Venerdì 05 Giugno 2020 | 08:25

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Come prima, più di prima l’italia (non) si amerà

Come prima, più di prima l’Italia (non) si amerà

 
L'Editoriale
Il giornalismo fa la storia e la lingua del belpaese

Il giornalismo fa la storia e la lingua del Belpaese

 
il caso
Gazzetta, la ri-fondazione come bene storico-culturale

Gazzetta, la ri-fondazione come bene storico-culturale

 
Il commento
In tre anni possiamo fare un salto nel futuri

In tre anni possiamo fare un salto nel futuro

 
L'ANALISI
Scuola, chi ascolterà il Visco per l’estate?

Scuola, chi ascolterà il Visco per l’estate?

 
Il commento
Quando il mare era davvero una tavola blu…

Quando il mare era davvero una tavola blu…

 
L'Editoriale
Il mezzogiorno e la borghesia industriale da rifondare

Il Mezzogiorno e la borghesia industriale da rifondare

 
L'analisi
La politica presente e la crisi di futuro

La politica presente e la crisi di futuro

 
IL PUNTO DI VISTA
La cura cinese per medici anche ai manager asl

La cura cinese per medici anche ai manager asl

 
L'ANALISI
Evviva la libertà senza dimenticare il posto più sicuro (casa propria)

Evviva la libertà senza dimenticare il posto più sicuro (casa propria)

 
L'EDITORIALE
Rendere utili al Sud e al paese le riforme chieste dall’Europa

Rendere utili al Sud e al paese le riforme chieste dall’Europa

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaViale Candelaro
Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

 
BariMaltempo
Bari, in arrivo pioggia e vento di burrasca: scatta l'allerta gialla

Bari, in arrivo pioggia e vento di burrasca: scatta l'allerta gialla

 
TarantoLa trovata
Ginosa, l'idea di un lido per il distanziamento: «Qui come su un'isola deserta»

Ginosa, l'idea di un lido per il distanziamento: «Qui come su un'isola deserta»

 
PotenzaAgricoltura
Basilicata, dalla Regione arrivano le norme per la gestione della brucellosi bovina

Basilicata, dalla Regione arrivano le norme per la gestione della brucellosi bovina

 
Materaripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
Leccenel salento
Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

L'analisi

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Grande è la confusione sotto il cielo della Puglia verso le Regionali

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

«Grande è la confusione sotto il cielo», sotto il cielo della Puglia verso le Regionali. «E quindi la situazione è eccellente», avrebbe chiosato il vecchio Mao. Il coronavirus ha alternato la normale dialettica che doveva portare in primavera al rinnovo dell’amministrazione regionale e - al momento - non c’è nemmeno una certezza sulla data del voto.

Il governatore Michele Emiliano preme per le urne a luglio e invoca un intervento del Colle, sostanziando la sua richiesta con ragioni di carattere costituzionale («non si possono rinviare le elezioni») e sanitario («in autunno ci potrebbe essere un nuovo picco di contagi»). Su questa linea si ritrova al fianco il governatore leghista del Veneto Luca Zaia, che parla di «sospensione della democrazia» e di assurda campagna elettorale agostana: con il voto a metà settembre (ipotesi cara al M5S) si profilerebbe una insolita campagna elettorale con i candidati a raccogliere firme per le liste e a distribuire santini addirittura in spiaggia… Martedì ci sarà una nuova riunione della Commissione affari istituzionale della Camera e in quella sede potrebbero essere più chiari gli orientamenti dei vari partiti e le possibili alleanze per anticipare il voto (previsto in autunno per decreto da convertire in legge).

Ai nastri di partenza, al momento, come candidati-governatori della Puglia ci sono il presidente Michele Emiliano per il centrosinistra versione «alleanza dei pugliesi» e Antonella Laricchia del M5S. Il novero degli aspiranti è però destinato ad aumentare. Nel centrodestra Fratelli d’Italia e Lega si contendono l’indicazione dello sfidante di Emiliano: il partito della Meloni schiera Raffaele Fitto, co-presidente del gruppo dei Conservatori a Bruxelles e punta i piedi in nome di un accordo nazionale scaturito dall’intesa che ha portato il senatore Raffaele Volpi al Copasir. Il Carroccio non ci sta e rilancia con la nomination di Nuccio Altieri, presidente dell’Invimit ed ex deputato. Il braccio di ferro va avanti da tempo e si potrà risolvere solo con una ufficializzazione firmata da Berlusconi, Salvini e Meloni.

Nel centrosinistra correrà solo Emiliano? Al momento nessuno può escludere una candidatura di Italia Viva, in accordo con +Europa e Azione di Carlo Calenda, forze riformiste da sempre lontane dai toni «nazionalpopolari» del governatore uscente. I renziani pugliesi hanno duramente contestato la gestione sanitaria dell’emergenza Covid di Emiliano, sono in fibrillazione per avviare un percorso alternativo e aspettano da Teresa Bellanova - ministro iper-attivo il cui peso nel governo è emerso dalla battaglia vinta sulle regolarizzazioni degli stranieri - le indicazioni per stilare il proprio cronoprogramma. Anche i grillini hanno qualche spina: il consigliere regionale, ex pentastellato, Mario Conca punta a candidarsi con le parole d’ordine del civismo dei 5S delle origini.

Le elezioni regionali dopo la pandemia non saranno però una contesa giocata sui soliti temi della politica: destra e sinistra o pro-immigrati e pro-identità sono tutte dicotomie archiviate dalla crisi sanitaria. La priorità nelle agende dei vari candidati sarà determinata dalla crisi economica e sociale: i cittadini si attendono poche promesse e tante soluzioni su come semplificare il rapporto con l’ente regionale e su come avviare una potente ripresa che abbia come cardine industria (a partire dalla soluzione della vertenza Ilva), agricoltura (Xylella e fondi Ue), innovazione e turismo. Ci sarà poco spazio per la retorica e tanta attenzione per il confronto sui temi concreti dello sviluppo: la Puglia incarnerà di fatto uno dei test per la nuova politica, quella post-Covid, fondata sulla concretezza, ben distante dalle formule demagogiche e urlate che hanno caratterizzato gli ultimi due lustri di politica nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie