Martedì 26 Marzo 2019 | 01:31

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

L'emergenza profughi e l'ordine del centro lucano

di Mimmo Sammartino
di MIMMO SAMMARTINO
Dinanzi a una emergenza umanitaria, a persone che cercano scampo da guerre e rappresaglie, davanti a un’isola (Lampedusa) stremata dagli arrivi e non sostenuta adeguatamente dal sistema-Paese nel gestirli, non consente di andare troppo per il sottile. E, di fronte a una urgenza così clamorosa, diventa dovere di tutti assumersi le responsabilità per la propria parte. Ciò non di meno, nella vicenda dei migranti è stata evidente qualche incongruenza. Anche a guardare la scena dal balcone della Basilicata. Prima il Ministero dell’Inter no, dopo un monitoraggio effettuato dalle Prefetture, ha individuato l’ex caserma Lucania come luogo idoneo per accogliere i profughi. Poi un altro Ministero (quello della Difesa) ha fatto sapere, ricordando il suo titolo di proprietario della struttura, che non se ne parlava neanche di destinare la caserma all’accoglienza. 

La Regione Basilicata allora, dopo aver ribadito la sua disponibilità a ospitare i migranti nordafricani in fuga dalle guerre, ha dichiarato di restare in attesa delle indicazioni del Governo circa il luogo ritenuto più idoneo. Nel frattempo la situazione di Lampedusa ha raggiunto (e oltrepassato) i limiti della sopportabilità (con rischi per la sanità pubblica e la sicurezza), così - per una emergenza che più annunciata non poteva essere (le rivoluzione nel Maghreb non sono cominciate ieri) - si è dovuto fare in fretta. Un’accelerazione che ha contemplato - da parte di un ministro leghista e di un governo che di federalismo e regionalismo hanno fatto una bandiera - il bypassaggio delle Regioni. 

Si badi: non un centralismo di necessità, ma (anche) verso una Regione, come la Basilicata, che (come altre) aveva già detto «sì». In questo momento serve badare all’ef ficacia dell’azione e alla sostanza. Però anche tener conto del metodo, ogni tanto, non guasterebbe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400