Lunedì 22 Luglio 2019 | 07:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
La corruzione delle parole all’origine dei nostri guai

La corruzione delle parole all’origine dei nostri guai

 
L'analisi
Paure e calcoli frenano la rottura del contratto

Paure e calcoli frenano la rottura del contratto

 
L'allunaggio
Buongiorno Luna: lo sbarco, 50 anni dopo. Cosa fu e cos’è ora

Buongiorno Luna: lo sbarco, 50 anni dopo. Cosa fu e cos’è ora

 
L'analisi
Generazione di ignoranti ma accusando sempre il Sud

Generazione di ignoranti ma accusando sempre il Sud

 
Sanità
La sofferenza dei pigiami, l'insofferenza dei camici

La sofferenza dei pigiami, l'insofferenza dei camici

 
La riflessione
Ma più i due soci litigano più si allontana l’ombra del voto

Ma più i due soci litigano più si allontana l’ombra del voto

 
L'analisi
Diaspora choc in una nazione che maltratta la conoscenza

Diaspora choc in una nazione che maltratta la conoscenza

 
Il punto
Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

 
L'analisi
Il governo i partiti e la sfida del nuovo

Il governo i partiti e la sfida del nuovo

 
L'editoriale
Il lavoro che a volte c'è, è la risposta che non c'è

Il lavoro che a volte c'è, è la risposta che non c'è

 
La tragedia
Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIgiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 
LecceIl ritrovamento
A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

 
Batil salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

La riflessione

Il nodo dei costi della politica

Inchiesta/terremoto che ha scosso Michele Emiliano è senza dubbio una imprevista turbolenza per un territorio che si avvia verso la cruciale tornata delle amministrative

michele emiliano

Una «scossa» per la Puglia da raccontare ritrovando subito l’indispensabile equilibrio. Si deve all’ex premier Massimo D’Alema l’introduzione nel lessico politico del sostantivo che richiama i movimenti tellurici per definire le inchieste giudiziarie che interessano la politica, di solito a ridosso di un turno elettorale. Rientra in questa casistica l’inchiesta barese che riguarda il governatore Michele Emiliano - personaggio politico il cui cursus honorum si intreccia quasi carnalmente con la toga di magistrato antimafia -, il suo capo di gabinetto Claudio Stefanazzi e tre imprenditori: Giacomo Pietro Paolo Mescia, Vito Ladisa e Pietro Dotti. Si tratta senza dubbio di una imprevista turbolenza per un territorio che si avvia verso la cruciale tornata delle amministrative, con le successive Regionali in calendario l’anno prossimo. Le indagini però vanno inquadrate nel proprio contesto, senza i veleni di una certa narrazione giustizialista che ha dato forma ai media dei primi anni Novanta: la misuratezza nelle cronache non può che giovare all’opinione pubblica, alla magistratura alle prese con un compito delicato e alle parti in causa, la cui presunzione di innocenza, allo stato, non è in discussione.

Le polemiche politiche, invece, sono inevitabili e quasi scontate: non sorprende il commento di Francesco Paolo Sisto di Forza Italia, improntato al garantismo (e piccato per la fuga di notizie di cui ha avuto contezza il presidente Emiliano), al pari della richiesta di chiarimenti con dimissioni avanzata dal M5S e della solidarietà dai parlamentari Pd e dai consiglieri del centrosinistra pugliese.

I fatti sono in divenire ed è quanto mai necessario ricordare che siamo ancora nella fase delle ricostruzioni: gli inquirenti sono al lavoro (hanno chiesto una proroga per le indagini), ma le ipotesi di reato formulate dal procuratore Lino Giorgio Bruno sono note. Emiliano è accusato di abuso d’ufficio, induzione indebita a dare o promettere utilità (entrambi i fatti risalenti al 2018) e concorso in reati tributari per l’emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. Il governatore ha offerto massima collaborazione ai finanzieri e ai magistrati per spazzare via ogni ombra, accendendo i riflettori sulla fuga di notizia che lo avrebbe riguardato, con indiscrezioni che coinvolgerebbero un giornalista (per il quale l’Ordine professionale ha chiesto lumi alla magistratura al fine di avviare un procedimento disciplinare nell’eventualità che lo stesso cronista abbia rivelato al governatore dettagli sull'indagine in corso prima ancora che la Finanza si recasse alla Regione).
Sullo sfondo resta il nodo del finanziamento della politica al tempo degli «anticasta»: prima o poi il parlamento dovrà fare i conti con la necessità di adottare procedure chiare, semplici e lineari per conferire risorse alla politica. E per non rendere i partiti e i politici «prigionieri» dei contributi interessati del mondo imprenditoriale, bisognerebbe anche valutare se il ritorno ad un finanziamento pubblico - trasparente e con verifiche delle spese stringenti - non sia il male minore rispetto a all’attuale status quo. Che rende sempre più debole e meno credibile la politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie