Mercoledì 26 Giugno 2019 | 20:15

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

 
L'analisi
Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

 
L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

 
BariA Japigia
Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

 
FoggiaLa tragedia
Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

 
Potenza Graduation day Unibas
Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, a settembre si chiude»E intanto parte il Cig per 1400 operai

Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, a settembre si chiude».
E intanto parte Cig per 1400 operai

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

L'analisi

Se l’Europa scende in campo contro l’industria delle bufale

La Task Force europea, operativa dal settembre 2015, ha identificato finora «oltre 4.500 casi» di disinformazione, sempre più in numero crescente

Tre proposte gelide verso l'Europa

Un piano di azione di contrasto alle «fake news». I dati sono allarmanti. Il barese Giuseppe Abbamonte, direttore per i media e i dati nella direzione generale «Connect» della Commissione europea, lo aveva preannunciato alla Gazzetta. «L’80% dei cittadini dei cittadini europei si è imbattuto e continua ad imbattersi in fake news. L’83% considera la disinformazione online come un problema per la democrazia». Ma non solo quasi la metà dei cittadini dell’Ue, nel 2016 sono stati il 46%, ha preso per verità incontestabile quanto diffuso da social media senza controllare l’attendibilità delle fonti è più che giusto che ci sia una attenta riflessione. Per tutto questo l'Unione europea ha lanciato un nuovo Piano d’azione anti-fake news anche in vista delle elezioni europee di maggio e a tutela degli altri appuntamenti elettorali nei 28 da qui al 2020.

La Task Force europea, operativa dal settembre 2015, ha identificato finora «oltre 4.500 casi» di disinformazione, sempre più in numero crescente. Nella primavera 2018 erano infatti circa 3.800, a oggi sono saliti a 4.564, secondo quanto emerge dal sito euvsdisinfo.eu. I temi più gettonati per la disinformazione? Terrorismo, migranti, l’Ue, l’Occidente, la Nato, la guerra in Siria e in Ucraina, l’Isis, il caso Skripal. Negli ultimi mesi sono saliti nei trend la questione nazi-fascisti, Angela Merkel e Donald Trump.

Con le nuove misure le risorse per le Task force in seno al Servizio di azione esterna di Federica Mogherini per identificare i focolai di disinformazione vengono più che raddoppiati passando dai 1,9 milioni del 2018 a 5 milioni per il 2019. Inoltre è stato creato un sistema di allerta rapida tra istituzioni Ue e Stati membri per la condivisione di informazioni e allarmi su campagne di disinformazione. Il piano d'azione si concentra su quattro settori chiave che potenzieranno efficacemente le capacità dell’Ue e rafforzeranno la cooperazione tra gli Stati membri e l’Ue: «Individuazione più efficace»; «Una risposta coordinata»; «Piattaforme online e industria»; «Sensibilizzazione e responsabilizzazione dei cittadini».
Le prossime tappe prevedono che la Commissione europea e l'Alta rappresentante elaborino e attuino le misure previste dal piano d’azione, in stretta collaborazione con gli Stati membri e il Parlamento europeo e che entro marzo 2019, in previsione delle elezioni europee, sia attivato il sistema di allarme rapido, coadiuvato da un ulteriore rafforzamento delle pertinenti risorse.

«Una democrazia sana si fonda su un dibattito pubblico aperto, libero ed equo. È nostro dovere proteggere questo spazio e non permettere a nessuno di diffondere notizie false che alimentano l'odio, le divisioni e la sfiducia nella democrazia. Abbiamo deciso di agire insieme, come Unione europea, e di rafforzare la nostra risposta, promuovere i nostri principi, sostenere la resilienza delle nostre società all'interno delle nostre frontiere e nel vicinato. Questo è il modo europeo di rispondere a una delle principali sfide dei nostri tempi», ha dichiarato l'Alta rappresentante/Vicepresidente Federica Mogherini.
La questione delle «fake news» costituisce umn’autentica emergenza democratica. È importante che l’Europa abbia previsto un piano di contrasto contro l’esplosione delle «bufale». Ne va della democrazia, cioè del pilastro che regge l’Unione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie