Venerdì 21 Febbraio 2020 | 11:03

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Niente poveri e non istruiti siamo inglesi post Brexit

Niente poveri e non istruiti siamo inglesi post Brexit

 
L'editoriale
La via cristiana che l’Europa avrebbe dovuto percorrere

La via cristiana che l’Europa avrebbe dovuto percorrere

 
il punto
Se l'esecutivo continua a navigare sottocosta

Se l'esecutivo continua a navigare sottocosta

 
L'analisi
Una partita a poker tra rilanci e mosse bluff

Una partita a poker tra rilanci e mosse bluff

 
L'analisi
Rappresentanza e governabilità l’equilibrio necessario

Rappresentanza e governabilità l’equilibrio necessario

 
l'editoriale
Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

 
Il commento
Saper spendere rimane la questione principale

Saper spendere rimane la questione principale

 
il punto
Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

 
Il commento
Quote rose ed esterni la strada da seguire

Quote rose ed esterni: la strada da seguire

 
L'analisi
L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

 
Il commento
Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, Simeri: «Con la Cavese ci giochiamo tanto»

Bari, Simeri: «Con la Cavese ci giochiamo tanto»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiail caso
Utilizza soldi pubblici per pagare un'ammenda: indagato dirigente provincia Foggia

Utilizzò soldi pubblici per pagare un'ammenda: indagato dirigente provincia Foggia

 
Bariverso l'arrivo del papa
Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

 
TarantoNel Tarantino
Grottaglie, spacciano ai giardinetti, accanto ai bimbi che giocano: polizia intercetta 3 responsabili

Grottaglie, spacciano ai giardinetti, accanto a bimbi che giocano: 3 in cella

 
Materail 23 febbario
Le maschere antiche della Basilicata sfileranno al Carnevae di Fiume

Le maschere antiche della Basilicata sfileranno al Carnevae di Fiume

 
Potenzanel Potentino
«Paga 300 euro o diffondo notizie sulla tua vita privata»: un arresto ad Atella

«Paga 300 euro o diffondo notizie sulla tua vita privata»: un arresto ad Atella

 
LeccePresi dai Cc
Carmiano, rapinatori portano via carte Bancomat e si fanno fotografare allo sportello: arrestati

Carmiano, rapinatori portano via carte Bancomat e si fanno fotografare allo sportello: arrestati

 
Bariil bilancio
Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

 
BatLa curiosità
Canosa, santini e fiori: il cruscotto dell'auto diventa un «altarino»

Canosa, santini e fiori: il cruscotto dell'auto diventa un «altarino»

 

i più letti

L'analisi

Ma è l’ora di fermare tutti i giri di valzer

La piattaforma di discussione tra le parti e il Governo, rivelata ieri dalla Gazzetta e dal Sole 24 Ore, dimostra in maniera eloquente che le parti sono pronte a tutto, anche a dirsi addio, con tanto di timing

Conte: «Mittal chiede 5000 esuberi, inaccettabile». Governo disponibile a discutere immunità

Il terzo e ultimo rinvio concesso dal giudice Claudio Marangoni nel procedimento cautelare avviato dai commissari dell'Ilva nei confronti di ArcelorMittal ha modalità piuttosto singolari, giacché concesso sulla base di semplici dichiarazioni verbali e non sulla scorta di una pre-intesa scritta come avvenne il 20 dicembre scorso, ma d'altronde ci sta se chi si rivolge alla magistratura, pigia a giorni alterni il pedale dell'acceleratore e quello del freno a seconda degli input provenienti dalla politica piuttosto che dalle norme di legge. Praticamente un atto di fede quello andato in scena ieri al tribunale di Milano pur se proprio le dichiarazioni dell'amministratore delegato di Ami Lucia Morselli - <garantisco sino al 6 marzo, data della prossima udienza, la regolarità produttiva> - dimostrano che la partita è ancora in corso e che di impegni duraturi non c'è alcuna traccia. Ma il tempo degli ondeggiamenti si sta per esaurire e malgrado l'azione dei pompieri entrati in azione ieri mattina, la piattaforma di discussione tra le parti e il Governo, rivelata ieri dalla Gazzetta e dal Sole 24 Ore, dimostra in maniera eloquente che le parti sono pronte a tutto, anche a dirsi addio, con tanto di timing (novembre 2020) e relativo riscatto stimato (500 milioni di euro) per l'eventuale divorzio.

Il futuro dell'ex Ilva di Taranto, d'altronde, non merita ulteriori perdite (o prese) di tempo ma soluzioni stabili e anche forti ove necessario. La più grande acciaieria d'Europa potrà continuare ad avere un senso industriale se i conti saranno messi in ordine, se i prodotti troveranno tutti gli acquirenti necessari in un mercato connotato dalla sovracapacità, se si abbandonerà gradualmente e inesorabilmente il carbone, se chi vi lavora e chi ci abita attorno sarà munito delle necessarie garanzie in ordine alla tollerabilità dell'impatto sanitario e ambientale. Una serie di condizioni che vanno rispettate, pena non solo il mancato rispetto di uno dei fattori che vanno inevitabilmente messi tutti a sistema per dare sostanza alla nuova Ilva ma anche la spendibilità in tutte le sedi del progetto.

Inutile proseguire coi giri di valzer: il dilungarsi della trattativa sui destini del siderurgico sta portando il Governo Conte a rinviare il varo del Cantiere Taranto, delle misure pensate per offrire ai tarantini altre opportunità di sviluppo economico e occupazionale e nuove possibilità formative per i giovani. Il timore del premier è che quelle misure, elaborate dal sottosegretario tarantino Mario Turco con il concorso degli enti locali e dei vari ministeri, pur pensate per essere aggiuntive rispetto ai posti di lavoro garantiti dall'acciaieria (8200 occupati diretti solo in riva allo Jonio) possano invece tornare utili per fronteggiare eventuali esuberi. Ma forse è arrivato il momento di tirare una linea e provare ad emancipare Taranto da una vertenza che, proprio come la fabbrica, non solo è più grande di lei, coinvolgendo perfino le borse di mezzo mondo, ma che rischia di soffocarla proprio quando si apprestava ad andare oltre, a girare pagina. Anzi, libro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie