Sabato 23 Marzo 2019 | 04:06

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Taranto, la «supplenza» da parte della chiesa

di Mimmo Mazza
Taranto, la «supplenza» da parte della chiesa
di Mimmo Mazza

Va bene, siamo sul filo del paradosso. Ma come non parlare di svalutazione prima e supplenza poi della politica quando monsignor Santoro, cita il Signore che prende su di sé i nostri peccati, il peso che che soli non riusciremmo a portare. Come non parlare di svalutazione e supplenza quando il vescovo dipinge un quadro composto da tre casi irrisolti dalla politica tarantina e nazionale (i due Marò detenuti in India, le ansie dei lavoratori dell'appalto della Marina, la strage di Palagiano costata la vita al piccolo Mimmo) e denuncia che i tanti miglioramenti auspicati e invocati tardano ad arrivare? Implicitamente, è evidente, per colpa della politica che dice ma non fa.

E' vero, a Taranto povertà si aggiunge a povertà, a sfiducia altra sfiducia ma non crediamo, non vogliamo credere, all'esistenza di una classe dirigente, al netto delle necessarie differenziazioni, completamente chiusa al popolo, chiusa nelle ideologie, che opera nell’interesse esclusivo di gruppo, di partito e delle conseguenti lotte interne. D'accordo, se non ci fosse il vescovo a chiamare direttamente al telefono i ministri (è accaduto la settimana scorsa con la titolare della Difesa, Roberta Pinotti) o volare a Roma il giorno del loro insediamento (quando Galletti prese il posto di Orlando, all'Ambiente), Taranto sarebbe ancora più sola di come non è. Strategica per la nazione, come è scritto in ormai ben 5 leggi, ma abbandonata se non da Dio, sicuramente dagli uomini, dai suoi uomini incapaci di ritagliarsi un posto nel Governo o di incidere concretamente nelle scelte del Governo stesso. Eppure un quadro così sembra fatto apposta per sollecitare la solita risposta demagogica e populista dei guru del momento, agevolando certe campagne elettorali che non a caso si concludono con il Movimento 5 stelle primo partito tra gli operai dell'Ilva, e dunque con una nulla di fatto. I politici tarantini avranno anche il cuore indurito, qualche scheletro di troppo nell'armadio e ricorrenti guai con la giustizia (una maledizione che accomuna chi negli ultimi 20 anni ha indossato la fascia tricolore da sindaco), poggeranno pure con troppa facilità sul basto del popolo che soffre, d’accordo, ma sostenere che non conoscano l’amore per la propria città, che pratichino unicamente l'arte del rinvio, sembra un modo francamente un po’ bislacco di raccordarsi con le pulsioni primitive dell’opinione pubblica.

I social network, fulcro della Nuova Ignoranza, sono andati per le spicce, inseguendo la loro stessa golosità di lode e di sintonia con l’istinto della folla barabbesca: il vescovo come un sindaco ma anche come un invasore di campo. Non arriveremmo mai a tanta scemenza. Quelle stesse cose Santoro le aveva già dette in altre occasioni. Di passaggio, aveva bollato l’inganno delle proroghe e dei ritardi, proponendo un riscatto metodologico: non possiamo costruire qualcosa di serio facendo a meno gli uni degli altri. Il quadro è drammatico e duro, il rischio di farsi inghiottire dalle tenebre concreto. Diciamolo alla svelta, allora: la chiesa è in campo, riempie le voragini create a Taranto dalla politica e dall'antipolitica, riuscendo anche nel miracolo di espiare le proprie colpe, pur se all'udienza preliminare sul caso Ilva il prossimo 19 giugno sul banco degli imputati, accanto ai politici Vendola, Florido e Stefàno, ci sarà anche un sacerdote. Ma ai laici inconcussi va bene?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400