Martedì 26 Marzo 2019 | 23:09

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

 
LecceLa sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

E adesso anche le «culturalie» inutili primarie della cultura

di Oscar Iarussi
di OSCAR IARUSSI 

Non c’è che dire, ci stiamo prendendo gusto. D’altronde, siamo o non siamo il paese di Tu vuo’ fa l’americano? Allora: primarie, e primarie sempre, e fortissimamente primarie. Presto, vedrete, si celebreranno in famiglia per sbrogliare il quotidiano rebus del pasto: domani pasta e fagioli o risotto ai funghi? Il soviet supremo di controllo presieduto da Nonno Libero vaglierà le schede depositate nel «Bimby» comprato a rate e, in ottemperanza al meccanismo democratico brevettato oltre Atlantico e opportunamente «aggiustato» dalle nostre parti, in tavola arriverà un piatto di fave e cicoria. Poco male se vi saranno occasionali flatulenze su Facebook dei fagiolai delusi e compunte risottate di protesta davanti alle Procure della Repubblica, oltretutto illanguidite nell’or - ganico per la salita/discesa in politica di numerosi magistrati. 

In attesa delle «culinarie» (astenersi facili ironie su Hosni Mubarak e sue giovani eredi), ecco intanto le «culturalie», cioè le primarie delle cultura. Le promuove da ieri sul web il Fondo Ambiente Italiano (Fai), invitando a una semplice iscrizione sul sito e all’espressione di tre preferenze tra i quindici temi ritenuti preziosi nell’agenda del futuro Parlamento. «Se non puoi scegliere il candidato, scegli le sue idee», recita lo slogan del Fai allusivo al meccanismo del cosiddetto «Porcellum». È l’attuale legge elettorale, che attribuisce ai partiti il potere di decretare chi verrà eletto in base alla gerarchia dell’inserimento in lista. 

Oddio, «scegli le sue idee» suona un po’ come una pia illusione. Avranno davvero delle idee? Speriamo di no e quindi sarebbe difficile sceglierle. Ma nel caso le abbiano (e c’è chi le ha), figurati se stanno lì a farsene suggerire di diverse da chicchessia. Tuttavia, com’era scontato, le «culturalie» hanno subito vellicato la rituale retorica del caso e già ieri non sono mancate le adesioni. Tra i primi, taluni esponenti del Pd per il quali la parola «primarie » rischia di somigliare agli esperimenti col cane di Pavlov: un suono, una salivazione. Riflesso condizionato. 

Leggiamo ancora dal sito del Fai: «Giotto, Dante, Leonardo, Verdi e Fellini in campagna elettorale». Difatti le vignette che li rappresentano sono allineate al pari dei cinque concorrenti nella sfida televisiva di Sky per il candidato premier del centro-sinistra, nel novembre scorso. Sotto il segno di cotanti testimoni (in italiano testimonial) il Fai lascerà aperto il voto fino al 28 gennaio all’indirizzo internet www.primariedellacultura.it. Tre settimane durante le quali si potranno votare «le priorità nell’ambito della cultura, del paesaggio, dell’ambiente da indicare a chi si candida a guidare il prossimo governo». Le quindici opzioni in lizza? 

Facciamo qualche esempio: «Non 1 di meno: quota minima 1% dei soldi pubblici per la cultura» e «Chi tocca il suolo muore: stop al consumo del paesaggio». Nonché, con risolutezza montista/ casiniana o montiana/casinista, «Io centro: difendere i centri storici». Non manca il raffinato giochino di parole alla maniera del poetronico Gianni Toti: «Agri-cultura: più lavoro e benessere a km zero». In altre schede colpisce il bisogno di salvaguardare la lingua italiana, evocato di recente da Guido Ceronetti: «Più start-up per tutti: vere agevolazioni per i giovani» oppure «Meno Italialand, più Italia: politiche integrate per il turismo». Panni sciacquati in Hudson invece che in Arno, stereotipi e anglicismi. E se viene citato il film testamentario di Mastroianni, «Mi ricordo, sì, io mi ricordo: salviamo le biblioteche», un posticino è riservato anche alla fantascienza: «Progetto MIBAC 2.0. Per uno Stato più efficiente e moderno: adeguare le politiche culturali e di tutela e le professionalità necessarie a metterle in atto per consentire al Ministero per i Beni e le Attività Culturali un ruolo più incisivo ed attuale». Oh, yeeeees. 

Fra le rare proposte concrete, quella titolata in omaggio a Massimo Troisi: «Ricomincio da tre (ore): più storia dell’arte a scuola». Eppure - indovinate - almeno ieri è stata tra le meno votate. Mentre è subito balzata in testa alla classifica la geremiade «Più soldi alla cultura ». Per farne cosa, come, con quali modalità e verifiche degli esiti «ambientali», non è un problema pervenuto al/dal Fai. E che importa se i tedeschi da mesi dibattono di Kulturinfa rk t , infarto della cultura, per eccesso di sussidi statali, come sostiene un saggio appena tradotto in italiano nelle edizioni Marsilio. D’altronde, il reboante «Manifesto per la cultura del Sole 24 Ore», lanciato nemmeno un anno fa, è stato archiviato nel nulla di fatto. Con la complicità dei «chierici» traditori di cui scrisse Julien Benda (gli intellettuali servi di ogni regime), la politica continua a pensare alla cultura come a un laico instrumentum re gni. Tutto molto canonico, prevedibile, «primaricamente corretto», in una parola: inutile. Domani, fave e cicoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400