Lunedì 08 Marzo 2021 | 11:29

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
A Berlino ci sarà pure un giudice per i vaccini

A Berlino ci sarà pure un giudice per i vaccini

 
Il commento
Il Sanremo in epoca covid è tutta una questione di stile

Il Sanremo in epoca covid è tutta una questione di stile

 
L'analisi
La lotta alla povertà (è) la lotta alle disparità

La lotta alla povertà (è) la lotta alle disparità

 
Il commento
Non basta più cambiare colori, ora serve cambiare vita

Non basta più cambiare colori, ora serve cambiare vita

 
Editoriale
Il taglio dei parlamentari all’origine delle liti interne

Il taglio dei parlamentari all’origine delle liti interne

 
Il commento
Inaccettabile l’esclusione del Sud dal clou del Recovery

Inaccettabile l’esclusione del Sud dal clou del Recovery

 
Il commento
«Lamerica» 30 anni fa, eppure oggi non sarebbe meglio

«Lamerica» 30 anni fa, eppure oggi non sarebbe meglio

 
30 anni fa
Puglia, Italia: che bella storia le porte aperte agli albanesi

Puglia, Italia: che bella storia le porte aperte agli albanesi

 
Il commento
Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

 
L'analisi
La voglia matta di incasellare il premier

La voglia matta di incasellare il premier

 
L'editoriale
Draghi-style per azzannare il virus della crisi

Draghi-style per azzannare il virus della crisi

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Profanate le tombe di Ciccio e Tore, i fratellini di Gravina: la denuncia del papà e del sindaco

Profanate le tombe di Ciccio e Tore, i fratellini di Gravina: la denuncia del papà e del sindaco

 
MateraIl ritrovamento
Un'antica cisterna recuperata nel Parco della Murgia materana

Un'antica cisterna recuperata nel Parco della Murgia materana

 
Potenza'artefici del nostro destino'
8 marzo a Potenza, un mega manifesto all'ingresso della città con 24 volti di donne

8 marzo a Potenza, un mega manifesto all'ingresso della città con 24 volti di donne

 
FoggiaIl caso
Notte di fuoco nel Foggiano, in fiamme 2 baracche nel ghetto: incendiati tir e auto

Notte di fuoco nel Foggiano, in fiamme 2 baracche nel ghetto: incendiati tir e auto

 
Lecce8 marzo
«Sul podio c'è spazio per due», gli studenti leccesi celebrano la donna

«Sul podio c'è spazio per due», gli studenti leccesi celebrano la donna

 
Tarantoil siderurgico
Mittal, la Regione si costituisce al Consiglio di Stato

Mittal, la Regione si costituisce al Consiglio di Stato

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

il punto

La forza di resistere un anno dopo la pandemia

Per vincere e per sopportare ancora le privazioni occorre trovare una nuova forza dentro, oppure fra un anno staremo ancora a discutere di zone rosse e gialle e di assembramenti

La forza di resistere un anno dopo la pandemia

foto Ansa

Un anno fa l’Italia entrava ufficialmente in era Covid. Ieri ci sono state molte celebrazioni per ricordare le vittime e dire grazie ai tanti che si sono prodigati per arginare la pandemia. Sono stati piantati alberi e scoperte targhe ed è giusto che sia così, fa parte di quegli arcaici rituali elaborati dall’uomo per superare le tragedie e trovare la forza di andare avanti.

In questi lunghi mesi ci è stato spesso ricordato che le nostre esistenze non sarebbero state più le stesse e che avremmo dovuto imparare a convivere col virus maledetto. È quello che bene o male sta accadendo. Il primo frammento del muro che un anno fa ci separò dalla vita normale sta cadendo. È rappresentato dalla paura. Era la paura di un nemico ignoto, la paura di andarsene soli, la paura di restare soli, la paura di non farcela. La combattemmo cantando insieme dai balconi nelle serate con le strade deserte e le vetrine spente. Ora abbiamo smesso di cantare e di suonare dai terrazzi perché non abbiamo più paura. Il virus c’è ancora e i morti pure, tanti. Ci siamo organizzati per non portarli via all’alba sui camion militari, come se fossero delinquenti o miscredenti. Ma non ci fanno più paura, se non quando ti toccano nella carne e se ne va una persona cara, una madre, un figlio, un nonno. Continuano ad andarsene soli, senza un addio né un sorriso, ma ormai è così.

