Martedì 23 Aprile 2019 | 19:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il fondo
Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

 
La riflessione
Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

 
L'analisi
Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

 
Il punto
Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

 
L'editoriale
Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

 
L'opinione
Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

 
L'analisi
E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

 
L'analisi
Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

 
Consigli di lettura
Pulce, che favola di bambina!

Pulce, che favola di bambina!

 
L'analisi
Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

 
La riflessione
Lo schiaffo di Tripoli dopo lo schiaffo di Tunisi?

Lo schiaffo di Tripoli dopo lo schiaffo di Tunisi?

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaSull'Isola di Capraia
Migranti, 17 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro donne e bambini

Migranti, 18 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro bimbo paraplegico

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 
HomeIl martedì dei leccesi
A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

 

Il caso Baglioni

Le polemiche su Sanremo e il grande business per la Rai

Migranti, Baglioni, la De Santis e le polemiche: da qui al 9 febbraio ce ne sarà una al giorno

Le polemiche su Sanremo e il grande business per la Rai

Ci mancava pure la polemica politica su Sanremo. Baglioni e Bisio, memori della lezione del leader della Lega hanno individuato subito il nervo scoperto: i migranti. Ed è partito il «grande lancio» del Festival della «canzone italiana».
I fatti. Durante la conferenza stampa di presentazione dei co-conduttori Viriginia Raffaele e Claudio Bisio, il direttore artistico Baglioni ha commentato che «se non fosse drammatica la situazione di oggi, ci sarebbe da ridere. Ci sono milioni di persone in movimento, non si può pensare di risolvere il problema evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo un po’ alla farsa. Credo che le misure prese dall’attuale governo, come da quelli precedenti, non siano assolutamente all’altezza della situazione».

Apriti cielo. «Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo», replica subito via social Salvini. Rintuzza Bisio: «Al Festival parlerò di attualità». Poteva finire così? No. Entra in campo anche la direttrice di Rai Uno, Teresa De Santis, che secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa, spegne ogni velleità di triplete del cantautore romano: «Baglioni? Mai più all’Ariston se ci sono io». La stessa De Santis invia poi una lettera a Dagospia (ma una telefonata a quattr’occhi senza farlo sapere in giro no?): «Sono solo canzonette, o almeno dovrebbero esserlo – scrive - una settimana di grande cerimonia di svago e spettacolo nazionale. Invece, e non solo per responsabilità di Claudio Baglioni, sono state trasformate nel solito comizio».


Curioso che a innescare la polemica sui migranti sia stato Baglioni, quello dei passerotti e delle magliette fini. Fossati o la Mannoia, sarebbero stati più adatti. L’anno scorso proprio la Fiorella nazionale sul palco di Sanremo colpì cantando Mio fratello che guardi il mondo, storico pezzo di Fossati sui disperati che arrivano sulle nostre coste. Il brano arrivò al termine di un monologo, sempre sui migranti, di uno straordinario Francesco Favino. Fu uno dei momenti forti del Festival. Ma erano altri tempi e altri governi. Oggi dei migranti se ne parla in maniera opposta. Però possono servire ancora, per le polemiche e per tener viva l’attenzione su una manifestazione canora sempre più mastodontica e che per la Rai rappresenta una delle maggiori voci di incasso. L’edizione 2018 è costata quasi 16 milioni e mezzo di euro, ma ne ha fruttati oltre 25 in pubblicità.
Per il 2019 – grazie anche al successo dell’edizione Baglioni I – la Rai ha allungato il palinsesto e ritoccato i listini. Oltre alle serate del Festival vero e proprio (dal 5 al 9 febbraio), vi sono stati e vi saranno tutta una serie di appuntamenti per creare l’attesa. Da ben prima di fine dicembre, poi, siamo subissati di spot Baglioni-Papaleo.

Decine di passaggi al giorno con il direttore artistico di volta in volta sacerdote, benzinaio, vigile urbano. Dai costi della pubblicità si capisce la ragione dell’accanimento Rai. Un solo spot durante il Festival, fra le 21,15 e le 22,45 costa dai 163mila ai 220mila euro. Vi sono poi pacchetti e passaggi su vari canali (Rai Premium, social, radio ecc.) che possono arrivare a costare 5-6 milioni di euro. Qualcuno si è divertito a fare una media e ha calcolato che un secondo di pubblicità sanremese costa 10mila euro.


La Rai fa bene il suo mestiere e fa bene a esaltare i prodotti che ha. Ma c’è qualche però. La Rai non è una televisione qualunque. È la tv di Stato che percepisce soldi pubblici attraverso il pagamento di un canone da parte di tutti gli italiani (l’evasione è crollata dopo l’inserimento nella bolletta elettrica). Dunque è un servizio pubblico che deve essere anche attento a non ammorbare i suoi utenti con massacranti campagne pubblicitarie e con programmi-telenovela. Perché di qui a metà febbraio il tema televisivo sarà unico: Sanremo, in ossequio alla logica della ripetitività quale migliore arma di persuasione. Secondo, è l’unica tv a mangiare a due bocche, che sono anche le più voraci. In altri Paesi o c’è un tetto alla pubblicità – che viene proporzionalmente ripartita anche fra gli altri media – oppure chi percepisce un canone non fa pubblicità a pagamento.
Prepariamoci dunque a quest’altra indigestione, dopo le abbuffate natalizie. Da qui al 9 febbraio ci sarà tempo per molte altre polemiche o pseudo tali. Baglioni e Bisio sono già entrati in campo, manca Virginia Raffaele. Magari ne dice una delle sue sul reddito di cittadinanza. Tanto Sanremo non è Sanremo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400