Giovedì 19 Settembre 2019 | 21:17

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Dalle tv ai giornali, i «pirati» fanno strage

Dalle tv ai giornali, i «pirati» fanno strage

 
Economia
L'autunno caldo delle tasche degli italiani

L'autunno caldo delle tasche degli italiani

 
L'analisi
L'assedio dei clan alle curve

L'assedio dei clan alle curve

 
L'editoriale
L'effetto proporzionale ha scatenato l'ex premier

L'effetto proporzionale ha scatenato l'ex premier

 
Il punto
Maggioranza e opposizione tra presente e futuro

Maggioranza e opposizione tra presente e futuro

 
L'analisi
Occasione Sud dopo il freno all’autonomia differenziata

Occasione Sud dopo il freno all’autonomia differenziata

 
L'analisi
Lo stile di vita europeo tra un danese e un pugliese

Lo stile di vita europeo tra un danese e un pugliese

 
Il punto
Dov’è il fantasma stramilionario

Dov’è il fantasma stramilionario

 
L'editoriale
Ora il sud si muove e reagisce ai danni

Ora il Sud si muove e reagisce ai danni

 
L'editoriale
Stabilità o crescita? Il compromesso Italia-Europa

Stabilità o crescita? Il compromesso Italia-Europa

 
L'analisi
Clausole di salvaguardia un’imposizione europea

Clausole di salvaguardia un’imposizione europea

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

L'appello

«Ora intervenga il governo Conte contro una scelta arbitraria»

Le parole di Carmen Lasorella: «Oramai, in Italia, c'è un senso di profonda d'incertezza»

«Ora intervenga il governo Conte contro una scelta arbitraria»

Oramai, in Italia, c'è un senso di profonda d'incertezza. Non si è più sicuri di nulla. Si aggiunge, inoltre, la manipolazione continua dei fatti, perché come riceve Orwell: «se i fatti non ci piacciono, dobbiamo cambiare i fatti». Veniamo al punto. In Basilicata, si deve votare per il rinnovo del governo regionale. Lo hanno fatto il Molise, il Friuli e il Trentino, lo faranno a breve l’Abruzzo e la Sardegna. Ma che succede nella terra di grandi giuristi e di uomini delle istituzioni, come Gianturco, Nitti o Giustino Fortunato? Succede, che con la legge si fanno le polpette. Si deve votare nel mese di gennaio, ma arbitrariamente si sposta la data a maggio. Ripeto, «arbitrariamente» e di fatto nel consenso di forze di governo e di opposizione.
Se fino a prova contraria l’Italia resta un Paese unitario, di grazia, mi spiegate perché anche l'Abruzzo o la Sardegna non dovrebbero votare per il rinnovo dei rispettivi governi regionali a maggio, accorpando le proprie elezioni di febbraio a quelle europee? Il principio vale per tutti o non vale per nessuno.

Il Governo di Roma, allora, deve e può fare quello che compete al Governo, come si deve fare in uno Stato di diritto. Che venga fissata una data intermedia, che il mese di febbraio, scelto dall’Abruzzo e dalla Sardegna, vada bene anche per la Basilicata.

Non è una questione di forma, è una questione di sostanza. Per le seguenti ragioni:
1) Non si aggiusta la legge a proprio piacimento, benché con pareri illustri. Il voto è un diritto, che va esercitato nei tempi previsti. Spostare in avanti il voto di sei mesi è un arbitrio.
2) Tutti i sondaggi danno la Lega in fortissima crescita a livello nazionale, con un trend che si consolida, ergo il rinvio del voto in Basilicata fa bene alla Lega.
3) Per il Pd del presidente uscente della Regione, Marcello Pittella, il rinvio è una mano santa. Chi è attualmente sospeso dal proprio incarico, con un divieto di dimora nel capoluogo dove governava, può solo sperare nel tempo, che in questo caso non sarebbe galantuomo.

Come si diceva in «Via col vento»: domani è un altro giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie