Domenica 05 Luglio 2020 | 22:39

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Stop al razzismo, Europa sempre più intransigente

Stop al razzismo, Europa sempre più intransigente

 
L'ANALISI
Il tesoro dei santi medici al tempo della pandemia

Il tesoro dei Santi Medici al tempo della pandemia

 
L' editoriale
Quelle parole di Moro sui rischi della politica factotum

Quelle parole di Moro sui rischi della politica factotum

 
Analisi
Osare significa facilitare la vita

Osare significa facilitare la vita

 
L'Analisi
Siamo tornati nella palude dell’epoca Ante Covid

Siamo tornati nella palude dell’epoca ante covid

 
L'analisi
Menopausa post covid

Menopausa post covid

 
Il commento
Figli del sud tutti al sud progetto contro l’emigrazione

Figli del Sud tutti al Sud: progetto contro l’emigrazione

 
Il commento
Il difficile equilibrio tra i poteri dello stato

Il difficile equilibrio tra i poteri dello Stato

 
L' editoriale
«Mes», a punto politica estera in rimonta sui temi interni

«Mes» a punto: politica estera in rimonta sui temi interni

 
La riflessione
Fuga dal M5S. Non è solo una questione di poltrone

Fuga dal M5S: non è solo una questione di poltrone

 
Il punto
Dal sovranismo giudiziario al globalismo investigativo

Dal sovranismo giudiziario al globalismo investigativo

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIn Località Fiumara
Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

 
BariPet terapy
Bari, a grande riscossa degli asini

Bari, la grande riscossa degli asini di Lama Balice

 
TarantoIl siderurgico
ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

 
LecceSocial news
Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

 
HomeLa tragedia
Femminicidio a Cerignola, una donna uccisa a colpi di pistola

Femminicidio a Cerignola, donna uccisa a colpi di pistola: fermato il marito

 
PotenzaSanità
Potenza, il gioco dell'oca delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

Potenza, il «gioco dell'oca» delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

 
MateraIl fenomeno
Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse. Al via gli accertamenti

Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse: al via gli accertamenti

 
BrindisiNel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 

i più letti

L'analisi

L'assedio dei clan alle curve

L'assedio dei clan alle curve

No. Il calcio non è più un gioco. Ormai da un bel pezzo. Non lo è sul campo, con tutti gli interessi che gli girano attorno. E non lo è nemmeno fuori. Violenza, razzismo, anche le infiltrazioni mafiose nelle curve. Un anno di indagini per scoprire che sul ponte di comando di uno storico gruppo di tifosi juventini c’erano personaggi poco raccomandalili, per usare un eufemismo. Un gruppo in grado di gestire centinaia di biglietti a ogni partita, di ricattare, minacciare e malmenare tifosi, steward e chiunque provasse a fermarli in tutt’Italia, finanche all’estero. Dodici misure cautelari, venticinque denunce tra esponenti di spicco della «sud» bianconera.

Una storia triste che comincia quando la Juventus, stanca di essere costantemente sotto ricatto, decide di azzerare alcuni privilegi concessi ai gruppi organizzati. E, soprattutto, quando la stessa Juventus decide di rivolgersi all’autorità giudiziaria raccontando ogni minimo dettaglio di quella che era diventata una vera e propria deriva. Con tanto di nomi e cognomi. Un club sotto ricatto, insomma. Un club che decide di recidere il cordone ombelicale con certi ambienti. Forse tardi, vero. Ma un primo, fondamentale passo è stato fatto.

Servono nuove coscienze. La voglia di costruire un nuovo futuro. La capacità di cercare e trovare gli strumenti giusti per tenere le giuste distanze dal fango. Sperando di ritrovarsi al fianco un alleato davero operativo, e cioè lo Stato. Perché, sarà bene dirselo una volta per tutte, quello che di sporco accaede nelle curve italiane è il vero segreto di pulcinella. Ed è troppo comodo sperare, e credere, che i club possano farsi giustizia da soli. I presidenti vanno aiutati, accompagnati, resi più forti. Mai abbandonati e prigionieri del malaffare.

Il rischio, in questi casi, è che il mondo del calcio scelga ancora una volta di mettere la testa sotto la sabbia. E cioè di lasciar credere che questo sia un problema tutto juventino. No, nulla di più falso. Criticità diffusa, questione di cultura e di metodo. Le curve, troppo spesso, non rappresentano solo un bellissimo fenomeno di colore, tifo, calore. In curva c’è di tutto. In curva è facile nascondersi dietro l’etichetta di tifoso.

No, signori. Questi signori tutto sono tranne che tifosi. E nemmeno ultrà. Piuttosto, delinquenti comuni che, attraverso il calcio, pensano di poter continuare a sporcarsi le mani. Questi sono i momenti in cui bisognerebbe ricordarsi che l’unione fa la forza. E allora che vengano fuori tutti gli altri equivoci. Che i presidenti raccontino finalmente tutto. E di tutto. Dei loro imbarazzi e di certe vicinanze insopportabili. Basta silenzi, basta paura. Difendiamo il calcio e i tifosi isolando quel putrido marciume. No, non chiamateli tifosi. Un tifoso ama. Un tifoso soffre. Un tifoso condivide. I tifosi, quelli veri, sono la parte bella del calcio. Tiriamola fuori, coraggio!
[antonello raimondo]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie