Venerdì 25 Giugno 2021 | 01:40

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Le scelte di Bergoglio fra Roma e Washington

Le scelte di Bergoglio fra Roma e Washington

 
Il punto
Vince l'informazione e perde la politica

Vince l'informazione e perde la politica

 
Il caso
Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

 
La riflessione
La riforma della giustizia e la solitudine della ministra

La riforma della giustizia e la solitudine della ministra

 
L'analisi
Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

 
La riflessione
La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

 
La riflessione
Occorre seminare oggi per il turismo di domani

Occorre seminare oggi per il turismo di domani

 
L'analisi
Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

 
L'editoriale
Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

 
La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'allarme
Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

 
PotenzaCalcio
Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

 
Barigli effetti del caldo
Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

 
PotenzaCovid
Basilicata, vuote le terapie intensive

Basilicata, vuote le terapie intensive

 
Tarantosanità
Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

 
BrindisiIl caso
Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

 
FoggiaLa tragedia a gennaio
Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

 
BatL'intervista
«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

 

i più letti

Mediterraneo, il cimitero liquido

di Nichi Vendola
di NICHI VENDOLA

Un mare di mezzo: separa i destini di quelli che abitano da una parte e dall’altra, spacca il mappamondo, segna il confine tra ricchezza e povertà, tra pace e guerra, tra essere e non essere, tra passato e futuro. Un muro d’acqua nelle cui fessure sono conservati i segreti dei marinai e dei pescatori, ma oggi anche le lacrime e le preghiere dei naufraghi. Un mare da attraversare, dopo aver attraversato i deserti e le megalopoli di stracci e lamiere di non-nazioni avvitate nei conflitti, nella carestia, nella siccità, nella malattia. 

Fuggire, vendersi a un trafficante di umanità sbandata, guadagnare una zattera, un traghetto, una barca con al timone un pirata. Fuggire in cerca di un riparo, di una chance, di un nuovo inizio. Il Mediterraneo, un mare di mezzo che continua a sprigionare tutta la sua potenza culturale di deposito di memorie e di fucina di suggestioni e metafore. Eppure da troppo tempo è diventato un mare che la vita la inghiotte, la divora oscenamente e ne sputa i resti nei suoi abissi (e nella nostra occidentale ipocrisia). Un cimitero liquido, in cui affogano le promesse della buona globalizzazione e galleggiano i relitti desolanti della globalizzazione vera: quella cattiva, cinicamente governata dai mercanti e dalla finanza, quella che sacralizza la libera circolazione delle merci e dei capitali ma erge barriere sempre più spesse per le persone. 

Le persone concrete, quando sono povere e scappano dal loro calvario, hanno diritti che valgono poco e che diventano storti, hanno esistenze leggere come piume sulla bilancia dei nostri valori, sono appesi alle dogane del nostro collassato turbo-capitalismo e frequentano le galere amministrative delle nostre barbariche modernità. 
Era un posto magico Lampedusa, ora è come l’ingresso in un immenso sepolcro marino. Ogni giorno contiamo i morti. Un’algebra veloce, tanto ci stiamo abituando, siamo come burocrati della morte. Non sapremo mai i nomi di quei bimbi, di quei ragazzi, di quelle donne magari velate, di quella gente dispersa tra le onde, non porteremo fiori e biglietti come attorno ai buchi delle Torri gemelle, non costruiremo un memoriale sull’acqua. Eppure siamo convocati da questa processione di cadaveri, di sommersi dalla morte e dall’oblio: ci chiedono di rompere il cerchio maledetto del fatalismo. 

Noi qui parliamo di sicurezza, ci difendiamo dalle ombre minacciose di quelli che sono diversi da noi, c’è chi li considera sub-umani. Non ci accorgiamo che la sicurezza manca a loro, ai rifugiati che non trovano rifugio, ai disperati che vengono trattati come fastidiose pratiche di ordine pubblico, alle persone in affanno di cui non sappiamo né vogliamo ascoltare le storie, le pene, i desideri. I flussi migratori descrivono bene le ingiustizie di un mondo alla rovescia, scappano da Sud e da Oriente perché scappano dalle bombe o dalle torture o dalla miseria. 

Dalle loro terre venivano un tempo quelli che noi abbiamo fatto santi, le loro madonne nere sono nei nostri santuari. Oggi anche San Nicola sarebbe chiuso in un centro di identificazione ed espulsione. Eppure ci dicono che dobbiamo difenderci, sono le icone che incarnano le nostre paure, sono le ombre del nostro egoismo. In verità, come sempre, gli stranieri sono per noi una speranza di salvezza. Ma fingiamo di non saperlo. 
Loro perdono la vita in questo Mediterraneo, noi perdiamo il segno della nostra umanità. Servirebbe uno scatto della cultura e della politica, l’idea magari che un permesso umanitario è una decente risposta per i vivi e una parziale riparazione per i morti. Occorre reagire, fare qualcosa, non assuefarci al trionfo della morte. Prima che affoghi, nel mare di mezzo, ciò che resta di noi stessi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie