Giovedì 20 Giugno 2019 | 07:35

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 
L'editoriale
Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

 
L'analisi
L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

 
La riflessione
Conquista lucana tentazione nazionale?

Conquista lucana tentazione nazionale?

 
L'analisi
È vero esiste un’altra Taranto

È vero esiste un’altra Taranto

 
La riflessione
I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
BatMaltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
PotenzaUdienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 
BrindisiNel Brindisino
La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

 
FoggiaIl processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
LecceEnoturismo
Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

 
TarantoArcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

L'analisi

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

La politica economica del governo italiano degli ultimi trent’anni è stata dominata dalla continuità.

Le illusioni pericolose nel segno del «popolo»

La politica economica del governo italiano degli ultimi trent’anni è stata dominata dalla continuità. Il mantra seguito – al di là dei presidenti del Consiglio pro-tempore e delle diverse maggioranze che si sono alternate – l’aumento del debito pubblico è stato una costante. La spesa pubblica è cresciuta sempre, senza modificare strutturalmente la competitività del Paese.

La spesa corrente è servita per lo più a comprare il consenso di elettori sempre alla ricerca di protezioni, sussidi, prebende, per poi lamentarsi bellamente che lo Stato non funziona.
Non si capisce come mai dovremmo crescere con più debito se negli ultimi decenni abbiamo sempre fatto peggio degli altri Paesi dell’Unione Europea.

Dare la colpa del nostro ingente debito alla UE è una mossa politica tipica di coloro – come Salvini e Di Maio – alla ricerca di facili capri espiatori. L’indebitamento pubblico ha radici lontane. Nel 1970 era pari al 37%; nel 1994, due anni dopo la firma del Trattato di Maastricht, quando l’euro non era ancora in circolazione, era pari al 122%.

Il debito pubblico, l’inflazione e le svalutazioni competitive hanno rappresentato le strategie principali dell’Italia post miracolo economico. Quando abbiamo aderito alla moneta unica, non siamo stati capaci di adeguarci alla nuova realtà mondiale. La globalizzazione, l’ingresso di nuovi competitor nell’arena dei mercati dei beni e dei servizi ci ha trovato impreparati, così come l’impatto delle nuove tecnologie. In un Paese che discute ancora della polemica tra Benedetto Croce e Federico Enriques sulla valenza della scienza, gli algoritmi di calcolo dietro il funzionamento di “google”, il “data mining”, l’analisi dei dati ci vede perdenti. Quanti sono i laureati ogni anno in matematica e statistica rispetto a quelli in giurisprudenza?

Il governo si è venduto con l’epiteto “del cambiamento”, ma la verità è che ci troviamo di fronte a un governo gattopardesco, dove il cambiamento non esiste. La politica è basata sull’aumento del deficit pubblico. Come potesse risolvere i problemi. Ma quando mai? Come hanno dimostrato Rogoff e Reinhart (La crescita ai tempi del debito), i paesi con un alto livello di indebitamento crescono meno. Devono infatti destinare ingenti risorse al pagamento degli interessi sul debito. Ogni anno l’Italia spende 65 miliardi per remunerare i detentori di Bot e Btp. La spesa in istruzione è inferiore (di poco, lo 0,1%, ma lo è). Che senso ha tutto ciò? Chi si disinteressa dello spread, dimostra di non avere a cuore i servizi pubblici spiazzati dall’esplosione delle cedole da pagare.

Se il governo volesse veramente cambiare le cose, non avrebbe il consenso che ha. L’italiano dice di voler cambiare, ma ama lo status quo. Aveva perfettamente ragione Federico Caffè nei suoi scritti sulla “solitudine del riformista”: “Il riformista è ben consapevole di essere costantemente deriso, occorre ritessere una tela che altri sistematicamente distruggono”. Caffè dalle colonne del “Manifesto” invocava più welfare state, ma nei saggi (che pochi hanno letto) condannava “lo sfruttamento politico degli emarginati; la pressione dei furbi rispetto ai veri bisognosi nell’avvalersi delle varie prestazioni assistenziali, le ripercussioni dannose a carico dello Stato dell’inclinazione lassista a voler dare tutto a tutti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie