Martedì 20 Agosto 2019 | 06:56

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 
La riflessione
Le vacanze rovinate dei parlamentari a Roma

Le vacanze rovinate dei parlamentari a Roma

 
L'analisi
Nuove sfide «mo’ vediamo» contro «mo’ votiamo»

Nuove sfide «mo’ vediamo» contro «mo’ votiamo»

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

 
LecceMalendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
MateraDopo il rogo
Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

 
PotenzaIl caso
Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

 
BariIl restyling
Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

 
BatIl caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
FoggiaGiovani e la musica
La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

L'analisi

«Zero al Sud», l'incredibile risultato del federalismo

Lo Stato ha allora deciso di truccare i conti. Di rifarsi le regole in modo da attribuire al Sud meno diritti e meno soldi. Anzi,

«Zero al Sud», l'incredibile risultato del federalismo

Meridionale, ascolta. Se i tuoi malati hanno meno cure. Se i tuoi bambini hanno meno asili nido. Se i tuoi ragazzi hanno meno mense scolastiche. Se i tuoi universitari hanno meno borse di studio. Se i tuoi disabili hanno meno assistenza. Se hai meno servizi sociali. Se da te circolano meno autobus. Se hai meno treni. Se hai meno aerei. Se le tue strade hanno più buche. Se paghi più tasse locali. Meridionale, ascolta: ti diranno che avviene (come avviene) <perché sei del Sud>. Aggiungeranno che è logico che sia così. Per l’incapacità delle tue classi dirigenti. Per la corruzione. Per la criminalità organizzata. Una narrazione che ti fa sentire colpevole della tua condizione. E dunque meritevole di subirla.
Insomma, basta stare a Bari, a Napoli, a Cosenza perché avere meno diritti sia una logica conseguenza del proprio essere.

Anzi, non solo meno diritti. Zero diritti. Appunto <Zero al Sud>, titolo che più esplicito non si può di un libro (Rubbettino editore) di Marco Esposito, responsabile economia del quotidiano <Il Mattino>. E titolo che potrebbe far pensare al solito piagnone meridionale se non ci soccorresse il sottotitolo: <La storia incredibile (e vera) dell’attuazione perversa del federalismo fiscale>.
Diciamo la verità: questo federalismo fiscale ce lo eravamo un po’ dimenticato. Sì, fatta qualcosa, ma poi lasciato a metà. E invece, mentre ci cullavamo in questa certezza, zitto zitto il federalismo è andato avanti. Ci era stato presentato come la soluzione di tutti i mali, ci avrebbe guarito anche dal raffreddore. E soprattutto avrebbe rilanciato il Sud. Il fatto è che per quindici decenni si è discusso di Questione meridionale, senza soluzione. La svolta invece c’è stata proprio col federalismo. Una svolta al contrario rispetto alle aspettative. Come Esposito ci dimostra non con la propaganda, ma con la brutalità dei numeri.


È avvenuto questo (confermato anche del prefatore Gianfranco Viesti). Lo Stato ha misurato, Comune per Comune, i fabbisogni per garantire a ciascuno servizi allo stesso livello, secondo ciò che dice anche la Costituzione. E secondo logica, se nascere a Milano non deve essere diverso dal nascere a Potenza. Bisognava attribuire a ciascun Comune le risorse necessarie per coprire il fabbisogno. Ma l’eguaglianza ha un costo miliardario. Ed è stata tanto più molesta quando si è scoperto che per il Sud erano necessarie risorse maggiori rispetto al Nord date le differenze di servizi a suo danno.
Erano differenze che si voleva attribuire ai soliti sprechi del Sud. Allo spendono male ecc. ecc. E invece lo stesso Stato si accorge ciò che avrebbe dovuto sapere in un Paese in cui non vigesse l’ipocrita <dalli al Sud>. Si accorge che le due Italie non erano una invenzione dei meridionali meno rassegnati. Si accorge che le differenze dipendono dalla continua minore spesa pubblica al Sud. Non quindi dal cattivo uso da parte del Sud. Cosa fare, di fronte a un Nord leghista che accusa invece il Sud di prendersi i suoi soldi?


Lo Stato ha allora deciso di truccare i conti. Di rifarsi le regole in modo da attribuire al Sud meno diritti e meno soldi. Anzi, <Zero al Sud>. Stabilendo che non ci fosse alcun fabbisogno dove, per esempio, c’è meno illuminazione nelle strade. Anzi in alcuni casi adottando il criterio della <spesa storica>, non quello della necessità. Se tanto hai sempre avuto, tanto continuiamo a darti anche se non è sufficiente a farti avere un servizio pari a quello del resto del Paese. In fondo, Sud sei. Con la stessa disinvoltura, lo Stato medesimo ha dimenticato la condizione prima del federalismo: se ciascuno si deve governare da sé, serve partire tutti allo stesso livello. Con una perequazione iniziale dove questo stesso livello non c’è.
Quando ancora questa perequazione la stai aspettando, e mentre continui a non avere asili nido, e borse di studio ecc. ecc. all’altezza di quelli della serie A, ecco il colpo di scena finale. Che rivela quanto il federalismo fosse non solo una cattiva intenzione, ma un delitto premeditato da rendere perfetto. Mentre tu attendi da anni un federalismo finalmente paritario, ecco irrompere quello <differenziato> preteso dal Veneto. Non servizi e risorse uguali per tutti, ma maggiori servizi dove sono più ricchi. E dove, come si è detto, già ne hanno di più. A danno degli altri, Sud in testa. Tanto per smascherarsi in un’Italia che non è mai stata una.


La novità nel crudo libro di Esposito è che la sua verifica dei conti (appunto perversi da magliari) non ha mai ricevuto smentita. Anzi il governo (il precedente e l’attuale) gli dà ragione ammettendo la sperequazione ai danni del Sud. Ammissione, non riparazione. Nel frattempo tu Sud continui a vivere peggio perché così ti spetta. Continui a vedere i tuoi figli partire. Noi continuiamo a fare trucchetti contro di te, e tu a incolpartene. Zero sei, e zero rimarrai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie