Martedì 19 Marzo 2019 | 15:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 
La riflessione
Le reprimende del garante per i malanni del fisco

Le reprimende del garante per i malanni del fisco

 
L'analisi
Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

 
La riflessione
L’Italia a due velocità: il passato che non passa

L’Italia a due velocità: il passato che non passa

 
L'analisi
Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

 
L'analisi
Aldo Moro (1916-1978)

La democrazia operante ha bisogno dei giornali

 
L'analisi
La donna è brutta, non è stupro: quando la bellezza è il nuovo metro di giudizio

La donna è brutta, non è stupro: quando la bellezza è il nuovo metro di giudizio

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
"Tanti auguri Ciccio e non mollare"I primi 40 anni di super Brienza

"Tanti auguri Ciccio e non mollare"
I primi 40 anni di super Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa polemica
Ex Ilva, associazioni contro il vertice in Procura: «È un errore parlare con chi inquina»

Ex Ilva, associazioni contro vertice in Procura: «È errore parlare con chi inquina»

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
BariL'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Io sto con gli operai ma Taranto si svegli

di Michele Riondino
di MICHELE RIONDINO

Non può essere una colpa amare la mia città, non è colpa mia se quando entrando a Taranto dalla 106 la prima cosa che noto è l’odore acre della raffineria, non è colpa mia se la rabbia per lo sfruttamento occupazionale e ambientale mi porta a dire sempre quello che penso così come lo penso. L’Ilva è un destino ineluttabile, la sua presenza ha sempre condizionato la vita di tutti in città. È difficile considerare innocuo un impianto industriale che per 33 anni (la mia età) ogni giorno sputa fumi di ogni colore, è difficile considerare normale il fumo nero e denso sprigionato da un incendio all’interno di uno dei reparti e restare sereni se chi dovrebbe rassicurarti che quell’incendio e quel fumo sono innocui per la salute in realtà minimizza la faccenda dicendo semplicemente: «tranquilli è olio vegetale, nessun problema».

Sono convinto che chiunque, anche i più tenaci sostenitori del patron Riva, almeno una volta all’uscita dalla fabbrica abbiano pensato vedendo il fumo nero sprigionarsi nel cielo: oh mio Dio, che stiamo combinando? Che cosa sto facendo respirare a mio figlio. Si è sempre fatto leva sul ricatto a Taranto. La dirigenza ha sempre avuto gioco facile per questo.

Vivere a Taranto significa vivere all’ombra di una ciminiera, non scioperare e non mostrarsi sindacalmente attivi, significa arrendersi all’idea di non avere una dignità, perché nel momento in cui la politica ti costringe a scegliere tra il lavoro e la salute vuol dire che quella stessa politica ha di te una idea precisa: ossia che tu non sei più un uomo, bensì una macchina. Trovo sacrosanta l’ordinanza del tribunale di Taranto, è una liberazione leggere nell’atto: «chi gestiva e gestisce l’Ilva ha continuato in tale attività inquinante con coscienza e volontà per la logica del profitto, calpestando le più elementari regole di sicurezza». Non potevano riconoscerci verità più accertate. La politica è ora che si assuma le giuste responsabilità a riguardo e non credo che lo Stato italiano possa permettersi la chiusura del più grande impianto siderurgico, l’intero sistema industriale italiano imploderebbe. Nessuno chiuderà il mostro, ne sono sicuro, ma se col mostro si deve convivere allora le regole di questa convivenza devono essere chiare e rispettate.

È vero, l’aria pulita non si mangia, ma l’aria pulita si respira, serve a far crescere sani i nostri figli e non è demagogia questa, è pura e semplice regola di sopravvivenza. Un essere umano può resistere all’incirca un mese senza mangiare, tre giorni senza bere, non più di tre minuti senza aria. Trovo alcune prese di posizione rispetto ai giudici, che li vedrebbero «colpevoli» di quello che sta succedendo oggi, veramente paradossali e ritengo ingiusto il tentativo maldestro di proteggere i Riva da responsabilità lampanti. Certo, la soddisfazione di questa ordinanza si ferma là dove si evince che i 336 milioni di euro per la bonifica delle aree esterne all’Ilva saranno stanziati solo dal governo e senza alcun contributo della famiglia Riva, famiglia che è scesa dal cosiddetto «Nord che produce» in Terronia.

«Sono con gli operai senza se e senza ma», già la classe politica si sta spendendo a riguardo. Io invece dico «sono con gli operai senza se, ma con un ma». Mi rivolgo infatti a tutti gli operai di oggi che sono figli degli operai di ieri. Eravamo insieme in piazza 16 anni fa a protestare contro l’impatto ambientale, contro il ricatto occupazionale, contro le ore di straordinario selvaggio, contro l’amianto, anche contro la nave dei veleni. Eravamo insieme e i nostri padri ci criticavano perché, dicevano: contro l’azienda non ci si deve mai schierare. Noi rinnegavamo questa logica e criticavamo a nostra volta i nostri padri per il loro lassismo. Oggi si è in piazza ad attaccare una magistratura che finalmente ci ha dato ragione. Io penso che ora bisogna gridare con una voce unica che quest’azienda è nostra e che vogliamo abitarla e farla funzionare per il nostro bene e non contro il nostro bene, che oltre alla fabbrica bisogna giocare quelle carte che la gestione selvaggia della fabbrica stessa ha distrutto. Mi riferisco per esempio alla coltura delle nostre cozze che non possiamo più toccare perché ci mutano il DNA. Dobbiamo gridare che da noi la fabbrica ha avvelenato bestiame e terreno e che non possiamo più esportare il settore caseario.

Dobbiamo gridare che la nostra è una terra bellissima e che la carta del turismo non siamo mai riusciti a giocarcela seriamente perché nessuno ha mai avuto il coraggio di investire su queste terre, dobbiamo gridare a tutti quelli che passano dalle nostre parti per andare in Salento che qui il mare, le spiagge, i prezzi sono migliori. Dobbiamo essere uniti e non farci condizionare più da nessuno, né dai padroni né dai politici che cercano il riscatto in una terra che è l’eldorado degli usurpatori. Svegliamoci finalmente, svegliamoci tutt’insieme per una volta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400