Lunedì 26 Agosto 2019 | 07:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Quella voglia di distribuire (e indebitarsi) prima di creare

Quella voglia di distribuire (e indebitarsi) prima di creare

 
La riflessione
Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

 
L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

La presunzione fatale della scuola sacchiana

di Gaetano Campione
La presunzione fatale della scuola sacchiana
di GAETANO CAMPIONE

Il Bari volta pagina. Lo fa nella maniera peggiore, subendo tre gol a Crotone che cancellano definitivamente il progetto allestito all'inizio del campionato per una squadra da sogno. Il Bari costruito per volare alto ha peccato di presunzione. Come Icaro. E Devis Mangia saluta. Perché i risultati sono importanti, in qualsiasi modo arrivino. La fiducia a tempo riposta nel tecnico di Cernusco sul Naviglio non è servita ad effettuare quella inversione di rotta, auspicata e invocata a gran voce dalla piazza: la squadra è apparsa, ancora una volta, senza grinta, senza cuore, senza voglia di lottare. I dati, più di ogni considerazione, dimostrano il flop in campo: solo cinque tiri in porta, cinque tiri fuori e quattro calci d'angolo per i biancorossi nella quarta sconfitta in cinque partite. Gli schemi di gioco del discepolo di Sacchi, pur adattati alle caratteristiche del Bari, si sono sgretolati.

Le certezze si sono trasformate in dubbi: il «sacchismo», insomma, registra un'altra sconfitta. Sul campo. Perchè Mangia non è riuscito ad essere «sacchista» fino in fondo. Ma è colpa solo di Mangia? Ora tocca a Davide Nicola salire sul treno in corsa. Un altro tecnico giovane, promettente. Arrendersi è una parola che non esiste nel suo vocabolario. Darà la scossa giusta? Intanto, il Bari se vuole volare alto deve costruire ali più solide. Quando Mangia, amareggiato, parla della «mancanza di un tassello» in questa squadra, non si riferisce agli eventuali acquisti negati di giocatori. Ma alla vicinanza, nei momenti di bisogno, di quelle figure societarie che rappresentano il collante necessario per far funzionare al meglio la macchina competitiva.

Ecco, forse la solitudine dell’uomo solo al comando ha influito e condizionato le prestazioni del collettivo. Un errore da non ripetere nell’immediato futuro. Altrimenti le ali di cera del Bari rischiano di sciogliersi di nuovo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie