Martedì 14 Luglio 2020 | 11:55

NEWS DALLA SEZIONE

Analisi
Salute e lavoro. Avanti Taranto

Salute e lavoro. Avanti Taranto

 
l'Analisi
Situazione d’eccezione e repubblica parlamentare

Situazione d’eccezione e Repubblica parlamentare

 
Il ricordo
Vernola, la politica per il bene comune

Vernola, la politica per il bene comune

 
L'Editoriale
Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

 
Analisi
Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

 
Analisi
Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

 
Analisi
Il fascino della politica strega pure i virologi

Il fascino della politica strega pure i virologi

 
Il commento
Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

 
L'Analisi
Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

 
Analisi
Se il coronavirus smaschera i big

Se il coronavirus smaschera i big

 
Editoriale
Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccemalcostume
Lecce, reddito di cittadinanza, scovati altri 15 «furbetti»

Lecce, reddito di cittadinanza: scovati altri 15 «furbetti»

 
FoggiaSanità
Foggia, nuovo Policlinico, slitta la consegna

Foggia, nuovo Policlinico, slitta la consegna

 
TarantoProroga cig
Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

 
PotenzaTragedia sfiorata
Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 
BrindisiTrasporti
Brindisi, «Disservizi per navi e passeggeri. Si apra tavolo di concertazione»

Brindisi, stagione crocieristica: dopo luglio cancellati anche attracchi di agosto

 

i più letti

Il punto

Morti e feriti sulle strade come una guerra

Il sangue scorre sulle strade europee a causa di incidenti causati da distrazioni. Il 95% degli incidenti stradali dipende infatti da errori di tipo umano

«Il nuovo governo cambi rotta sulla 275»

Numeri che fanno piangere e riflettere. Il sangue scorre sulle strade europee a causa di incidenti causati da distrazioni. Il 95% degli incidenti stradali dipende infatti da errori di tipo umano. Quali?
Il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi).
Nel 2018 i deceduti dell'Unione europea sono stati poco più di 25mila, con un decremento del -1% rispetto al 2017.
Il 76% delle vittime della strada sono uomini, il 24% sono donne, mentre il 2% è rappresentato da bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni.
Nello specifico, stando a quanto riportato sul sito del Parlamento europeo, i passeggeri auto costituiscono il 46% del numero totale di vittime degli incidenti mortali, mentre l’altro 46% è rappresentato dagli utenti vulnerabili della strada - di cui il 21% da pedoni, il 14% da motociclisti, l’8% da ciclisti e il 3% da conducenti di motorini (l’8% degli incidenti stradali mortali ha luogo sulle autostrade, il 55% su strade provinciali e il 37% nelle aree urbane).

Ogni milione di abitanti, nel 2018 si contano 49,1 morti per incidente stradale nella Ue e 55 nel nostro Paese, che sale dal 18° al 16° posto della graduatoria europea.

È opportuno riflettere in merito alla circostanza che raffrontando i dati della sicurezza stradale si sono ridotti tra 2018 e il 2010 i decessi del 21% in Europa e del 19,2% in Italia.
Tra gli ultimi provvedimenti licenziati dal Parlamento europeo brillano le nuove norme - votate il 16 aprile di questo anno - che hanno reso obbligatori ben trenta dispositivi avanzati di sicurezza come «il sistema di adattamento intelligente della velocità, il sistema di avviso della distrazione del conducente e il sistema di frenata d’emergenza».
Grazie a queste «tecnologie di sicurezza obbligatorie» e «salvavita» potrebbero salvare oltre 25mila vite ed evitare almeno 14mila feriti gravi entro il 2038.
In merito ai tempi di attuazione queste nuove norme andranno a pieno regime, sempre che gli Stati membri non compiano ostruzionismo, da maggio 2022 per i nuovi modelli e da maggio 2024 per i modelli esistenti al fine di poter adeguare la legislazione esistente agli sviluppi tecnologici e alle recenti tendenze sociali.
Sono realtà l’invecchiamento della popolazione, le nuove fonti di distrazione per i guidatori (utilizzo dei cellullari in primis) e costante aumento del numero di ciclisti e dei pedoni sulle strade europee.
Dal Parlamento europeo inoltre fanno sapere che «i veicoli commerciali pesanti e gli autobus dovranno invece essere dotati di dispositivi per l'ampliamento della visione diretta del conducente, così che questi possa vedere gli utenti vulnerabili della strada, e di sistemi di segnalazione, che rilevano la presenza di ciclisti e pedoni nelle immediate vicinanze del veicolo».
Twitter@peppedimiccoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie