Martedì 26 Marzo 2019 | 17:07

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Ugento, no del Tar a una nuova discarica

Ugento, no del Tar a una nuova discarica

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
PotenzaLa polemica
Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Il mio collega vignettista dissacratore su tutto

di Nico Pillinini
Il mio collega vignettista dissacratore su tutto
di Nico Pillinini

Nella mia lunga carriera di disegnatore satirico avendo collaborato tra l’altro con inserti come «Il Satyricon» ho conosciuto moltisissmi disegnatori: da Vauro a Ellkappa, da Staino a Forattini, Mannelli, Massimo Bucchi, Stefano Disegni e tantissimi altri. Matite di punta - molto appuntite - della satira italiana, con i quali ho condiviso e continuiamo a condividere questo meraviglioso lavoro, che ci permette di entrare nella situazione politica e sociale del nostro Paese, e non solo. Ho appreso con grande sgomento la notizia dell’attentato che ha ammazzato quattro dei disegnatori più conosciuti e bravi di Francia: Stephan Charbonnier, detto Charb, Cabu, Tignous e Georges Wolinski. A dire il vero conobbi pure, a Milano in una sua grandiosa mostra, il grandissimo Roland Topor, anche lui francese e morto prematuramente.

La Francia ha una grandissima tradizione riguardo ai giornali satirici che vanno da «Le Canard Enchainé» a «L’assiette au Beurre» fino ad arrivare a «Charlie Ebdo» nato dalle ceneri di «Hara Kiri». Giornali satirici che non guardavano in faccia a nessuno, attaccavano tutto e tutti. I vignettisti sempre liberi di potersi esprimere senza riserve e senza censure, perché indipendenti, vivevano praticamente solo con le vendite delle copie dei giornali, giacché non accettavano nessuna pubblicità, temendo che li potesse rendere ricattabili.

Dei quattro disegnatori massacrati dai terroristi a Parigi ho avuto la fortuna di conoscere George Wolinski. Nel 2005 aveva vinto il «Grand Prix di Angouleme», il premio più prestigioso per i fumettisti europei, ed era stato anche al Torino film festival, come membro della giuria del Premio Cipputi. Di lui ho il ricordo di un uomo sempre sorridente, dal disegno rapido, quasi solamente schizzato. Riconoscibilissimo. Ma ciò che era molto forte e salace erano le battute. L’erotismo di Wolinski era come la sua satira politica: scorretto, forte, spesso volgare. Alcune sue battute («Le donne sono come i sigari, il primo terzo è la parte migliore», oppure «Bisogna migliorare la condizione della donna: per esempio ingrandendo le cucine, abbassando i lavelli o isolando meglio i manici delle pentole») gli hanno provocato non poche accuse di maschilismo nell’epoca del politically correct. Ricordo il suo sorriso bonario. Nonostante gli 80 anni era un uomo che parlava sempre di donne, un viveur.

Una cosa che non avrei mai immaginato, è che un disegnatore potesse morire sotto i colpi di un kalashnikov. Lui quanto meno immaginavo che sarebbe morto nel letto di una donna. Fu un incontro breve essendo lui una guest-star, veniva tirato per la giacchetta da una parte all’altra. Mai avrei pensato di dover scrivere queste poche righe parlando di un grande disegnatore del quale da ragazzo seguivo i lavori e che un giorno avrei conosciuto e cha l’avrei pianto perché ammazzato da fanatici e vili terroristi, che alle parole preferiscono i mitra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400