Martedì 15 Ottobre 2019 | 18:30

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
La minaccia mafiosa sconsiglia benefici di pena

La minaccia mafiosa sconsiglia benefici di pena

 
L'opinione
Politica ed economia riscoprano la sociologia

Politica ed economia riscoprano la sociologia

 
Il punto
La nevrosi continua per la Grande Riforma

La nevrosi continua per la Grande Riforma

 
Il caso
Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

 
L'analisi
Non assegnare il Nobel a Greta: un aiuto all’ambiente

Non assegnare il Nobel a Greta: un aiuto all’ambiente

 
Il punto
L'Europa all’Italia «Non trattate così il Sud»

L'Europa all’Italia «Non trattate così il Sud»

 
L'analisi
I nominati per elezione e i nominati per sovvenzione

I nominati per elezione e i nominati per sovvenzione

 
Il commento
Dal Gargano a Matera in bici il futuro sulle «strade bianche»

Dal Gargano a Matera in bici: il futuro sulle «strade bianche»

 
L'analisi
Risparmio di quattrini o risparmio di democrazia?

Risparmio di quattrini o risparmio di democrazia?

 
Il punto
Ma la cultura fa crescere il Pil

Ma la cultura fa crescere il Pil

 
L'analisi
Contro i dazi la storia siamo noi (meridionali)

Contro i dazi la storia siamo noi (meridionali)

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Tarantola decisione
Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

«Nord e Sud, assurdo fratricidio»

di Tommaso Francavilla
di Tommaso Francavilla

Onestà intellettuale vorrebbe che, in questo conflitto estivo tra Nord e Sud, valga la regola per la quale chi reclama da una parte la valorizzazione delle tradizioni locali (p.es. i dialetti) non si adonti poi se lo stesso si faccia dall’altra, o che chi coltiva una irrefrenabile nostalgia per il Regno delle due Sicilie, magari sulla base di una fragorosa mistificazione della storia che ce lo propone come uno straordinario esempio di buongoverno, non demonizzi poi chi dall’altra parte ne coltiva una analoga per la Repubblica di Venezia, il Granducato di Toscana o per l’Impero asburgico (ahimè, con qualche ragione in più). Onestà intellettuale vorrebbe perfino che si riconosca che “equiparare i salari al costo della vita” altro non è che la risposta più conseguente alla protesta di chi “non arriva a fine mese” e che il “Va Pensiero” di Verdi è un gloriosissimo inno al patriottismo italiano, quanto quello di Mameli. . Quel che, da parte di chiunque, è sbagliato in radice, e costringe all’incoerenza, è questo voler a tutti i costi contrapporre il Sud al Nord e viceversa, quando la cura sia della questione meridionale che di quella settentrionale è identica, essendo in entrambi i casi una politica dello sviluppo fondato sulla liberazione e sulla promozione dell’intraprendenza e della laboriosità umana. Sicurezza, infrastrutture, sburocratizzazioni, alleggerimento e semplificazione dell’imposizione fiscale, flessibilità dei fattori produttivi, rapidità ed ottimizzazione dell’utilizzo delle pubbliche risorse, maggiore competitività, sono ovunque tanto più necessari in questa fase di crisi generale dell’economia, in cui occorre soprattutto indurre “il cavallo a tornare a bere”, e se le distanze tra Nord e Sud continuano a crescere è soltanto perché le nostre classi dirigenti questa cultura dello sviluppo, sostanziata di libertà, proprio non riescono ad assorbirla, in una incoercibile spinta alla soffocante estensione di un controllo di tipo feudale sulla società e sull’economia, di cui l’ideologia di sinistra delle nostre Amministrazioni regionali si è rivelata una nuova, debordante arma, anche nascondendosi dietro i rigurgiti reazionari del più falso degli ambientalismi. Ed invece quant’è attuale il programma che sul letto della sua troppo prematura morte enunciò Cavour per il Sud (“governerò con la libertà”)!
La verità è che, per evitare questa guerriglia fratricida che ci sta preparando spensieratamente un destino di tipo ceco-slovacco che non potrebbe non danneggiare soprattutto un Sud più arretrato ed emarginato, è necessaria una riscossa dello spirito unitario della Nazione italiana, cominciando proprio da quel versante storiografico e culturale da cui è partita l’offensiva centrifuga e reazionaria contro l’unità d’Italia.
Certo è che le distanze tra Nord e Sud si stavano lentamente ma costantemente riducendo, nella crescita generale del Paese, finchè lo spirito anti-risorgimentale che accomuna la tradizione cattolica a quella comunista non ci regalò l’istituzione delle Regioni, mettendo in moto- più o meno consapevolmente- una secessione di fatto che rischia adesso di arrivare alle sue estreme conseguenze, ivi compresa la riscoperta di “Re Bomba” o di Cecco Beppe e perfino del Brigante Crocco, con i suoi 72 omicidi accertati. Certo è che ancora trent’anni fa passare da Milano a Napoli non significava emigrare verso un altro Secolo ed un altro Continente, ma attraversare una sola, grande Patria, sia pur con le inevitabili, e talora anche feconde, diversità. E se la smettessimo, dunque, di “parlar male di Garibaldi”?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie