Venerdì 23 Agosto 2019 | 22:14

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo il Cinzella Festival
Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

 
Il caso
Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

 
Le caretta caretta
Fiocco «rosa» sulla spiaggia di Pescoluse: 25 tartarughine si tuffano in mare

Fiocco «rosa» sulla spiaggia di Pescoluse: 25 tartarughine si tuffano in mare

 
Lo spettacolo
La colazione a Torre Guaceto: papà folaga nutre i suoi piccoli

La colazione a Torre Guaceto: papà folaga nutre i suoi piccoli

 
Dolci sorprese
A Bitonto arriva il «gelato sospeso»: iniziativa di solidarietà

A Bitonto arriva il «gelato sospeso»: iniziativa di solidarietà

 
Lavori antichi
Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

 
L'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 
L'iniziativa
Santeramo, Antonella e Nunzio in barca vanno a pesca di plastica

Santeramo, Antonella e Nunzio in barca vanno a pesca di plastica

 
Musica
Da Bari ai «big» del rap, lui è Strage: scrive per Salmo e Fabri Fibra

Da Bari ai «big» del rap, lui è Strage: scrive per Salmo e Fabri Fibra

 
Dopo Matera
James Bond sbarca a Gravina ed è polemica: area archeologica ceduta come set

James Bond sbarca a Gravina ed è polemica: area archeologica ceduta come set

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

NewsweekDopo il Cinzella Festival
Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

 
PotenzaLavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
LecceL'evento
Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

 
BatIl caso
Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

 
FoggiaLotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 
MateraIl sogno
Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

 

i più letti

film in puglia

Campiotti: «Con 'Figli'
racconto un altro Sud»

Giacomo Campiotti

BARI - «Ormai si parla moltissimo di Sud in tantissimi film già fatti e che sua stanno facendo. Ma come penso un pò ne soffriate qui, ci sono sempre tantissimi luoghi comuni e sempre le stesse storie. Spero che la mia abbia un punto di vista abbastanza originale, che è quello di un ragazzo, e della possibilità di riscatto che nasce e si sviluppa tutto nel Sud, dove c'è anche una parte molto forte, e mi sembra sempre crescente, che sta cercando di spostare il timone da un’altra parte». Lo ha detto il regista Giacomo Campiotti parlando con i giornalisti che oggi a Bari ha incontrato sul set di 'Figli'.
«Il film - ha sottolineato il regista - parla decisamente del Sud, penso e spero con una certa originalità, cioè con un punto di vista nuovo». «E' una storia di impegno civile e di riscatto - ha spiegato - sul coraggio e la possibilità di cambiare la propria vita: la storia di un ragazzo che deve scegliere la propria strada anche se la sua famiglia lo sovrasta». Quindi, ha concluso, è anche la storia di un Sud dove «ce la si può assolutamente fare se si ha la volontà, perché le capacità ci sono».

Al contrario il regista spara a zero contro le ultime fiction che fanno dei criminali un modello per i ragazzi. «Personalmente sono contrarissimo, non come regista ma come uomo e come padre, alla rappresentazione dei criminali che poi spesso diventano dei modelli per i ragazzi», perché in maniera «pericolosa» e «irresponsabile» vengono rappresentati «molto fighi e spregiudicati», ma «viene raccontata poco la miseria umana che c'è dietro: la povertà umana e spirituale profonda, e l'infelicità che queste persone vivono».  

Il regista, al quale è stato chiesto come mai ci sia una grande attenzione del pubblico per fiction che si concentrano sulla criminalità, come ad esempio Gomorra, ha evidenziato che «la televisione italiana» sta «seguendo il modello americano» e quindi «cerca dei film violenti, forti». «E quindi, banalmente - ha aggiunto - se vuoi ambientarli in Italia, e pensi a situazioni dove sia possibile avere scene action, con sparatorie e omicidi, vai a cadere su quello che è la camorra, la mafia». «Ma l’esigenza di spettacolarizzare - sottolinea - secondo me tradisce anche il senso della storia». «Non basta - ha concluso - parlare di impegno sociale e raccontare temi importanti, perché quello che conta è come li tratti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie