Martedì 26 Marzo 2019 | 17:34

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Ugento, no del Tar a una nuova discarica

Ugento, no del Tar a una nuova discarica

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
PotenzaLa polemica
Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Il muro della cultura per cacciare gli immigrati

di Carlo Bollino
di Carlo Bollino 

Mentre scuole e università italiane scendono sempre più giù nelle classifiche europee di qualità e il ministro Gelmini riduce orari di lezione e numero di insegnanti, il governo introduce l’istruzione come requisito da imporre agli immigrati per ottenere il rinnovo del permesso di soggior no. Non per accedere alle nostre università, si badi bene, ma per continuare a lavorare nei campi, per fare le badanti, per scaricare cassette di frutta ai mercati generali, per pascolare le mandrie e dar da mangiare a polli e maiali negli sterminati allevamenti del nord-est. Lavori che noi italiani, ritenendoci ormai troppo colti, ci rifiutiamo sdegnosamente di fare. Superata l’età dell’obbligo scolastico quella della lettura e del sapere dovrebbe restare in una normale democrazia una strada eventuale, da percorrersi quindi per libera scelta e mai per imposizione di legge. 

E così è infatti per ogni cittadino comunitario. Non lo è invece (o rischia di non esserlo più) per gli extracomunitari, dai quali si pretende da ora in poi un percorso di erudizione coercitivo a prescindere da età, livello di istruzione, storie e sogni personali. In risposta ai disordini di Rosarno, e all’intolleranza razziale esplosa in quella «caccia al negro» poi riuscita giacchè tutti sono stati effettivamente cacciati, il ministero dell’Interno ha annunciato l’introduzione di nuove regole (più restrittive) per concedere alla scadenza dei primi due anni il rinnovo del permesso di soggiorno. 

Lo hanno chiamato «permesso di soggiorno a punti», proprio come la patente: solo che per gli stranieri non vale la buona condotta e il rispetto delle regole, individuati come criteri per valutare un automobilista, ma conta la preparazione personale. Esattamente come accade per i voti sulla pag ella. Dopo i primi 24 mesi, spesso faticosamente trascorsi guadagnando 20 euro al giorno e dormendo sfiniti in luridi casolari, gli extracomunitari ospitati in Italia dovranno sostenere un esame presso lo Sportello unico per l’immigrazione. E qui – pena l’espulsione - dovranno dimostrare di aver studiato. Inflessibili funzionari di polizia li potranno interrogare sui «principi fondamentali della Costituzione», oppure su «organizzazione e funzionamento delle istituzioni pubbliche italiane». Dovranno cioè rispondere su argomenti spesso (purtroppo) ignoti non solo ad una moltitudine di massaie e di impiegati italiani, ma persino a numerosi laureati, come ad esempio quello che interrogato all’esame per diventare giornalista professionista (quindi mica per andare a lavorare nei campi) risponde senza imbarazzo che «i fondatori di Roma furono Remolo e Romo». Mentre un suo collega candidato agli esami di magistratura sostiene che «la revisione della carta costituzionale prevede l’approvazione della revisione dai due lati del Parlamento». 

Se a rispondere fossero stati due nigeriani sarebbero stati espulsi. Per gli immigrati le materie di esame non finiscono qui. Potranno infatti essere interrogati pure sul funzionamento del sistema sanitario nazionale, delle scuola e dei servizi sociali, sulle regole del lavoro (paradossale per chi è costretto a lavorare in nero) e sugli obblighi fiscali in vigore in Italia. Materia certamente nota ai loro datori di lavoro che soprattutto in agricoltura (dove quegli stessi extracomunitari vengono più spesso impiegati) ne sono - si fa per dire - rigorosi custodi. Gli esami «per restare» dovranno essere svolti in perfetto italiano giacché la conoscenza della lingua sarà poi, fra tutti i requisiti, il primo da rispettare. 

In appena 24 mesi un contadino del Ghana o del Marocco dovrà insomma imparare l’italiano, pretesa tanto più paradossale per un Paese come il nostro nel quale la conoscenza della lingua inglese (non del cordofaniano sudanese) riguarda appena il 15 per cento della popolazione, mentre l’uso di un terzo idioma è privilegio di appena il 3 per cento. La nuova procedura potrebbe entrare in vigore entro due mesi. L’obiettivo, spiegano i suoi ideatori, «è testare la reale volontà di integrazione dello straniero». La cultura diventa per legge discrimine sociale. E così quando un extracomunitario verrà espulso pur senza aver commesso alcun reato, per difenderci dall’accusa di razzismo non servirà inventarsi mille altri alibi: basterà spiegare che era ignorante. carlo.bollino@gazzettamezzogiorno.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400