Domenica 19 Maggio 2019 | 19:04

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Cari giovani del Sud che vi fanno scappare

Cari giovani del Sud che vi fanno scappare

 
L'analisi
Sud ancora più povero senza i soldi dell’Europa

Sud ancora più povero senza i soldi dell’Europa

 
Il punto
Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

 
La riflessione
La strategia del drago nei porti della penisola

La strategia del drago nei porti della penisola

 
L'analisi
Liti continue in attesa del giudizio universale

Liti continue in attesa del giudizio universale

 
L'analisi
Comunicazione ossessiva più rischi per il Paese

Comunicazione ossessiva più rischi per il Paese

 
La lettera
Ministro Lezzi alla «Gazzetta»: «Sud, le risorse non si toccano»

Ministro Lezzi alla «Gazzetta»: «Sud, le risorse non si toccano»

 
La riflessione
Il miracolo di S. Nicola sul lungomare di Bari

Il miracolo di S. Nicola sul lungomare di Bari

 
L'analisi
Così tolgono al Mezzogiorno sia i figli che l’anima

Così tolgono al Mezzogiorno sia i figli che l’anima

 
La riflessione
Il laboratorio pugliese passa a conciliare i poli opposti

Il laboratorio pugliese passa a conciliare i poli opposti

 
L'analisi
Corruzione e debito un’alleanza mortale

Corruzione e debito un’alleanza mortale

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceQuesta mattina
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Martedì atteso Salvini

 
BatTrasporti
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Ferrovie, il Mit annuncia: in Puglia nuovi servizi sull'Alta velocità. Ma non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Verso il Festival

Tormentone Sanremo: al via una liturgia di 5 giorni

«Sanremo è come la Messa la domenica o la festa della bandiera» ci diceva non molti giorni fa Gino Paoli, uno che di canzoni... qualcosa ne capisce

Tormentone Sanremo: al via una liturgia di 5 giorni

Ormai siamo ai nastri di partenza: da domani fino a sabato sera, il tormentone televisivo degli italiani sarà il Festival di Sanremo, croce e delizia del mese di febbraio, sorta di immutabile liturgia profana. «Sanremo è come la Messa la domenica o la festa della bandiera» ci diceva non molti giorni fa Gino Paoli, uno che di canzoni... qualcosa ne capisce.

Per poi aggiungere «detto questo, però, andrebbe cambiato tutto, da capo a piedi». Liturgia, si diceva, perché nelle sue inesorabilmente lunghe cinque serate, che si protraggono sino a notte fonda per la gioia degli sponsor, Sanremo è quanto di più autoreferenziale possa esistere nella nostra televisione: fa durare, appunto, cinque notti, ciò che in un qualunque altro festival-concorso canoro non durerebbe più di tre. (E certo, perché si tratta di lanciare le canzoni che ci accompagneranno sino a febbraio dell’anno prossimo, per cui è necessario che ci entrino nella testa con la prepotenza di un Black&Decker di quelli a percussione, sino a diventare dei veri e propri tormentoni). E nella serata finale ci accompagnerà sino a orari improbabili per rivelarci il nome del vincitore, anche se poi il pubblico - a casa e all’Ariston - non si riconoscerà nel verdetto delle giurie e finirà per scegliersi le proprie canzoni.


Anche quest’anno, sempre per restare in tema di liturgie, il Festival è stato preceduto dalle (solite) polemiche sui costi, sui cachet dei protagonisti, a cominciare da quello del suo direttore artistico Claudio Baglioni che, fanno sapere dalla Rai, percepirà «solo» 585mila euro, lo stesso compenso del 2018 e la cosa sinceramente ci preoccupa un po’: ce la farà ad arrivare a fine mese?
Nell’anno del governo gialloverde, il Festival è stato sottoposto a una drastica spending review che non ha risparmiato nemmeno i compensi di Claudio Bisio e Virginia Raffaele, ai quali toccherà il compito di affiancare Baglioni come co-conduttori. Si parla di 400mila euro per Bisio (80mila a sera) e 350mila per la Raffaele: un intollerabile sberleffo alla parità di genere. O forse una nemesi, considerato che invece l’anno scorso fu la Hunziker a essere pagata più di Favino. In ogni caso, si tratterà di una edizione «virtuosa»: assicurano dalla Rai che per i cachet non si spenderanno più di 500mila euro a sera, per arrivare a circa 2,5 milioni sommando le cinque serate. Bazzecole rispetto ai più di 3 milioni delle edizioni di Bonolis, Fazio o Gianni Morandi. Resta il fatto - fanno notare dalla Rai - che a fronte di una spesa complessiva di 17 milioni di euro, se ne incasseranno oltre 25. Come a dire: di che vi lamentate?


Tuttavia, possiamo starne certi, Sanremo non vorrà farci mancare qualche altra polemicuccia di percorso, perché cinque giorni sono tanti e un po’ di pepe fa sempre bene. Lo stesso scambio di idee sui migranti fra Baglioni e il ministro Salvini - poi conclusosi con un volemose bene dopo voci incontrollate di purghe staliniane - è stata una ghiotta anticipazione.
E le canzoni, direte voi? Già, le canzoni... ma perché, qualcuno crede ancora che costituiscano il cuore pulsante del Festival? Per molti versi, Sanremo le stritola un po’ come Urano divorava i propri figli. Ne ascolteremo tante e alcune ci piaceranno pure, ma ormai - a guardare le cifre - è abbastanza chiaro che il cosiddetto core business non sia tanto la musica in sé, quanto piuttosto la raccolta pubblicitaria: di qui l’esigenza di tenere gli ascolti sempre più alti, anche - ma non solo - con la gara canora.
Su una cosa però si può affermare che il Festival di Sanremo sia rimasto uguale a se stesso. Si è sempre detto che sia uno specchio dell’Italia, meglio ancora dell’italiano medio, che in quella ritualità e in quelle canzoni finisce per rispecchiarsi. E allora, mai come quest’anno ci fu slogan più azzeccato: «Se tutto va bene». Perché Sanremo è Sanremo. Amen.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400