Martedì 26 Gennaio 2021 | 13:21

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
La difficoltà di fare squadra dopo un anno di governo

La difficoltà di fare squadra dopo un anno di governo

 
La riflessione
Il rinascimento di Bari e la spinta della chiesa

Il rinascimento di Bari e la spinta della chiesa

 
Il commento
Articolo quinto: chi ha i soldi ha vinto

Articolo quinto: chi ha i soldi ha vinto

 
Editoriale
La (sub) cultura dell’affiliazione che impedisce lo sviluppo

La (sub) cultura dell’affiliazione che impedisce lo sviluppo

 
Il punto
Sempre più «social» sempre meno alfabetizzati

Sempre più «social» sempre meno alfabetizzati

 
La riflessione
Nel Paese dei rinvii si salva solo Sanremo

Nel Paese dei rinvii si salva solo Sanremo

 
L'analisi
Da Capitol Hill a Roma la democrazia al crepuscolo

Da Capitol Hill a Roma la democrazia al crepuscolo

 
L'indomabile
Addio a Cecilia Mangini visionaria del Sud con ostinata passione

Addio a Cecilia Mangini visionaria del Sud con ostinata passione

 
La riflessione
L’Europa toglie il Recovery se l’Italia lo dà al Nord

L’Europa toglie il Recovery se l’Italia lo dà al Nord

 
L'analisi
L’insostenibile leggerezza nei confronti dei problemi

L’insostenibile leggerezza nei confronti dei problemi

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariRegione
La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

 
FoggiaIl furto
Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

 
PotenzaIl caso
Petrolio in Basilicata, timori per la fiammata: la seconda in 10 giorni

Petrolio in Basilicata, timori per la fiammata: la seconda in 10 giorni

 
BrindisiAgroalimentare
Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

 
TarantoLa bomba
Esplosione distrugge bar a Taranto, indaga la polizia

Esplosione distrugge bar a Taranto, indaga la polizia

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

L'opinione

Bari, ora spendere meglio per conquistare la B

Non è tempo per tirare fuori alibi. Non qui, non a Bari. Non in una piazza che ha voglia, ma qualcuno parla anche di diritto divino, di tornare a respirare il calcio che conta

Bari, ora spendere meglio per conquistare la B

Pensare che il campionato sia chiuso quando il girone di andata sta per spirare, è un errore. Il calcio insegna, da sempre, quanto sia lunga una partita e, soprattutto quanto sia lungo un campionato. Ci sono partite e campionati che nascono in un modo, si sviluppano in un altro, terminano in un altro ancora. È il bello del calcio, questa distanza dall'essere una scienza esatta. La Ternana scappa, vola, vince ed è meritatamente in testa al girone C con otto punti di vantaggio sul Bari. Punti che in effetti diventano nove considerando lo scontro diretto «stravinto» al San Nicola. Lo svantaggio ci sta tutto.

Perché la classifica non mente mai. Punti persi in qualche occasione, alla fine vengono pareggiati da punti guadagnati in altre circostanze. C’è una partita per chiudere il girone di andata, e un girone intero da giocare. Mai dire mai, insomma.
Pensare che tutto quanto sta accadendo sia solo da addebitare alla sfortuna, che la fortuna sia cieca ma che la «sfiga» ci vede benissimo, è un altro clamoroso errore. Non è tempo per tirare fuori alibi. Non qui, non a Bari. Non in una piazza che ha voglia, ma qualcuno parla anche di diritto divino, di tornare a respirare il calcio che conta, quanto meno quella del «pianeta di mezzo», cioè la Serie B. Aver accumulato otto punti di ritardo dalla capolista non è un segnale di sfortuna. È un segnale inquietante. È un segnale che non tutto è filato liscio, sia in fatto di scelte di mercato «pseudoestivo», sia in fatto di scelte nel corso del campionato e delle stesse partite. Il Bari è praticamente nelle stesse condizioni dell’inverno scorso, quando la Reggina vantava dieci punti di distacco (lo scontro diretto non c’entra, era finita pari al San Nicola) e il turno di riposo non esisteva. Il Bari, purtroppo, si è infilato con le proprie mani, in una situazione che spontaneamente genera l’apprensione del dover vincere sempre per recuperare terreno. E i due rigori falliti da Antenucci, sugli ultimi tre concessi, sembrano sposare la tesi.

Pensare al mercato come possibilità di ribaltare un destino che in questo momento non dipende più soltanto dalle proprie forze, è invece un dovere. Bisogna intervenire massicciamente e con precisione per colmare tutte le lacune strutturali emerse in questi mesi e sottolineate, chiariamolo ancora una volta, da un divario in classifica evidentissimo. Ogni reparto ha bisogno di puntelli di qualità, di gente in grado di fare la differenza, di vincere partite determinanti. Perché se la rincorsa non dovesse culminare con il sorpasso alla Ternana, e quindi con la promozione diretta in B, i playoff questa volta diverrebbero il punto di non ritorno, una lotteria dalla quale la via d’uscita sarebbe solo e soltanto una: il ritorno in B.

(foto Tony Vece)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie