Martedì 26 Marzo 2019 | 03:39

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Oggi le Palme pace per tutte le Nazioni

di Cosmo Francesco Ruppi
di COSMO FRANCESCO RUPPI
La settimana santa, così chiamata perchè si celebrano gli eventi più importanti e soprattutto perchè si sente più forte il richiamo alla santità. E' l'unica settimana dell'anno che reca questa aggiunta e possiamo dire che è il vertice della vita di Cristo e della vita dei cristiani, che celebra il ''mistero pasquale'' sia nella messa, che nei sacramenti, nei funerali e in tutti gli atti liturgici. 

La liturgia, infatti, è il mistero della Pasqua, osssia la sintesi della morte e della risurrezione del Figlio di Dio, ma anche la sintesi dei duemila anni di storia della Chiesa e della nostra storia personale di credenti: diciamo, infatti, una parola, ''Alleluja'', che è la testimonianza che Cristo è morto, ma è risorto e che tutti quelli che credono, in Lui muoiono, ma in Lui risorgono ad una vita nuova. In un momento della storia, in cuisi parla di morte, di smarrimenti, di persecuzione, di sventure, iniziare una settimana con l'idea della resurrezione, vuol dire anticipare i tempi futuri e innestare nella vita presente quelli che l'apostolo Paolo chiama ''i germi dell'eternità''. 

Tutte le feste liturgiche sono importanti, prima tra tutte il Natale, che ricorda la nascita del Figlio di Dio, ma, tra tutte, quella culminante è la festa di Pasqua ed è bene dedicare, secondo la buona tradizione, molto consolidatasi attraverso le manifestazioni popolari, alcuni giorni alla rievocazione del mistero della morte e della resurrezione di Cristo, perchè tutta la vita cristioana è incentrata sull'evento pasquale e sulle conseguenze che esso ha sulla nostra vita.

Come si sa, la celebrazione odierna avviene in due tempi: la benedizione della palme, che solitamenmte si fa in una piazza del paese, e ,dopo un breve processione, ricorda l'ingresso di Gesù nella citta santa, si celebra la Eucaristia, col ricordo della passione, come ci è tramandata dai quattro evangeli.

Non manca nella messa odierna il ricordo di quanto profetizzò Isaia settecento anni prima che gli evanti si realizassero e la parola di Paolo ai Filippesi, che esalta l'umiliazione di Cristo e diffonde per il mondo i frutti della sua passione, morte e risurrezione: ''Cristo Gesù, pur essendo di natura divina...spogliò se stesso, assumen do la condizione di servo e divendo simile agliuomini...umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce'' (Fil 2,6-11). In queste ultime parole, v'è il segreto della settimana santa, perchè solo l'obbedienza rende simile a Cristo e la sofferenza, con gli immancabili dolori della vita, rendono più trasparante la nostra vitae più immersa nella vita di Cristo. 

Dopo la parola di Isaia (''è diventato un verme, non è più un uomo!''), siamo in gradodi ascoltare il vangelo della pasione, secondo Matteo, e comrendere quale potenza e quale grandezza ha recato la morte di Cristo per la vita di ciascuno di noi. C'è un pensiero, che in questo preciso momento della storia può servire per approfondire il senso cristiano della vita: Gesù Cristo ha fatto tutto per obbedienza al Padre e per amore verso l'umanità. Se tutti pensassimo una volta al giorno che siamo tutti figli di Dio e siamo tutti fratelli e sorelle tra di noi, forse molti problemi che, ci angustiano, sarebbero risolti, migliore sarebbe la nostra esistenza sulla terra, più vera e più profonda sarebbe il dono della pace, che nel giorno delle palme invochiamo per noi e l'intera umanità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400