Sabato 16 Febbraio 2019 | 18:13

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
BariSanità
Medicina «narrativa» Un corso per i medici

Medicina «narrativa» Un corso per i medici

 
TarantoLa manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

marina militare

Un tarantino e potentino
«laureati»
dai «Rambo» inglesi

Il corso si è svolto a Lympstone ed è durato 15 mesi, alla fine il sottotenente di vascello Giuseppe De Cesare ha ottenuto il berretto verde insieme al guardiamarina Antonio De Simone di Lagonegro

berretto verde

di MARISTELLA MASSARI

Zaino da 70 kg in spalla e via a scalare montagne, guadare fiumi, attraversare ponti fatti di corda, macinare fino a 70 chilometri con gli anfibi nel fango, sotto la pioggia, con la neve o con il sole che spacca le pietre, spesso superando prove durissime. Dopo quindici mesi di addestramento durissimo, un ufficiale della Marina Militare tarantino, il sottotenente di vascello Giuseppe De Cesare, l’altro ieri ha ottenuto il prestigioso «Green Beret» dei Royal Marines, portando a compimento lo «Young Officers Course» presso il «Commando Training Centre Royal Marines».

Complessivamente al prestigioso corso hanno preso parte 33 ufficiali, di cui solo due italiani, il sottotenente tarantino De Cesare e il guardiamarina Antonio De Simone di Lagonegro, in provincia di Potenza. Un’esperienza unica, piena di sacrifici e di grandi emozioni per i due giovani ufficiali della Marina italiana. Riconosciuto come uno dei corsi di fanteria più difficili al mondo, lo «Young Officers Course» si svolge in condizioni al limite dell’impossibile.

De Cesare, figlio di un carabiniere e di una poliziotta, non ha mai mollato e alla fine ce l’ha fatta.

Il corso dei «Royal Marines» inglesi è considerato uno tra i corsi di fanteria più duri al mondo ed impone il raggiungimento di eccezionali standard psicofisici. Sempre gli stessi a partire dalla seconda guerra mondiale. I giovani ufficiali vengono forgiati a diventare comandanti di un’unità di fanteria di Marina pronti ad operare in aree di operazione ostili, con mezzi speciali, terrestri, da sbarco ed elicotteri. Dopo una dura selezione iniziale svoltasi presso la scuola dei «Marines» inglesi di Lympstone, i due ufficiali italiani hanno affrontato prove in ogni tipo di ambiente.

Hanno sperimentato il deserto, la montagna e la giungla. Hanno sopportato severe condizioni climatiche. Si sono specializzati nell’impiego di armi ed equipaggiamenti sofisticati e hanno avuto modo di approfondire la conoscenza delle procedure tecnico-tattiche del combattimento terrestre.

Al fianco degli esperti colleghi inglesi, i due giovani ufficiali della Marina militare italiana, hanno affrontato prove selettive durissime come la marcia veloce di 12 miglia gravati da un peso di 35 chili oppure la «Young Officers Marines Peace», una marcia di 70 chilometri su terreni impervi e con 70 chili di equipaggiamento individuale e la famigerata e temutissima «30 Miler» che prevede 30 miglia, vale a dire 48,3 chilometri, di cross-country con 20 chili di equipaggiamento ed arma individuale.

Hanno sofferto, provato la fatica, il freddo, il dolore, si sono immersi nelle acque gelide e nel fango molle, si sono calati dagli elicotteri, si sono arrampicati, hanno corso trasportando sulla schiena un collega, hanno spinto fino al limite il loro livello di sopportazione della stanchezza. Hanno stretto i denti e sono andati avanti, sempre davanti agli inglesi, per difendere l’onore dell’uniforme che indossano.

I due ufficiali italiani, dopo la cerimonia di consegna del basco verde che si è tenuta in Inghilterra lo scorso 7 dicembre, tra qualche giorno faranno ritorno in Italia con destinazione Brindisi per l’impiego nella Brigata San Marco della Marina Militare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Terrorismo, ecco come i Predator di Amendola trovano i covi jihadisti

Terrorismo, ecco come i Predator di Amendola trovano i covi jihadisti

 
Emma a Bari canta ai fan come si guarisce dal dolore: «Mi siete mancati»

Emma a Bari canta ai fan come si guarisce dal dolore: «Mi siete mancati»

 
Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

 
Intervista al regista della Divina Commedia Opera Musical, novità per i Negramaro

Intervista al regista della Divina Commedia Opera Musical, novità per i Negramaro

 
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cornacchini. Locri-Bari, il prepartita Video

 
Facevano saltare bancomat in Lombardia con dispositivo rudimentale: 3 foggiani arrestati

Facevano saltare bancomat in Lombardia con dispositivo rudimentale: 3 foggiani arrestati

 
San Valentino, Bari festeggia ballando in Largo Albicocca

San Valentino, Bari festeggia ballando in Largo Albicocca

 
Centinaio annuncia: «Presto decreti su gelate e Xylella»

Gilet arancioni, Centinaio: «Presto decreti su gelate e Xylella»
Emiliano: «A marzo piano sviluppo»

 
Foggia, rapinatori seriali arrestati in flagrante: incastrati da un buco sulla serranda di una tabaccheria

Un buco sulla serranda di una tabaccheria incastra rapinatori: 4 arresti a Foggia

 
squadra mobile

squadra mobile