretizzò grazie ad un investimento di 6.000 miliardi delle vecchie lire, di cui 1.400 stanziati dallo Stato. Melfi doveva nascere per salvare l'azienda a cui gli economisti avevano predetto morte certa. Cambiano i tempi e i protagonisti, ma l'azienda si aggrappa di nuovo a Melfi per risollevarsi, alla gente del Sud sobria, laboriosa che, negli anni '90, contribuì a rendere la fabbrica lucana un modello conquistando primati su primati: seconda in Europa per produttività, dopo la Ford di Russelsheim in Germania, la più efficiente del gruppo con un tempo di lavoro attivo di oltre il 93 per cento rispetto all’86 degli altri stabilimenti, produttività per addetto di una settantina di auto l’anno, quattro-cinque volte Mirafiori. Standard raggiunti con un livello di partecipazione intenso dei lavoratori. Quell'intensità che oggi Marchionne chiede soprattutto ai nuovi arrivati per vincere la sfida del mercato globale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400