Venerdì 23 Agosto 2019 | 02:38

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoInquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

Parrocchiani silenziosi attorno a quel don Riccardo

di Michele Partipilo
di MICHELE PARTIPILO
A mano a mano che l’inchiesta avanza emergono fatti e particolari sempre più inquietanti. Stiamo parlando della vicenda del prete genovese accusato di pedofilia, spaccio di droga e forse anche di prostituzione. All’inizio sembrava una «normale» storia di un sacerdote che aveva allungato le mani su qualche chierichetto.

Non che questo non sia già grave, ma poi sono arrivate accuse anche più pesanti, fino a quelle estreme per un uomo di Chiesa: sospetti di pratiche sataniche. È vero che l’abisso della mente umana è insondabile e non possono certo bastare una tonaca o una divisa a metterci al riparo da violenze e nefandezze. Ma in questo caso davvero si resta sconcertati di fronte alla frenetica e perversa attività delinquenziale di quest’uomo, al quale si fatica ad accordare la presunzione d’innocenza, così come vorrebbero la nostra civiltà giuridica e una corretta pratica giornalistica.

Secondo le accuse don Riccardo Seppia - subito sospeso dall’esercizio del ministero sacerdotale - avrebbe messo su un vero e proprio business luciferino. Con un vorticoso giro di denaro, con l’acquisto e la cessione di ingenti quantità di droga, con il reclutamento di vittime per soddisfare i suoi biechi istinti. Aiutato in questo - sostiene ancora l’accusa - da un ex seminarista e forse anche da qualche altro compagno di merende.

Che i fatti fossero particolarmente gravi lo si era capito dalla presenza del cardinale Bagnasco, arcivescovo di Genova ma anche presidente dei vescovi italiani, nella parrocchia di don Riccardo nel momento del suo arresto. Non accade tutti i giorni che un prete venga arrestato e ancora più raro è che un cardinale corra a rassicurare i suoi parrocchiani. I cronisti dicono che di fronte alle accuse, ma soprattutto alle prove raccolte dagli inquirenti, Bagnasco abbia pianto. E bene si capiscono quelle lacrime. Per le vittime innocenti di questa storiaccia, per la ferita al corpo della Chiesa, per l’oltraggio al ministero che si rappresenta, per lo schiaffo agli sforzi che il pontefice in prima persona sta sostenendo per estirpare la piaga della pedofilia, arrivando a umiliarsi pubblicamente di fronte al mondo intero.

Quel che non si capisce, e su cui forse lo stesso cardinale dovrebbe indagare più severamente, è come tutta la vicenda possa essere arrivata a conseguenze così estreme senza che vi fossero interventi preventivi, provvedimenti per impedire così orribili depravazioni. Se non vi fosse stata la casuale intercettazione da parte della polizia, impegnata in tutt’altre indagini, don Riccardo avrebbe continuato indisturbato ogni sua turpe attività e chissà in quale altra caverna del Male sarebbe stato capace d’infilarsi.

Dai fatti noti appare purtroppo chiara una assenza di vigilanza da parte dei superiori di don Riccardo. Da tempo la Chiesa drizza le orecchie già nei seminari per valutare se vi siano segni di qualsiasi genere che sconsigliano la via della talare. Direttori, padri spirituali, parroci presso i quali i seminaristi svolgono una sorta di «apprendistato» hanno l’obbligo di osservare con attenzione e riferire. Solo uno di questi soggetti, a quel che è dato sapere, aveva espresso dubbi sulla genuinità della vocazione di don Riccardo. Ma dubbi rimasti senza seguito. Fatto sta che gli era stata affidata la responsabilità di una parrocchia. Che non è cosa da poco, nonostante la penuria di preti abbia portato a un allentamento dei criteri che presiedono a queste scelte.

Ma sembra strano che neppure i parrocchiani abbiano mai sospettato di nulla: possibile che nessuno abbia scorto qualche stranezza? Che nessuno abbia colto qualche pettegolezzo su questo sacerdote che trascorreva le notti in discoteca e la mattina dormiva fino a mezzogiorno?

Eppure chi appena appena abbia vissuto un po’ l’atmosfera delle parrocchie sa quanto le comunità siano oltremodo attente a cogliere segnali di presunti comportamenti censurabili. Uno sguardo a una catechista, una battuta fuori luogo, una diceria, un pettegolezzo si tramutano immediatamente in lettere e segnalazioni al vescovo. E quasi sempre senza che vi sia in realtà alcunché di riprovevole. In questo caso niente, neppure il venticello della calunnia ha sfiorato la malavita di don Riccardo. Tutto ciò non appare verosimile. Forse c’è qualcuno che nella Chiesa non ha vigilato abbastanza o forse lo ha addirittura protetto. Di certo va fatta chiarezza anche in questa direzione, preparandosi magari a scoprire anche qualche inconfessabile verità. Un obbligo che diventa ancora più impellente se la vicenda tocca le responsabilità del presidente dei vescovi italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie