Mercoledì 20 Marzo 2019 | 15:04

NEWS DALLA SEZIONE

la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 
La riflessione
Le reprimende del garante per i malanni del fisco

Le reprimende del garante per i malanni del fisco

 
L'analisi
Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

 
La riflessione
L’Italia a due velocità: il passato che non passa

L’Italia a due velocità: il passato che non passa

 
L'analisi
Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariAl Teatro petruzzelli
Mafie: Regione celebra la giornata della memoria a Bari con Ettore Bassi

Mafie: Regione celebra la giornata della memoria a Bari con Ettore Bassi

 
LecceIl 25 marzo
Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
TarantoA Taranto
Ricostruzione mammella con il lipofilling: interventi riusciti

Ricostruzione mammella con il lipofilling: interventi riusciti

 
MateraNel Materano
Policoro, istituto falsificava diplomi di maturità: 21 persone indagate

Istituto falsificava diplomi di maturità nel Metapontino: 21 persone indagate

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
BatCasa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Cara Fornero i più sfigati siamo noi, disabili senza lavoro

di Michele Pacciano
di MICHELE PACCIANO

Gentilissima ministra Fornero, sono Michele Pacciano, sono un invalido vero. Ho una tetraparesi spastica neonatale. Guardare il mondo da una carrozzina non mi ha impedito di apprezzarne la bellezza, mi ha solo dato un altro punto di vista. È sempre stato motivo di stimolo, di orgoglio, di sfida e di intraprendenza. Ho costruito la mia vita come tutti, non rivendico meriti particolari, non sta a me farlo. Mi sono laureato brillantemente, sono diventato giornalista professionista. Non mi sento un eroe e neanche un paladino, semplicemente era quello che volevo fare e ci sono riuscito. Dopo anni di consulenze, lavori in Rai e nei giornali, mi confronto ora con il dramma sordo della disoccupazione. 

La mia attuale situazione lavorativa non mi permette di guardare al futuro con serenità. Al di là dell'espediente retorico, per me, il lavoro è vita. Ogni spastico, ogni disabile, per vivere deve aggrapparsi a un pensiero positivo, io l'ho sempre fatto scrivendo. Non Le scrivo, signora Ministra, per pietire scorciatoie, ma per rivendicare un diritto, quello alla piena realizzazione, con i propri mezzi, capacità, potenzialità e volontà. Mi chiedo, perché per i disabili la parola lavoro, la parola integrazione, debbano spesso far rima con concessione. Perché troppo spesso tutto è lasciato, nei casi più gravi, al volontarismo, spesso encomiabile, delle cooperative sociali? Perché, troppo spesso, i disabili sono costretti a lavori di risulta, o peggio, a ridursi all’immobilismo, in vere e proprie aree di parcheggio? Perché, guardando al mio caso specifico, né la Rai né i giornali, applicano anche nell’assunzione del personale giornalistico, le quote di riserva previste a favore dei disabili nelle aziende sia pubbliche che private? 

Le chiedo, signora Ministra, non si configura in questo caso, una tacita, ma palese violazione del principio costituzionale di pari opportunità? Le ripeto, non mi sento un paladino, piuttosto un referente. Io forse ho avuto qualche possibilità in più di altri. Ma c’è tutto un mondo che chiede rappresentanza. E risposte. Fidando nella Sua sensibilità e provata competenza, con la stima di sempre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400