Lunedì 14 Ottobre 2019 | 03:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
La nevrosi continua per la Grande Riforma

La nevrosi continua per la Grande Riforma

 
Il caso
Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

 
L'analisi
Non assegnare il Nobel a Greta: un aiuto all’ambiente

Non assegnare il Nobel a Greta: un aiuto all’ambiente

 
Il punto
L'Europa all’Italia «Non trattate così il Sud»

L'Europa all’Italia «Non trattate così il Sud»

 
L'analisi
I nominati per elezione e i nominati per sovvenzione

I nominati per elezione e i nominati per sovvenzione

 
Il commento
Dal Gargano a Matera in bici il futuro sulle «strade bianche»

Dal Gargano a Matera in bici: il futuro sulle «strade bianche»

 
L'analisi
Risparmio di quattrini o risparmio di democrazia?

Risparmio di quattrini o risparmio di democrazia?

 
Il punto
Ma la cultura fa crescere il Pil

Ma la cultura fa crescere il Pil

 
L'analisi
Contro i dazi la storia siamo noi (meridionali)

Contro i dazi la storia siamo noi (meridionali)

 
Il punto
Il «Movimento» in movimento: dieci anni dopo è post-populista

Il «Movimento» in movimento: dieci anni dopo è post-populista

 
L'opinione
Se Matteo si paragona alla Rabbit: «Non sono cattivo, mi disegnano così»

Se Matteo Renzi si paragona alla Rabbit: «Non sono cattivo, mi disegnano così»

 

Il Biancorosso

Bari Ternana 2-0
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili  Foto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batnel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
Foggiababy gang
Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

 
Potenzanel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
Lecceil caso
Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

 
Tarantole polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

L'analisi

L'assedio dei clan alle curve

L'assedio dei clan alle curve

No. Il calcio non è più un gioco. Ormai da un bel pezzo. Non lo è sul campo, con tutti gli interessi che gli girano attorno. E non lo è nemmeno fuori. Violenza, razzismo, anche le infiltrazioni mafiose nelle curve. Un anno di indagini per scoprire che sul ponte di comando di uno storico gruppo di tifosi juventini c’erano personaggi poco raccomandalili, per usare un eufemismo. Un gruppo in grado di gestire centinaia di biglietti a ogni partita, di ricattare, minacciare e malmenare tifosi, steward e chiunque provasse a fermarli in tutt’Italia, finanche all’estero. Dodici misure cautelari, venticinque denunce tra esponenti di spicco della «sud» bianconera.

Una storia triste che comincia quando la Juventus, stanca di essere costantemente sotto ricatto, decide di azzerare alcuni privilegi concessi ai gruppi organizzati. E, soprattutto, quando la stessa Juventus decide di rivolgersi all’autorità giudiziaria raccontando ogni minimo dettaglio di quella che era diventata una vera e propria deriva. Con tanto di nomi e cognomi. Un club sotto ricatto, insomma. Un club che decide di recidere il cordone ombelicale con certi ambienti. Forse tardi, vero. Ma un primo, fondamentale passo è stato fatto.

Servono nuove coscienze. La voglia di costruire un nuovo futuro. La capacità di cercare e trovare gli strumenti giusti per tenere le giuste distanze dal fango. Sperando di ritrovarsi al fianco un alleato davero operativo, e cioè lo Stato. Perché, sarà bene dirselo una volta per tutte, quello che di sporco accaede nelle curve italiane è il vero segreto di pulcinella. Ed è troppo comodo sperare, e credere, che i club possano farsi giustizia da soli. I presidenti vanno aiutati, accompagnati, resi più forti. Mai abbandonati e prigionieri del malaffare.

Il rischio, in questi casi, è che il mondo del calcio scelga ancora una volta di mettere la testa sotto la sabbia. E cioè di lasciar credere che questo sia un problema tutto juventino. No, nulla di più falso. Criticità diffusa, questione di cultura e di metodo. Le curve, troppo spesso, non rappresentano solo un bellissimo fenomeno di colore, tifo, calore. In curva c’è di tutto. In curva è facile nascondersi dietro l’etichetta di tifoso.

No, signori. Questi signori tutto sono tranne che tifosi. E nemmeno ultrà. Piuttosto, delinquenti comuni che, attraverso il calcio, pensano di poter continuare a sporcarsi le mani. Questi sono i momenti in cui bisognerebbe ricordarsi che l’unione fa la forza. E allora che vengano fuori tutti gli altri equivoci. Che i presidenti raccontino finalmente tutto. E di tutto. Dei loro imbarazzi e di certe vicinanze insopportabili. Basta silenzi, basta paura. Difendiamo il calcio e i tifosi isolando quel putrido marciume. No, non chiamateli tifosi. Un tifoso ama. Un tifoso soffre. Un tifoso condivide. I tifosi, quelli veri, sono la parte bella del calcio. Tiriamola fuori, coraggio!
[antonello raimondo]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie