Domenica 24 Marzo 2019 | 06:34

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

 
PotenzaVerso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
BariPer i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 

L’insana sanità è il male più grave del meridione

di Egidio Pani
di Egidio Pani

L’accordo Stato-Regioni sulla sanità chiude l’inverno nei rapporti tra governo centrale e governi regionali. Fossimo meno distratti avremmo più seguito la silenziosa ed attenta guerra di posizione che il ministro Fitto ha condotto per ricondurre alla pace le conflittualità insorte, alimentate dalle strumentali polemiche dei governatori regionali  e dalle rigidità del Tesoro. Tremonti… trema ogni volta che guarda i bilanci delle Regioni del Sud, che assorbono per la sanità gran parte della spesa ordinaria. Ed ancora di più a vedere come finiscono i miliardi dei fondi europei! La insana sanità è il problema centrale del Mezzogiorno.
So bene che è più facile cadere – ed io pure ci casco -  nel meridionalismo  del chiedere: esenzioni fiscali, infrastrutture, fondi Fas, eccetera. Cambiamo registro: scegliamo il settore sanità e puntiamo su  questo per cambiare perché è il settore che, quotidianamente entra ferocemente nel vivo della vita concreta di tutti,  per rapporti dell’amministrazione con i cittadini, appalti, assunzioni, formazione. Sì anche la formazione  perché vi è chiaro il grande slam delle università,  seppure quanto mai inaffidabili, come dimostrano le varie inchieste in corso! E si arriva fino alle politiche urbanistiche, perché dove collocare  un nuovo ospedale significa rispondere ad interessi dei proprietari dei suoli.La sanità condiziona, quindi, la vita politica, economica, sociale delle Regioni che ne hanno il dominio per competenza istituzionale.
L’accordo prevede  finanziamenti alle Regioni per 106 miliardi 214 milioni con un incremento di 2 miliardi e 866 milioni; per il 2011 l'incremento e' di 2 miliardi e 439 milioni, per il 2012 di 3 miliardi e 42 milioni. Una massa di danaro enorme da muovere sul territorio. E  la certezza delle cifre può consentire di impostare, con trasparenza, programmi di medio periodo.
La Puglia non è stata commissariata come Campania, Molise  e come lo saranno Calabria e Sicilia. Ha resistito per una lavoro lungo di stabilizzazione del bilanci o regionale cominciato oltre dieci anni fa e di cui si vedono oggi i frutti. Ma se i bilanci reggono malgrado gli ultimi attacchi è il bilancio morale ad essere devastante.  Anche per le invenzioni operate - e così ben descritte dalla inchieste della Gazzetta  - per aggirare il concorso pubblico nelle assunzioni.
Qui la fantasia si è mossa con una abilità pericolosissima per la moralità pubblica, oltre che per l’efficienza dei servizi. Purtroppo le norme create per agevolare categorie effettivamente disagiate, per facilitare professionalità speciali, etc vengono aggirate senza scrupoli così che assistiamo  (e non soltanto nelle Asl, ma nella stesse Regioni e nei Comuni)  a procedure di assunzioni per chiamata, per consulenze, per corsi formativi  che dribblano l’art. 97 della Costituzione dell’obbligo del pubblico concorso. L’articolo mille volte violato  da decenni e su cui la Consulta non è apparsa spesso attenta e nessuna  battaglia (tra le tante opportunisticamente sollevate!) è stata mai fatta per il rispetto della Grande Carta.Eppure è dalla differenza che nasce il malessere, l’odio sociale, il disfattismo verso le istituzioni. La differenza tra giovani uguali in attesa di lavoro che si vedono superati da chi abilmente riesce farsi il posto sotto casa!Il Mezzogiorno,  poi, che vede emigrare non soltanto i medici ma anche gli ammalati, ne paga un prezzo altissimo. E  il governo di ieri e di oggi, il Risorgimento, l’Unità e compagnia cantando non c’entrano niente! C’entra la insana sanità!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400