Siamo cambiati, chissà se nel senso che tanti si auguravano, ma siamo cambiati e non abbiamo più paura. Siamo pronti a convivere con il virus.

Ed è per questo che non ascoltiamo più i consigli degli esperti. Un anno fa li rispettavamo come nelle primitive tribù si obbediva agli sciamani. Senza chiedere né contraddire, anche quando in tv si accapigliavano come galli in un pollaio. Ma allora avevamo paura. Oggi sappiamo che ci chiedono sempre la stessa cosa: stare in casa, non incontrarsi, non abbracciarsi, non andare al bar o in pizzeria o al cinema. Tutti chiusi e reclusi, con le città trasformate in conventi di clausura e le piazze diventate chiostri dei monasteri dell’isolamento. Ma questo non è vivere – pensiamo – questo è sottomettersi alla dittatura del virus. E le dittature, si sa, a un certo punto non vanno più assecondate e bisogna ribellarsi, bisogna cercare di rovesciarle, anche a costo della vita. C’è un «eroismo» dilagante che colora ormai i nostri giorni, in cui neppure le forze di polizia riescono a contenere gli assembramenti, a fermare l’esercito di giovani che ai primi raggi del sole di fine inverno vogliono godersi la loro età, l’amicizia, il bacio di una ragazza.

Abbiamo sofferto e avuto paura per un anno, adesso siamo stanchi ed esausti. C’è una voglia di tornare alla vita di sempre che prende il sopravvento. Riapriamo i bar, i ristoranti, i teatri, facciamo sposare le coppie che hanno rinviato matrimoni, feste e progetti. Riprendiamoci la vita. Eppoi, non ci sono ormai i vaccini? Certo, ci vorrà un po’ di tempo per la punturina a tutti, ma non si può aspettare ancora a lungo. Tanto, il virus non ci fa più paura, non ci angoscia più le notti con quel silenzio che copre i luoghi dove un tempo c’era la movida chiassosa e rutilante di voci.

È la strada giusta quella della trasgressione e della rivolta? Quella degli assembramenti per uno spritz e delle feste clandestine per un compleanno? Gli scienziati, di cui abbiamo all’improvviso scoperto il ruolo e il potere, dicono di no. Ma che ne sanno loro della voglia di vivere? Che ne sanno dell’ebbrezza della sfida a un nemico invisibile e perfido? Loro ragionano con algoritmi epidemiologici e varianti genomiche, mica con l’energia del testosterone. E allora forza, tutti insieme nelle strade, tutti insieme al bar e basta con sto’ coprifuoco alle 22, che pure nelle favole di cent’anni fa scattava a mezzanotte.

In fondo l’avevano detto loro, proprio loro gli scienziati, che dovevamo imparare a convivere con il virus. Ed eccoci, pronti a tenercelo in casa, pronti a farci a portare via all’improvviso, pronti a farci rubare gli affetti più profondi. È come in una guerra, non stiamo più nelle trincee, ma andiamo all’assalto baionette in canna, ebbri dell’illusione di prenderci il nostro tempo.

È giusto comportarci così? L’istinto e la naturale propensione alla libertà dicono di sì. Nell’uomo la saggezza e le virtù sono frutto di maturità e consapevolezza. È allora necessario cercare di dare un senso a tutto quello che ci sta accadendo, alle nostre vite interrotte, se vogliamo continuare a combattere il virus. I posti di lavoro persi, le aziende fallite, i sacrifici di una vita andati in fumo sono ormai così pesanti che sovrastano ogni razionalità. La ribellione silenziosa che inizia a serpeggiare si può dominare solo se riusciamo a dare un senso all’immane tragedia provocata da un microscopico virus che però è devastante quanto e più di un asteroide. Siamo uomini e donne fragili che sfuggiamo all’insecuritas della vita rifugiandoci nel carpe diem. Oggi più che mai è formula perdente.

Per vincere e per sopportare ancora le privazioni occorre trovare una nuova forza dentro, oppure fra un anno staremo ancora a discutere di zone rosse e gialle e di assembramenti. E anche le targhe e gli alberi piantati per ricordare i morti saranno invereconda routine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie