Sabato 31 Luglio 2021 | 04:20

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 
l'approfondimento
Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'episodio
Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

 
Barisangue sulle strade
Incidente mortale sulla statale 96

Incidente mortale sulla statale 96

 
Foggiale indagini
Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

 
Potenzamobilità
Fal, chiusa dal 2 agosto la linea Potenza Inferiore - Santa Maria

Fal, chiusa dal 2 agosto la linea Potenza Inferiore - Santa Maria

 
PotenzaDati aggiornati
Basilicata, Covid: 37 positivi su 892 tamponi esaminati

Basilicata, Covid: 37 positivi su 892 tamponi esaminati

 
BrindisiVertice in Prefettura
Brindisi, vigneti danneggiati a Cellino San Marco: controlli da intensificare

Brindisi, vigneti danneggiati a Cellino San Marco: controlli da intensificare

 
TarantoAllarme
Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare

Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare - RITROVATO

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

L'analisi

Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

I guardiani del controllo hanno già issato la bandiera bianca. Ben al di là dell'abolizione del coprifuoco.

Bari, stretta sugli orari della movida, si chiude entro le 2.30

foto Luca Turi

I guardiani del controllo hanno già issato la bandiera bianca. Ben al di là dell'abolizione del coprifuoco. Perché se lo scenario che ci attende da oggi in poi è quello visto nell'ultimo week end, il primo con il caldo africano che ha incoraggiato le giornate al mare, c'è poco da discutere su restrizioni, mascherine sì o no, distanziamento in spiaggia, movida notturna (e aurorale) e quant'altro contenuto nell'alfabeto della "zona bianca". Signori, ognuno fa quel vuole.

E non è neanche una questione di latitudine oppure di gerarchie del "bon ton". C'è la sensazione di un liberi tutti che ribalta l'idea di un Paese attento e alleato, come avvenuto in questi mesi. Ecco perché il teatrino della politica messo in scena anche in questi ultimi giorni, a proposito della gestione estiva della pandemia (che non è finita, sta solo cambiando), può essere utile ai protagonisti tutto l'anno del gossip e dei social, ma non di certo ai cittadini che hanno smarrito alcuni riferimenti, complice pure quel balbettio, a livello centrale e periferico, incapace di fare sintesi e chiarezza. E al riguardo è sufficiente fare riferimento alla gestione della vicenda mix vaccini under 60.

Certo, va aggiunto che gli italiani - come appunto dimostrato da quanto visto ieri lungo le spiagge del bel Paese - hanno a loro volta perduto una delle qualità che avevano contrassegnato il momento più duro dell'epidemia, ovvero il senso di consapevolezza del rischio e della responsabilità sociale nei confronti degli altri.

È bastato lo "sprint" delle vaccinazioni - attenzione però perché all'appello mancano oltre tre milioni di anziani, ovvero i soggetti più vulnerabili - per collocare nello scatolone dei ricordi questi attributi che - sommati - fanno una comunità ed un Paese (serio).

Sia chiaro, la pandemia non deve essere una "camicia di forza", e su quest'aspetto ci mancherebbe pure l'esasperazione da parte delle autorità competenti, ma proprio perché non lo è, bisogna potenziare i dispositivi di autosorveglianza. Insomma, tocca a noi e se ciascuno di noi fa la sua parte, oltre la fase delle vaccinazioni, la stagione che verrà non sarà all'insegna del pericolo calcolato o peggio tralasciato. Anche perché la vaccinazione è una possibilità per stare meglio psicologicamente, far crescere la capacità immunitaria dell'organismo, nuotare nelle belle acque dell'arcipelago delle relazioni sociali, ma comunque non mette del tutto al riparo fino a quando non ci sarà il definitivo "liberi tutti" da parte degli organismi sanitari nazionali ed internazionale.

E visto che la pandemia persiste, con le sue varianti ed i suoi numeri da capogiro in Paesi enormi come India e Brasile ma che con la globalizzazione sono dietro l'angolo di casa, è utile per tutti non andare contromano solo per sperimentare i brividi di una eccitazione da post virus capace tuttavia di trasformare il fremito in tremito.

Per adulti (che dovrebbero tuttavia fornire esempi più pragmatici e costruttivi) e giovani, non manca dunque la materia prima su cui riflettere dopo questa prima domenica da "solleone". E capire in particolare che, dopo una lunga stagione di sacrifici e rinunce, modificare all'improvviso il proprio stare al mondo non è intelligente, almeno fino a quando non ci saranno i titoli di coda a questa difficile e in alcuni casi drammatica esperienza collettiva.

Perché l'altra faccia della medaglia, alla fine di quest'estate che va vissuta con coscienza e solidarietà, potrebbe essere quella di avere in regalo un biglietto per un bel viaggio con destinazione ieri. Bisogna dunque capire che tutto quello che abbiamo oggi, grazie anche alla ricerca scientifica e alla collaborazione dei cittadini, è un dono prezioso ed un enorme privilegio. Proprio in Italia, che ha pagato un prezzo enorme in termini di vite umane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie