Martedì 26 Marzo 2019 | 01:32

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

La perversione dei soldi ha il tocco neorealista

di Oscar Iarussi
La perversione dei soldi ha il tocco neorealista
di Oscar Iarussi

Homo homini lupus. Qualcuno l’aveva forse dimenticato? Nel rutilante e scatenato film di Martin Scorsese ispirato a una storia vera, The Wolf of Wall Street, il giovane lupo si chiama Jordan Belfort, classe 1962, figlio di due ragionieri di Queens-New York. Da outsider diventa il broker che fra gli Ottanta e i Novanta del secolo scorso incarna alla grande gli «spiriti animali» del capitalismo. Sono gli anni di preludio della finanziarizzazione globale che avrebbe illuso molti, arricchito pochissimi e depauperato i più, fino alla deriva dei titoli «tossici» e alla terribile crisi che stiamo ancora subendo. «Senza rendercene conto, senza mai aver deciso di farlo, siamo passati dall’avere un’economia di mercato all’essere una società di mercato», e viviamo in «un luogo dove le relazioni sociali sono trasformate a immagine del mercato».

E’ la sintesi efficace del filosofo della politica Michael J. Sandel in un recente saggio tradotto da Feltrinelli, Quello che i soldi non possono comprare (cioè nulla o quasi, visto che persino il corpo umano e la salute pubblica sono soggetti al mercimonio legalizzato).

L’«irresistibile ascesa» di Belfort, per dirla con Brecht, si fermò bruscamente dietro le sbarre. Accusato di frode dall’Fbi ed incastrato da un agente che invano aveva tentato di corrompere, venne considerato colpevole del cosiddetto pump and dump (pompava il valore delle azioni per poi piazzarle agli ignari risparmiatori). Tuttavia ottenne un consistente sconto di pena denunciando le illecite pratiche della sua società, la Stratton Oakmont, e inguaiando una schiera di complici/adepti. Belfort ha quindi scritto un’autobiografia pubblicata anche in Italia da Rizzoli e i cui proventi sono destinati per metà alle vittime delle sue truffe, mentre ora conduce seminari «motivazionali» – come si vede nell’epilogo del film - per insegnare a vendere qualunque cosa a chicchessia (già, il lupo perde il pelo…).

Sullo schermo Belfort è uno strepitoso Leonardo DiCaprio più o meno eguale a se stesso nell’arco della trama, dai venticinque ai quarant’anni (fra parentesi: sarebbe arrivato il momento di assegnargli finalmente un Oscar!). E’ l’interprete perfetto della carica vitale, della rapacità erotica, di un tempo allupato e drogato, vorace di tutto, ovvero è un’icona dell’irrefrenabile fascino del capitale quando porta alle estreme conseguenze l’individualismo proprietario. Ed è felice.

Siamo in un film di Scorsese - 72 anni - e la materia incandescente viene trattata alla maniera delle sue regie, con l’energia visionaria che qui, tematicamente, rimanda soprattutto a Quei bravi ragazzi e a Casinò. E dunque: macchina da presa mobilissima e montaggio delle meraviglie in cui non manca l’improvviso fermo-immagine straniante con DiCaprio che si rivolge direttamente al pubblico (che ha gradito: 3.800.000 euro l’incasso nel primo weekend, nonostante la durata fluviale: tre ore meno un minuto). Sono già cult talune scene del film: il «lancio del nano» per far baldoria in ufficio o la più singolare e - quien sabe? – eccitante modalità di sniffare cocaina mai vista sullo schermo (scopritela da soli). Ma, a guardar bene, The Wolf of Wall Street è altrettanto vicino ad altre opere del Nostro: dalla travolgente accelerazione notturna di Fuori orario all’esplosiva violenza clanica di Gangs of New York.

Sì, la Borsa ha un che di tribale, riserva l’aurea ritualità e i toni da nenia del mentore di Belfort, un superlativo Matthew McConaughey. Mentre si fa servire un Vodka Martini «ogni cinque minuti», il broker esperto spiega al pivellino come cavarsela a Wall Street. Due o tre consigli: coltivare le illusioni degli investitori facendo in modo che puntino gli eventuali utili su altre azioni e intascare intanto le commissioni (unica moneta reale); masturbarsi a più non posso per essere sempre rilassati; assumere cocaina in grande quantità per stare all’erta.

L’allievo è sveglio e in un battibaleno supererà il maestro. Assume ogni tipo di stupefacente fino al micidiale «Quaalude» che a momenti lo ammazza. Frequenta centinaia di prostitute a dispetto della bellissima seconda moglie che gli darà una bimba, una modella con nobile zia londinese che tornerà utile come prestanome bancaria. Organizza orge che si concludono con milioni di dollari di danni negli hotel. Naviga su uno yacht da cinquanta metri e, naturalmente, porta i soldi nella Svizzera «che lava più bianco» (Jean Ziegler). Lo stato di allucinazione è permanente, il primato dei sensi corrisponde alla narcosi del (buon) senso, la tracotanza si rivela assai produttiva. Una vita all’insegna dell’eccesso. E’ la hýbris a governare Belfort/DiCaprio e il suo mondo: dismisura, orgoglio, prevaricazione e indifferenza/insofferenza alle regole come alla morte. A differenza della tragedia greca, però, in lui non v’è alcuna colpa incombente, né il rimorso o il timore della nemesi che pure il padre gli predice: «Tutti i nodi prima o poi vengono al pettine».

Non c’è «salvezza» immaginabile nell’orizzonte di una vita così e qualsiasi perversione è in campo senza considerarsi tale. Un vortice collettivo, considerando la fedeltà quasi paranoica che i soci del «cerchio magico» (ex poveracci psicotici) e i dipendenti della Stratton Oakmont riservano al loro eroe, capo e guru (succede anche in politica, non solo nella finanza).

I detrattori di The Wolf of Wall Street accusano: Scorsese non giudica, non prende le distanze, non pensa alla morale. E’ vero, ma come potrebbe? Il film non oggettiva le vicende, anzi, le potenzia come se fossero una lunga «soggettiva» di Belfort/DiCaprio, un trip lisergico, un viaggio astratto e imbambolato oltre il termine della notte: la favola crudele e nichilista dei soldi. D’altronde, non è forse un anelito faustiano a spirare e a dilagare nella nascita e nei tumulti del capitalismo? Alla fine i nodi verranno al pettine, certo, ma ancora una volta Scorsese non assolve né condanna (da cattolico osservante sa che non spetta a lui), bensì laconicamente mostra: l’agente Fbi torna a casa in metropolitana guardando gli altri passeggeri, e, di contro, l’ex lupo di Wall Street appena uscito di prigione cerca di piazzare una penna. Vite intere, sguardi fugaci. Sembrerà un paradosso, ma The Wolf of Wall Street è puro neorealismo: ladri di mazzette e misere vittime.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400