Giovedì 22 Agosto 2019 | 09:08

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà domenica?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
TarantoDomenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
MateraLe fiamme
Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

 
BariTrasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
LecceMusica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
BrindisiPoi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
BatL'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
FoggiaL'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

i più letti

Il punto

Morti e feriti sulle strade come una guerra

Il sangue scorre sulle strade europee a causa di incidenti causati da distrazioni. Il 95% degli incidenti stradali dipende infatti da errori di tipo umano

«Il nuovo governo cambi rotta sulla 275»

Numeri che fanno piangere e riflettere. Il sangue scorre sulle strade europee a causa di incidenti causati da distrazioni. Il 95% degli incidenti stradali dipende infatti da errori di tipo umano. Quali?
Il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi).
Nel 2018 i deceduti dell'Unione europea sono stati poco più di 25mila, con un decremento del -1% rispetto al 2017.
Il 76% delle vittime della strada sono uomini, il 24% sono donne, mentre il 2% è rappresentato da bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni.
Nello specifico, stando a quanto riportato sul sito del Parlamento europeo, i passeggeri auto costituiscono il 46% del numero totale di vittime degli incidenti mortali, mentre l’altro 46% è rappresentato dagli utenti vulnerabili della strada - di cui il 21% da pedoni, il 14% da motociclisti, l’8% da ciclisti e il 3% da conducenti di motorini (l’8% degli incidenti stradali mortali ha luogo sulle autostrade, il 55% su strade provinciali e il 37% nelle aree urbane).

Ogni milione di abitanti, nel 2018 si contano 49,1 morti per incidente stradale nella Ue e 55 nel nostro Paese, che sale dal 18° al 16° posto della graduatoria europea.

È opportuno riflettere in merito alla circostanza che raffrontando i dati della sicurezza stradale si sono ridotti tra 2018 e il 2010 i decessi del 21% in Europa e del 19,2% in Italia.
Tra gli ultimi provvedimenti licenziati dal Parlamento europeo brillano le nuove norme - votate il 16 aprile di questo anno - che hanno reso obbligatori ben trenta dispositivi avanzati di sicurezza come «il sistema di adattamento intelligente della velocità, il sistema di avviso della distrazione del conducente e il sistema di frenata d’emergenza».
Grazie a queste «tecnologie di sicurezza obbligatorie» e «salvavita» potrebbero salvare oltre 25mila vite ed evitare almeno 14mila feriti gravi entro il 2038.
In merito ai tempi di attuazione queste nuove norme andranno a pieno regime, sempre che gli Stati membri non compiano ostruzionismo, da maggio 2022 per i nuovi modelli e da maggio 2024 per i modelli esistenti al fine di poter adeguare la legislazione esistente agli sviluppi tecnologici e alle recenti tendenze sociali.
Sono realtà l’invecchiamento della popolazione, le nuove fonti di distrazione per i guidatori (utilizzo dei cellullari in primis) e costante aumento del numero di ciclisti e dei pedoni sulle strade europee.
Dal Parlamento europeo inoltre fanno sapere che «i veicoli commerciali pesanti e gli autobus dovranno invece essere dotati di dispositivi per l'ampliamento della visione diretta del conducente, così che questi possa vedere gli utenti vulnerabili della strada, e di sistemi di segnalazione, che rilevano la presenza di ciclisti e pedoni nelle immediate vicinanze del veicolo».
Twitter@peppedimiccoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie