Martedì 26 Marzo 2019 | 01:51

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Anche in Puglia il sapere bruciò

di Pietro Sisto
di Pietro Sisto

La storia del libro a stampa e del libero pensiero è stata accompagnata per secoli da una «storia parallela» dai contorni a dir poco oscuri: quella della censura e dell’«Indice dei libri proibiti», una lunga lista di titoli, editori e tipografi che la Chiesa segnalava con preoccupata attenzione a chierici e laici rispettosi dell’«ortodossia». Un’attenzione che spesso si tradusse in lunghi processi, in condanne al carcere e alla tortura non solo di filosofi e scienziati, ma anche di sacerdoti e monaci sospettati di eresia, magia e stregoneria, nell’accensione di falò nei quali furono bruciati sia le pagine dei libri incriminati sia i corpi di autori e tipografi poco ligi alle direttive ecclesiastiche.

E proprio il fuoco divenne quasi il simbolo della protervia e dell’intolleranza della Chiesa cattolica nei confronti della libertà di parola e di pensiero. Non furono pochi, in realtà, i prelati e gli inquisitori che paragonarono la diffusione delle idee «riformate» e «libertine» al contagio della peste: come, infatti, si faceva ampio ricorso alle fiamme per distruggere oggetti e abiti posseduti dagli appestati nella speranza di circoscrivere l’epidemia, così la Chiesa, bruciando cataste di libri e riviste, si illuse per molto tempo di sorvegliare la circolazione del sapere.

E tutto questo fino al 1966 quando Paolo VI decise di abolire l’«Indice».

Ad alcuni aspetti e momenti di questa dolorosa, cruenta vicenda rivolge l’attenzione con un interessante e ben documentato volume Milena Sabato che si sofferma sui difficili, controversi rapporti tra Stato e Chiesa nel Regno di Napoli e in particolar modo in Terra d’Otranto nell’età della Controriforma. Il volume s’intitola: Il sapere che brucia. Libri, censure e rapporti Stato-Chiesa nel Regno di Napoli fra ‘500 e ‘600; ed è edito da Congedo (pp. 282, euro 25).

L’autrice utilizza proficuamente le suggestioni metodologiche rivenienti da corpose ricerche pubblicate negli ultimi decenni non solo in Italia ma anche in diversi Paesi europei e si avvale di notizie e dati raccolti soprattutto negli archivi vaticani e diocesani. Offre così al lettore un quadro ampio e dettagliato della censura in questo estremo lembo del Regno di Napoli dove il Sant’Uffizio attraverso i vescovi riuscì a controllare l’attività editoriale e il commercio librario, mettendo in molti casi in discussione il difficile, precario equilibrio dei rapporti Stato-Chiesa e soprattutto pregiudicando sovranità e prerogative regie.

Una capillare e sistematica attività di controllo sui libri fu subito auspicata all’indomani del Concilio di Trento dai sinodi diocesani non solo della capitale, ma anche di città periferiche come Giovinazzo dove nel 1566-67 il vescovo, a proposito della formazione del clero, dispose che «l’insegnante di grammatica svolgesse le sue lezioni astenendosi, come stabilito dal Tridentino, dall’uso di libri proibiti o sospesi o da altri libri lascivi che potessero corrompere la morale dei giovani». Con molta cautela si doveva inoltre procedere alla lettura di Virgilio e Orazio, mentre erano del tutto bandite le opere di Marziale e Catullo.

I vescovi di Nardò, per la presenza a Copertino della prima tipografia stabile della Puglia, quella di Bernardino Desa, riservarono invece una particolare attenzione alla stampa dei libri in una zona dove era diffusa una «mala razza d’Eretici, che da luoghi circonvicini copertamente seminando il rio veleno delle loro false dottrine contro de’ Sacramenti (…) già infettato aveano qualche parte di quella Diocesi».

Nel 1630 l’arcivescovo di Otranto, preoccupato per l’introduzione di libri proibiti via mare, minacciò di scomunicare giudici, doganieri e guardiani del porto che avessero favorito l’arrivo di testi a stampa e manoscritti «senza espressa licenza e facoltà».

Uno zelo non certo minore dimostrò l’arcivescovo di Lecce Luigi Pappacoda che, per la presenza in loco di una avviata tipografia come quella di Pietro Micheli e di diverse librerie, nel 1660 con un apposito editto dispose la cattura di quanti possedevano e leggevano non solo testi astrologici, zodiacali e alchemico-esoterici ma anche di medicina, agricoltura e arte della navigazione. Qualche anno più tardi lo stesso prelato obbligò i tipografi ad accertarsi che l’opera da stampare avesse ottenuto la relativa autorizzazione dal vescovo o dal vicario generale e, nel caso di autori appartenenti ad ordini religiosi, quella dei loro superiori. Vietò, inoltre, l’inserimento nei libri di «immagini oscene o turpi, sia pure nei capilettera».

E le normative della Chiesa divennero così complesse e farraginose da determinare situazioni imbarazzanti se non addirittura paradossali: da un lato le alte gerarchie ecclesiastiche potevano leggere e possedere i libri proibiti ed espurgabili, dall’altro «il solo possesso di tali scritti veniva considerato peccato mortale da denunziare al Sant’Uffizio». Di qui la decisione di concedere permessi di lettura a quanti ne facevano regolare richiesta: gli ecclesiastici, interessati soprattutto a manuali di diritto, si segnalarono ben presto per il numero consistente di permessi presentati, i nobili si dimostrarono particolarmente interessati ai libri di duello, letteratura e storia, molti avvocati «di buona fama» e «timorati di Dio» chiesero l’autorizzazione a leggere importanti e fondamentali opere di carattere giuridico senza incorrere nella scomunica.

Divieti e permessi, censure preventive e repressive non fecero, infine, che favorire la circolazione manoscritta e clandestina, di nicchia e di macchia, delle opere ritenute più pericolose e compromettenti come la Clavicula Salomonis, il testo di magia più diffuso tra Medioevo e Rinascimento, il cui possesso significò l’accusa di negromanzia per Giovanni Andrea Rosello, studente di medicina di Ruvo domiciliato a Napoli, e anni di carcere per frati e sacerdoti dediti a sortilegi ed esorcismi soprattutto nelle campagne del Regno di Napoli dove, tra superstizioni e pregiudizi di ogni genere, non fu ugualmente facile sottrarsi alle condanne dei tribunali civili e del Sant’Uffizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400