Giovedì 25 Aprile 2019 | 12:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Ma a crescere è sempre il debito pubblico

Ma a crescere è sempre il debito pubblico

 
Il fondo
Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

 
La riflessione
Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

 
L'analisi
Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

 
Il punto
Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

 
L'editoriale
Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

 
L'opinione
Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

 
L'analisi
E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

 
L'analisi
Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

 
Consigli di lettura
Pulce, che favola di bambina!

Pulce, che favola di bambina!

 
L'analisi
Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
LecceAperta inchiesta
Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

La presunzione fatale della scuola sacchiana

di Gaetano Campione
La presunzione fatale della scuola sacchiana
di GAETANO CAMPIONE

Il Bari volta pagina. Lo fa nella maniera peggiore, subendo tre gol a Crotone che cancellano definitivamente il progetto allestito all'inizio del campionato per una squadra da sogno. Il Bari costruito per volare alto ha peccato di presunzione. Come Icaro. E Devis Mangia saluta. Perché i risultati sono importanti, in qualsiasi modo arrivino. La fiducia a tempo riposta nel tecnico di Cernusco sul Naviglio non è servita ad effettuare quella inversione di rotta, auspicata e invocata a gran voce dalla piazza: la squadra è apparsa, ancora una volta, senza grinta, senza cuore, senza voglia di lottare. I dati, più di ogni considerazione, dimostrano il flop in campo: solo cinque tiri in porta, cinque tiri fuori e quattro calci d'angolo per i biancorossi nella quarta sconfitta in cinque partite. Gli schemi di gioco del discepolo di Sacchi, pur adattati alle caratteristiche del Bari, si sono sgretolati.

Le certezze si sono trasformate in dubbi: il «sacchismo», insomma, registra un'altra sconfitta. Sul campo. Perchè Mangia non è riuscito ad essere «sacchista» fino in fondo. Ma è colpa solo di Mangia? Ora tocca a Davide Nicola salire sul treno in corsa. Un altro tecnico giovane, promettente. Arrendersi è una parola che non esiste nel suo vocabolario. Darà la scossa giusta? Intanto, il Bari se vuole volare alto deve costruire ali più solide. Quando Mangia, amareggiato, parla della «mancanza di un tassello» in questa squadra, non si riferisce agli eventuali acquisti negati di giocatori. Ma alla vicinanza, nei momenti di bisogno, di quelle figure societarie che rappresentano il collante necessario per far funzionare al meglio la macchina competitiva.

Ecco, forse la solitudine dell’uomo solo al comando ha influito e condizionato le prestazioni del collettivo. Un errore da non ripetere nell’immediato futuro. Altrimenti le ali di cera del Bari rischiano di sciogliersi di nuovo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400