Martedì 26 Marzo 2019 | 01:51

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

«La grande bellezza» ha già vinto il suo Oscar

di Oscar Iarussi
«La grande bellezza» ha già vinto il suo Oscar
di Oscar Iarussi

Paolo Sorrentino il suo Oscar l’ha già vinto. E può andarne fiero qualunque sia stato l’esito per La grande bellezza nella «notte delle stelle» conclusasi a Los Angeles quando in Italia albeggiava o quasi. È l’Oscar dell’orgoglio nazionale, talora scanzonato al pari di certe frasi su Facebook o Twitter riservate al film del quarantenne regista napoletano, al netto dell’invidia dei colleghi malcelata negli auguri di rito.

L’Italia non figurava nella cerimonia hollywoodiana dal 1999 dello scatenato Benigni di La vita è bella. Come allora, sebbene la crisi abbia divorato la nostra proverbiale allegria, la dignità tricolore è parsa vivida. Non capitava da un bel pezzo; non fuori dai campi di calcio, dove puntualmente ci riscopriamo patrioti per novanta minuti. Definito «una metafora del declino italiano» («The New York Times»), La grande bellezza è dominato dal giornalista mondano Jep Gambardella (Toni Servillo), impegnato/disimpegnato in una quotidiana e ammaliante discesa agli inferi tra le rovine archeologiche e morali della capitale.

Il Mastroianni alter ego di Fellini aveva una quarantina d’anni, Servillo nella trama del film ne compie sessantacinque, ma il successo internazionale La Grande bellezza certamente si giova del sostrato felliniano. Agli americani «nostalgici» dei bagni nella fontana di Trevi e della Vespa, Jep Gambardella ricorda con piacere La dolce vita e 8 ½ (quest’ultimo si impose agli Oscar giusto cinquant’anni fa).

D’altronde, da bravi eredi della commedia dell’arte, siamo abituati a far lo zanni e a spacciare per altro ciò che sentiamo: sì che la tristezza diventi bellezza, e la piccolezza si muti in grandezza. Non è la prima volta. L’Italia conquistò il mondo con La dolce vita, titolo ironico e assai equivocato di un film amarissimo sulle stagioni del boom.

Il riscatto, dunque, può nutrirsi di un malinteso? Sì. Il fascino cinematografico di un Paese malinconico e decadente può fecondare una paradossale rivincita? Sì. L’Oscar che Sorrentino ha già vinto - magari insieme alla vera statuetta - cammina in bilico sul filo tra realtà e sogno, è sempre pronto a cadere e a rialzarsi. È questo un tipico carattere nazionale memore dei capolavori di Federico Fellini ma anche di Eduardo De Filippo, come Le voci di dentro che giusto Toni Servillo, in coppia col fratello Peppe, sta portando sul palcoscenico nella stagione in corso (pochi giorni fa era al Petruzzelli di Bari).

E se nel naufragio italiano fotografato da La grande bellezza, l’unica «salvezza» si scorge sull’isola dell’infanzia di Jep, forse il solo possibile riscatto sta nel ritrovare le radici. «Sa perché mangio solo radici?». «No, perché?». «Perché le radici sono importanti», confessa a Gambardella una suora missionaria e ascetica, chiamata «la santa» e prossima ai 104 anni!

Lo scrittore rinunciatario, il giornalista benestante e pigro, il viveur insonne e disilluso, il protagonista in giacca rossa disamorato di tutto «rischia» così di diventare un buon viatico della ripresa. Già nel 2009 l'Italia fu candidata all'Oscar per il miglior film straniero con Gomorra di Garrone, senza riuscire a entrare nella cinquina. Stavolta Sorrentino ha fatto centro - piace pensarlo - perché il malessere o addirittura l’agonia nazionale, ovvero il grottesco orizzonte dei «trenini delle feste che non vanno da nessuna parte», lascia intravedere uno spiraglio. Poco male se il domani ha gli occhi rivolti all’indietro. Pure in politica, dopo «la dolce vita» di Berlusconi, chi non ama Grillo e ha ancora voglia di credere in qualcuno, si affida per il momento a Renzi, una specie di democristiano di sinistra 2.0. Come dire? C’era una volta il futuro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400