Giovedì 25 Aprile 2019 | 11:49

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Ma a crescere è sempre il debito pubblico

Ma a crescere è sempre il debito pubblico

 
Il fondo
Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

 
La riflessione
Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

 
L'analisi
Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

 
Il punto
Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

 
L'editoriale
Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

 
L'opinione
Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

 
L'analisi
E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

 
L'analisi
Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

 
Consigli di lettura
Pulce, che favola di bambina!

Pulce, che favola di bambina!

 
L'analisi
Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
LecceAperta inchiesta
Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Tra franchi tiratori e imboscate regge l’asse tra Matteo e Silvio

di Michele Cozzi
Tra franchi tiratori e imboscate regge l’asse tra Matteo e Silvio
di MICHELE COZZI

Troppe battaglie all’ombra della legge elettorale e dello scontro sulle quote rosa. Non a caso, il voto finale è slittato a questa mattina. Ieri è andata in scena l’ennesima commedia delle parti tra i partiti e nei partiti. A cominciare dai Democratici, lacerati dalla bocciatura sugli emendamenti sulla parità di genere, con le deputate «all’opposizione» e con il malessere della sinistra interna che ha interpretato la bocciatura sull’altare dell’intesa tra Renzi e Berlusconi.

In una situazione tumultuosa, le sorprese sono dietro l’angolo: così ieri è accaduto che un altro emendamento sulla doppia preferenza è stato bocciato per soli 20 voti, quella più bassa registrata. Stessa sorte per un altro emendamento che introduceva le preferenze bocciato per soli 35 voti. Cosa significa tutto questo? Che i deputati del Pd utilizzano i vari emendamenti per inviare messaggi al premier. Che in mattinata aveva spronato il gruppo parlamentare a tenere fede all’accordo sulla legge elettorale sottoscritto con Berlusconi. Ma che nel Pd l’aria sia tutt’altro che tranquilla lo testimonia il battibecco che, secondo i presenti, c’è stato tra Renzi e Rosy Bindi, sulla costituzionale della legge. Per non parlare di Bersani che ha pizzicato la «movida» renziana.

Ma sulla sostanza, cioè le soglie di sbarramento e il premio di maggioranza, il Pd e l’intesa con i forzaitalioti ha tenuto. Se così non fosse stato, sarebbe partito un messaggio di sfratto al premier.

Il quale va avanti, quindi, tra strappi, accelerazioni, qualche colpo basso, subito e dato. Ma non sembra arretrare. Oggi è il grande giorno, una sorta di «mercoledì da leoni», in cui il consiglio dei ministri dovrà decidere a chi distribuire 10 miliardi. La polemica di ieri tra Renzi e Squinzi appare la conferma che il governo intenda distribuire quei fondi alle famiglie, e non alle imprese con l’eventuale taglio dell’Irap. Poi, si annunciano provvedimenti sul lavoro, sulla scuola, sul piano casa. Non poco, anzi decisamente troppo rispetto alle abitudine italiche. Per questo, nel mondo del sindacato serpeggia almeno una pacata diffidenza.

I sindacati. È un altro fronte aperto da Renzi. Lui e la Camusso non si «prendono». Anzi. E non solo perché nelle primarie perse contro Bersani, la Cgil si schierò contro Renzi. Ma per un dato strutturale.

Al di là della natura dei provvedimenti, Renzi intende imprimere velocità alla sua azione. E ripete che ascolta tutti, ma che poi decide da solo. Una dichiarazione di guerra per un mondo, quello delle parte sociali, abituato da sempre alla concertazione, ai compromessi. Non a caso la Cgil lancia già la minaccia di uno sciopero. Non sarebbe scandaloso in assoluto, è già successo in passato. Ma in questa fase assumerebbe un significato diverso.

E Renzi farebbe bene a rivedere un po’ la storia recente del Paese. E ricordare coloro che prima di lui hanno tentato di spuntare le unghie ai sindacati, soprattutto al «corpaccione rosso» della Cgil, e si sono fatti male.

Ma Renzi, sulla scia di quanto accaduto negli ultimi anni in Gran Bretagna, Francia e Spagna, non sembra avere timore di affrontare qualsiasi tipo di totem.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400