Lunedì 19 Novembre 2018 | 02:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Dal libro possibile alle piazze impossibili

Dal libro possibile alle piazze impossibili

 
La riflessione
La navigazione a vista di una coppia in crisi

La navigazione a vista di una coppia in crisi

 
L'analisi
Se nel mondo delle «bufale» Vasco Rossi canta la verità

Se nel mondo delle «bufale» Vasco Rossi canta la verità

 
Il punto
Polignano, la nota stonata dell'incanto: da domani senza i 5 euro il centro è fortezza inaccessibile

Polignano, la nota stonata dell'incanto: da domani senza i 5 euro il centro è fortezza inaccessibile

 
L'analisi
Forza donne del Sud, una piazza anche per voi

Forza donne del Sud, una piazza anche per voi

 
La riflessione
Scoprire l’America nell’azione repressiva

Scoprire l’America nell’azione repressiva

 
L'analisi
Importare sistemi giuridici non modelli politici

Importare sistemi giuridici non modelli politici

 
La riflessione
Basilicata in surplace voto di rinvio in rinvio

Basilicata in surplace voto di rinvio in rinvio

 
L'analisi
Informazione assediata democrazia a rischio

Informazione assediata democrazia a rischio

 
La riflessione
Ricreare il senso comunitario della terapia

Ricreare il senso comunitario della terapia

 
L'analisi
Il salvagente in rosa per Europa e società aperta

Il salvagente in rosa per Europa e società aperta

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il punto

Roma-Bruxelles: a nessuno conviene questo scontro

«C0on i prezzi di oggi molti signori facoltosi nel mondo potrebbero comperare per quattro soldi l’intero sistema bancario italiano. Non sarebbe un buon affare per il Paese»

Il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte

Ci sono due treni in corsa sullo stesso binario che provengono da direzioni opposte. Il primo è condotto da Di Maio e Salvini, il secondo da Junker e Moscovici su mandato di Macron. Al centro del binario tre uomini agitano bandierine rosse: Mario Draghi e - con vessilli più piccini ma agitatissimi - Conte e Tria. Chi frenerà per primo, se frenerà? Da nessuna parte, finora, ci sono segni di frenata. Draghi, accusato ieri da Di Maio di “avvelenare il clima”, si è limitato a due considerazioni tecniche: la prima è che uno spread alto mette in crisi il sistema bancario, il secondo è che il mandato del presidente della Banca centrale europea non prevede il sostegno a paesi in deficit, a meno che questi non stiano fallendo (come accadde alla Grecia) e venga chiamata per salvarla - alle proprie, pesantissime condizioni - la trojka economica (Bce, Commissione Ue, Fondo monetario internazionale).

D’altra parte, che non si regga uno spread alto lo hanno riconosciuto negli ultimi due giorni sia il presidente del Consiglio che il suo ministro dell’Economia. Se alcune banche stanno per saltare e non hanno i soldi per chiedere nuovi capitali al mercato, deve intervenire il governo. È denaro dato in prestito e destinato a rientrare, come rientrarono i quattro miliardi concessi la prima volta al Monte dei Paschi, prima che la crisi lo travolgesse costringendo lo Stato a diventarne (per ora) azionista. Lo hanno fatto gli americani e gli inglesi. Altri paesi europei – a cominciare dalla Germania – lo fecero prima che i buoi scappassero dalla stalla, scrivendosi (la Germania) regole su misura. L’Italia disse allora che non ne aveva bisogno. Oggi la situazione è pesantissima e ieri Salvini ha detto che il governo è pronto a salvare gli istituti che ne avessero bisogno. D’altra parte, con i prezzi di oggi molti signori facoltosi nel mondo potrebbero comperare per quattro soldi l’intero sistema bancario italiano. Non sarebbe un buon affare per il Paese.


Di Maio e Salvini dicono di dover onorare le promesse fatte agli elettori e non accettano interferenze (“Voglio un’Europa in cui i governi possano spendere i loro soldi”, ha detto ieri il leader della Lega). Conte e Tria cercano di spiegare (per ora invano) che il deficit programmato non è devastante, altri lo hanno fatto in passato e comunque occorreva muoversi visto che il Paese non cresce da vent’anni. Junker e Moscovici dicono che le regole sono quelle e vanno rispettate. Ma a chi conviene lo scontro tra i due treni? Non all’Italia, perché pagare un mucchio di interessi in più per uno spread che esplode annulla gli effetti benefici della distribuzione di denaro ipotizzata con la legge di bilancio. Non all’Europa perché senza l’Italia essa non esisterebbe. A chi gli ha chiesto se le sanzioni non finirebbero per avvantaggiare i populisti alla guida del governo italiano nella campagna elettorale di primavera, Draghi ha risposto: “È una domanda molto interessante. Fatela alla Commissione”, mostrando così di condividerne il senso. L’Europa guarda alla forma, l’Italia alla sostanza: entrambe devono salvare la faccia. Le bandierine rosse sono ben visibili. Sarebbe sciocco se entrambi i treni non frenassero insieme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400