Mercoledì 19 Giugno 2019 | 03:00

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 
L'editoriale
Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

 
L'analisi
L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

 
La riflessione
Conquista lucana tentazione nazionale?

Conquista lucana tentazione nazionale?

 
L'analisi
È vero esiste un’altra Taranto

È vero esiste un’altra Taranto

 
La riflessione
I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

 
L'analisi
Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

 

Il Biancorosso

LA CURIOSITA'
De Laurentiis e Simeri a MykonosTutto sulle vacanze del Bari

De Laurentiis e Simeri a Mykonos. Tutto sulle vacanze del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVMaltempo in Basilicata
Potenza finisce sott'acqua: strade allagate come fiumi in piena

Potenza finisce sott'acqua: strade allagate come fiumi in piena

 
BariFallimenti truccati
Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: testimone a processo

Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: ora è testimone a processo

 
TarantoSport
Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

 
LecceSalento
Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

 
BrindisiMinacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 

i più letti

La riflessione

Cucchi e il dovere di un carabiniere

Un altro delitto di Stato, quello di Stefano Cucchi, sta mostrando i suoi risvolti più inquietanti. Delitto di Stato, innanzitutto, lo definiamo, come i molti che costellano la storia d’Italia nelle diverse stagioni

Caso Cucchi, il magistrato della svolta è il salentino Musarò

Un altro delitto di Stato, quello di Stefano Cucchi, sta mostrando i suoi risvolti più inquietanti. Delitto di Stato, innanzitutto, lo definiamo, come i molti che costellano la storia d’Italia nelle diverse stagioni. Tale è per la connotazione fortemente istituzionale che caratterizza i protagonisti nelle ripetute e diverse violenze, nelle ripetute e diverse omissioni. Tale è per la molteplicità di istanze e ruoli che hanno coperto la vicenda. I delitti li fanno gli uomini, ma quando questi indossano e rappresentano lo Stato e i suoi apparati di difesa, di sicurezza, di sanità ecc. e ciononostante si avvicendano con pugni e percosse, poi con le bugie e l’occultamento dei verbali, proiettano un’ombra molto formale su una storia che non è più personale ma collettiva.

Come altri delitti di Stato quello consumato ai danni di Stefano Cucchi ha per molti serbato un mix di segreti e misteri, tali da scoraggiare anche i più tenaci segugi e indurre alla tentazione dell’oblio.

Ma, fatte queste comparazioni, numerosi elementi distinguono l’affaire Cucchi da altri delitti. Il mistero sin dai primi accadimenti si è dissolto ed è apparso, sia pure faticosamente, ciò che in realtà era: non l’inconoscibile ma quanto era stato tenuto segreto malamente, occultando verbali, costringendo al silenzio chi pur aveva voglia di parlare. Rispetto ad altre storie di Stato, è uno dei carabinieri, Francesco Tedesco, a vuotare il sacco dopo aver negli anni già tentato di prendere le distanze.
La sua appare appunto come la liberazione da un segreto: «Sono rinato. Ora non mi interessa nulla se sarò condannato o destituito dall’Arma. Ho fatto il mio dovere; quello che volevo fare fin dall’inizio e che mi è stato impedito», ha aggiunto Tedesco al suo avvocato.

Poche parole riassumono la vicenda di una coscienza che si ribella e che tenta di insorgere e prefigura le ragioni della paura che forse per un po’ di tempo lo hanno reso titubante, fino a che non ha ripreso forza il senso del dovere. La parola «dovere» risuona forte nelle brevi dichiarazioni e basta a rischiarare l’area grigia e incerta di commilitoni che invece hanno sino alla fine tentato di nascondere i particolari di quella drammatica notte.
Gli apparati di Stato, arroccati a difesa dei propri malefìci, non hanno trionfato, dunque, e la verità sta sia pure lentamente e dolorosamente riemergendo. Proprio perché la mela non è marcia e anche l’Arma, che può avere al suo interno, come ogni apparato, figure discutibili, ne ha altre pronte a riscattare la credibilità, a illuminare il prestigio e la missione di servizio a difesa dei cittadini.

La verità, quando c’è, va cercata e nulla può fermarci nella volontà di riaffermarla: è questo l’altro insegnamento che emerge dalla dolorosa vicenda di Stefano Cucchi, il quale ha trovato nella sorella e nella famiglia la sua migliore rappresentazione e perpetuazione in vita.

Restano i lamenti di rito sulla verità onnipresente del male, che si annida nelle pieghe della nostra società e non guarda in faccia nessuno. O meglio: non guarda in faccia soprattutto i poveri disgraziati, i drogati, i clochard, i drop out, tutta quella umanità di risulta che comunque pare non debba avere cittadinanza, non debba poter godere della normalità. Neanche e ancor più quando è ferita e ha bisogno dell’umana pietà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie