Martedì 26 Marzo 2019 | 18:07

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Ugento, no del Tar a una nuova discarica

Ugento, no del Tar a una nuova discarica

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
PotenzaLa polemica
Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Potenza, il processo infinito di un eterno ingiudicabile

giustizia

È proprio il caso di dirlo: dia retta a un pazzo. Signor Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, se, come Lei ha detto in parlamento, è una priorità quella di porre rimedio a «processi che costano troppo e durano troppo a lungo» come ha dichiarato al Senato, ascolti la storia di Nicola, 90 anni, da oltre 50 in un istituto psichiatrico e da 27 nelle aule di giustizia per un’accusa di omicidio preterintenzionale.
Quell’appuntamento semestrale con un Gup che doveva prendere atto che «era incapace di stare in giudizio» come sentenziò per prima la Corte d’Assise di Potenza nel 1994, 3 anni dopo i fatti, si è potuto interrompere ieri solo grazie ad una riforma (autore l’ex ministro della Giustizia, Orlando) entrata in vigore nello scorso agosto e che ha introdotto una «ovvietà rivoluzionaria»: quando un imputato ha un vizio di mente permanente che gli impedisce di stare in giudizio, è inutile sospendere il procedimento per sei mesi (poi una nuova perizia e una nuova udienza) ma va estinto.

Il caso è proprio quello del 90enne lucano. Ventisette anni fa, quando già era ricoverato nell’Istituto Don Vincenzo Uva di Potenza, lui litigò con un altro paziente. I due erano ricoverati entrambi in infermeria e il compagno di camera aveva preso il vizio di stendersi sul letto di Nicola, di «invadere», anche qui inconsapevolmente, quel poco spazio di vita privata che si ha in questi posti. Ci fu un primo battibecco, poi la situazione si ripropose. Con un epilogo letale.

Nicola, all’epoca, non era giovanissimo, ma era decisamente molto più forte di adesso. Aveva quella forza che i pazienti dei reparti ortofrenici non riescono a controllare. Fatto sta che all’ennesima volta che il compagno si è risistemato sul suo letto, Nicola lo ha afferrato per la gola e ha stretto. Ha stretto con forza e ha continuato a stringere tanto forte da lasciare il malcapitato senza vita.

«Uomo avvisato mezzo salvato» ha spiegato inconsapevole di ciò che aveva fatto, insieme a un «chi pecora si fa il lupo se la mangia» che esprime tristemente le dinamiche e le convinzioni di certi ambienti. Fu così che Nicola venne trasferito, per un po’, allo spazio psichiatrico dell’Ospedale San Carlo, mentre le indagini portarono alla richiesta e alla decisione del rinvio a giudizio. E il processo partì e venne poi annullato dalla Corte d’Assise a fronte delle evidenti condizioni dell’uomo che altro non era in grado di ripetere che «uomo avvisato mezzo salvato» e «chi pecora si fa il lupo se la mangia».
Così, in quel triste gioco dell’oca che troppo spesso sono i fatti di Giustizia si torna all’udienza preliminare. E qui, in ossequio alle norme vigenti fino all’estate 2017, si è andati avanti per 23 anni di 6 mesi in 6 mesi, di perizia in perizia, di rinvio in rinvio, in attesa dell’improbabile miracolo che potesse far rinsavire quello che, diversamente, era destinato a restare un «eterno ingiudicabile». Già il processo è una pena, figuriamoci un processo che resti in piedi per decenni, anzi a oltranza.
Un problema per Nicola, anche se non si sa fino in fondo quanto ne avvertisse il peso. Un peso che, invece, restava tutto sui ruoli dell’ufficio con un appuntamento dall’esito scontato, ma inevitabile.

«La cosa paradossale - aggiunge l’avvocato Pasquale Ciola che ha seguito in questi anni Nicola con la pazienza e la dedizione che si può avere per un proprio caro (oltre che con lo stesso disinteresse economico, viste le condizioni dell’uomo) - è che mentre lui per 27 anni ha fatto i conti con un’imputazione, nessuno si è chiesto se nella struttura qualcuno doveva vigilare, essere presente, assicurare una sicurezza che non c‘è stata». Ma questa è un’altra storia. Sempre, però, di una Giustizia di cui a volte si fa fatica a comprendere le logiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400